Curiosando qua e là

I Volti ritrovati, la donazione dei Busti Gentile di Daniele Solaro

Finalmente ritrovati i due busti di marmo dei coniugi Gentile realizzati dallo scultore Daniele Solaro dati perduti dopo i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale e donati al comune dalla famiglia Lavarello; all’inaugurazione erano presenti l’assessore Barbara Grosso, il rappresentante della procura, il luogotenente dei Carabinieri Carlo Ferro, lo storico Gabriele Langosco ed il sovrintendente Pietro Boccardo.

“Ringrazio tutti coloro che hanno reso possibile questa presentazione senza dimenticare i Carabinieri”, dichiara l’assessore Grosso, “e questo è un bel momento per Genova. Restituiamo alla città due importanti busti il cui posto è presso la Chiesa dell’Annunziata con un’importante storia per i visitatori; per guardare al futuro occorre conoscere da dove veniamo. La restituzione è stata una sorta di donazione e nei prossimi mesi saranno collocati nella sua postazione originale”.

Parole simili da parte del rappresentante della Procura :”Abbiamo avuto un ruolo secondario ed abbiamo conosciuto la storia grazie al Nucleo Carabinieri per la tutela del patrimonio culturale; sono stati effettuati accertamenti dai quali è emerso che i busti sono stati trafugati subito dopo i bombardamenti del 1943 e ritrovati ora. Non vi è traccia dei diversi passaggi e questi busti sono stati realizzati alla metà del 1600 circa per la Cappella Gentile; se ci sono stati reati questi sono stati commessi dopo il 1943 e non si può applicare la normativa dei beni ecclesiastici poichè queste opere non lo sono. La cappella è stata concessa con lo ius patronato dall’autorità ecclesiastica dell’epoca con una norma dei primi del ‘900; non ci sono vincoli reali ed i busti sono stati consegnati al comune visto che non ci sono stati vincoli per i beni di interesse storico ed artistico”.

“Sono state effettuate indagini per accertare la corrispondenza dei busti e capire se ci sono responsabilità penali attuali”, afferma Carlo Ferro, luogotenente dei Carabinieri per la tutela del patrimonio culturale, “e se la consegna è lecita. Abbiamo acquisito documenti storici ed i busti erano in chiesa nel 1943 ed una foto li ritrae intatti dopo i bombardamenti della guerra; nel 1965 si parlava di scomparsa ed il detentore attuale non è responsabile. Abbiamo informato la procura e la nostra attività qui è finita dopo aver accertato le condotte di tutti i convenuti che hanno avuto senso civico e generosità; la nostra attività è iniziata dopo aver rintracciato il bene e i due busti sono stati ritrovati in possesso di privati che li ha restituiti al comune. Abbiamo accertato che se ci fossero responsabilità penali degli attori identificati cercando anche documenti storici; le circostanze del furto non sono note e non dobbiamo escludere una messa in sicurezza dei beni. La cosa fondamentale è l’obbligo di comunicare alle autorità se si è in possesso di un bene oggetto di delitto ed in questo caso è stato fatto”.

“La Chiesa dell’Annunziata è dal 1863 proprietà del comune di Genova”, sottolinea Pietro Boccardo, sovrintendente alle civiche collezioni, “così come i beni presenti al suo interno. Nel 1950 è stato effettuato il restauro della cappella ed i busti erano spariti; ringrazio la famiglia Lavarello per averli restituiti appena venuti a conoscenza della storia e mi sento di dire che i busti sono in ottime condizioni e non necessitano di restauro. A breve queste opere saranno posizionate nella chiesa comunale per poter essere visibili da tutti”.

“Lo studio della storia genovese è molto importante e lo scultore barocco Daniele Solaro ha realizzato questi due magnifici busti che ora sono temporaneamente collocati a Palazzo Bianco; i due ritratti non furono ispirati a persone vive ma ma vennero commissionati dai nipoti al famoso scultore e nella cappella Gentile troveranno ad accoglierli la pala d’altare di Domenico Piola che nel 2022 rientrerà dopo un restauro conservativo importante”, conclude lo storico dell’arte Gabriele Langosco.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: