Curiosando qua e là

Firmato l’accordo tra comune di Genova e Fondazione San Paolo

Firmato l’accordo tra la Fondazione San Paolo ed il comune di Genova che prevede 15 milioni di euro per tre anni ai quali si potranno accompagnare altri 2 milioni per anno destinati a progetti del comune incentrati sulla transizione digitale e-o ecologica; alla sottoscrizione dell’accordo erano presenti il sindaco Marco Bucci, l’assessore alle politiche culturali Barbara Grosso ed il presidente della Fondazione Francesco Profumo.

“Il protocollo prosegue quello di due anni fa su tre asset, cultura, pianeta e sociale per una durata di tre anni, a differenza di quello precedente di soli due anni”, dichiara l’assessore Grosso, “per un totale di 21 milioni. Per ogni anno si avranno cinque milioni da destinare a progetti in continuità mentre gli altri due verranno stanziati per progetti dedicati al comune sulla transizione digitale ed ecologica; questo è un lavoro importante che permette lo sviluppo di una strategia culturale per il sistema dei musei. Il protocollo è frutto di un lavoro di squadra affinchè vengano colti tutti i bisogni della città; rivolgo al presidente Profumo un sincero grazie dicendo che dal comune ci sarà sempre massima disponibilità e queste risorse permettono di avere una realtà territoriale più forte rendendo Genova sempre più attrattiva. Per noi è molto importante avere questi fondi che trasmettono fiducia verso la nostra città che alza il livello sociale ma voglio ricordare alcuni interventi di rinnovamento, riqualificazione e valorizzazione del patrimonio artistico della città oltre ad azioni a sostegno di Palazzo Ducale, dei principali teatri cittadini tra cui il Teatro Nazionale e l’Istituto Storico della Resistenza mentre per quanto riguarda il sociale non voglio dimenticare la Casa di Quartiere della Val Polcevera”.

Stessa soddisfazione da parte di Francesco Profumo, presidente della Compagnia di San Paolo :”Questa è una grande opportunità per la città poichè l’accordo che firmiamo è una sorta di vaccino che crea anticorpi all’ente comunale; la qualità delle risorse è alta e la base di continuità prevede il coinvolgimento di due settori, sociale e cultura. Bisogna guardare al futuro per avere maggiori competenze e gli enti hanno bisogno di processi di inserimento per la transizione; i due milioni destinati a questo settore sono risorse strategiche di base per attrezzare l’ente al meglio ed i fondi comunitari devono essere spesi in un certo modo. Vi è assoluta necessità di creare le condizioni perchè le opportunità dei prossimi anni siamo realtà allineandosi alle logiche del documento di programmazione 2021-2024 senza dimenticare l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite ed i suoi obiettivi. La compagnia fa sviluppare il territorio portandosi gli stakeholders e le sue relazioni; accompagneremo il comune nella creazione di di un’istituzione più capace per intervenire anche in relazione al Recovery Fund con attività strutturali. Genova è cambiata dopo la tragedia del Ponte Morandi ed occorre una particolare attenzione al bene comune senza dimenticare le persone e le attività culturali destinate a turisti e residenti; vogliamo una città in cui si possa vivere meglio, con maggiori opportunità per i giovani e attraente dal punto di vista culturale”.

“Quella di San Paolo è una realtà vecchia ma è bello vedere che cose così sono sempre attive; tra i nostri obiettivi abbiamo le ricadute sul territorio ed il miglioramento della qualità della vita. Ci piace alzare il livello di cultura ma chiediamo ed accettiamo suggerimenti per lavorare insieme in team; vorremmo che il progetto fosse esteso ad altri comuni del comprensorio. I progetti per il rinnovamento dell’eco-compatibilità faranno di Genova il primo porto sostenibile del Mediterraneo grazie ai finanziamenti del Recovery Fund, allineato con il progetto della Compagnia che guarda al futuro; occorre fare crescere le persone con un’eco-sostenibilità studiata senza dimenticare lo scambio di risorse umane che porta a grandi risultati. La Compagnia di San Paolo aiuta Genova a crescere e continuerà a farlo; ringrazio tutto il team dicendo che questo è solamente il punto di partenza per cui tanti enti genovesi avranno ricadute positive. Tante realtà del terzo settore saranno aiutate e la Compagnia lavora a livello regionale; mi piace molto la parte dei programmi finanziata per una digitalizzazione eco-sostenibile poichè il PNRR ed il Recovery Fund si basano su questo avendo una sorta di allineamento in modo che tutti i settori del comune e delle altre organizzazioni lavorano sulla stessa lunghezza d’onda”, conclude il sindaco Bucci.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: