Curiosando qua e là

Genova, partita la seconda fase del progetto Insieme per Sottoripa

Entra nella seconda fase il progetto “Insieme per Sottoripa”; il progetto, partito nel 2019, ha come obiettivo la valorizzazione di Via Sottoripa, dorsale di raccordo tra il Porto Antico ed il centro storico. Il protocollo operativo, firmato alla presenza dei soggetti coinvolti, prevede interventi nel tratto tra Via Pontereale e Piazza Raibetta.

“Ringrazio gli uffici del comune, l’assessore Garassino e tutti i soggetti coinvolti dicendo che l’interazione è importante”, dichiara Giorgio Viale, assessore alla sicurezza del comune di Genova, “e la pubblica amministrazione collabora con gli enti, le persone ed altre realtà territoriali per il recupero della Sottoripa, ereditata in stato degradato dall’amministrazione precedente. La collaborazione di così tanti elementi è importante e sono stati investiti 80.000 euro per un lavoro a 360 gradi; questa zona è l’atrio nobile del centro storico e dobbiamo essere ottimisti per il futuro. Il protocollo è molto importante per gli anni a venire poichè serve una Sottoripa messa bene”.

Parole simili da parte di Andrea Carratù, presidente del Municipio I Centro Est :”Ringrazio tutta la giunta dicendo che questo percorso è molto importante ma si vuole concludere il lavoro al più presto; la sicurezza, anche quella percepita, è fondamentale e ringrazio in questo senso la Polizia Municipale per i loro interventi. La collaborazione con le associazioni e le persone è fondamentale ed i risultati sono importanti ma il Piano Caruggi prevede il completamento dei lavori nei prossimi cinque anni”.

“La Sottoripa è un progetto importante e necessario visto che la zona è degradata ed occorre una bonifica ambientale per il territorio”, afferma l’assessore Garassino, “ed il mio sincero grazie è rivolto alle associazioni dei commercianti che ci hanno aiutati nel fare sinergia senza dimenticare l’assessore Piciocchi e l’architetto Cenci. La fase due è molto importante poichè la zona, soprattutto alla sera, sarà più sicura, illuminata e controllata; i Giardini Baltimora saranno ultimati a breve ed il Decreto Salvini ha stanziato fondi per la bonifica delle aree degradate ma la mia speranza è che altri ministri dell’Interno ne capiscano l’importanza per rendere certe zone della città sempre più sicure”.

“Questa iniziativa è importante visto che è frutto di un importante lavoro di squadra”, sottolinea l’assessore all’ambiente Matteo Campora, “condiviso con le società partecipate e e la collettività senza dimenticare un contatto diretto con i condomini. La seconda fase del progetto è importante e molto bella ma spero che il  modello in questione possa essere replicato; la città in questo modo si rinnova e al nostro insediamento, nel 2017, abbiamo trovato molte difficoltà. Questo lavoro è portato avanti in team per migliorare la vivibilità del centro storico facendo un importante sforzo su una zona di qualità che vogliamo valorizzare”.

“Siamo orgogliosi di partecipare a questo progetto visto che è un modello vincente”, evidenzia Pietro Pongiglione, presidente di AMIU, “con importanti risultati. Ringrazio il nostro personale che lavora bene e con passione e questo modello può essere usato per altri lavori; il progetto, iniziato nel 2019, va avanti a lotti e AMIU ha fatto sua la parte relativa al decoro urbano collaborando con le istituzioni senza dimenticare realtà come Confesercenti e gli amministratori di condominio”.

“Ringrazio tutti dicendo che il lavoro dell’assessore Garassino è il precursore di quello di oggi con il Piano Caruggi”, ricorda l’assessore al centro storico Paola Bordilli, “ma da sola l’amministrazione può fare poco ed occorre quindi una collaborazione con i privati. Quando ci siamo insediati, nel 2017, l’area della Sottoripa era degradata ma ad ora siamo riusciti a cambiare le cose con importanti risultati; occorre continuare così ed il progetto prende spunto dalla logica dell’integrazione terra- piani strada. La collaborazione mi piace molto e voglio ricordare che proprio per questa zona è stata emessa l’ordinanza anti-alcol replicata in altre zone della città. Nel 2019 sono partiti i primi lavori nella zona ovest in Via Ponte reale mentre ora si va a trattare la zona est con risultati visibili e concreti; grazie alla condivisione con i privati siamo riusciti a fare un percorso condiviso ed il pubblico deve dialogare con il privato per la fruibilità del centro storico. Noi ci stiamo impegnando ma i privati devono aiutarci”.

“Crediamo nella partnership e per i negozianti è semplice poichè se il degrado viene contrastato vi è spazio per il buon commercio”, asserisce il vicepresidente vicario di Confcommercio Alessandro Cavo, “e percorsi di questo genere devono proseguire. In passato sono state effettuate operazioni a spot che non sono servite a nulla ma questa possibilità è molto importante; la Sottoripa è l’atrio nobile del centro storico perchè vicino all’Acquario e al Porto Antico ed il circolo virtuoso deve proseguire con massima collaborazione da parte nostra”.

“Ringrazio il comune dicendo che l’unione fa la forza”, afferma Francesca Pescetto per Confesercenti, “ma l’obiettivo principale della collaborazione è quello di ripristinare il centro storico”.

“Rivolgo un sincero grazie ai soggetti coinvolti per questa importante opportunità; la collaborazione tra pubblico e privato è fondamentale per la sicurezza e siamo a disposizione del comune per collaborare”, conclude il rappresentante degli amministratori di condominio.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: