Il punto di Virginia

Il punto di Virginia

Zumbiamo o balliamo?

Era maggio del 2015 quando alle prese con l’organizzazione della seconda edizione dell’ Holi Fusion Festival, il festival dei colori, al Palavela di Torino, ecco arrivare nella mia vita Nathali Alomia di sangue colombiano e spirito libero come ama definirsi, insegnante a quel tempo di Zumba e di Twerke.

Energia esplosiva, bontà assoluta, professionalità altissima, che riuscì, credendo nel mio progetto visionario a coinvolgere ben 30 maestri istruttori di Zumba di tutto il Piemonte e riempire così il terzo palco dell’Holi Fusion, con un crescendo esplosivo di musica, ballo ed empatia con i giovani e giovanissimi presenti alla manifestazione durata dodici ore.

Nathali Alomia è stata la persona che in tutti questi anni è sempre stata presente per qualunque progetto le proponessi.

Nathali ha viaggiato moltissimo all’estero tra Los Angeles, Miami e Orlando per seguire convention internazionali di Zumba sempre più professionali e nel contempo lavorando, nei più importanti villaggi turistici per portare questa disciplina divertente ma faticosa, che combina i ritmi e i movimenti della musica afro-caraibica con i movimenti tradizionali dell’aerobica.

Si è affermata negli ultimi anni in tutto il nord Italia, particolarmente in Piemonte, calcando palchi e festival che l’hanno reso la più importante icona della Zumba.

Nathali…ma vogliamo chiarire cosa è esattamente lo Zumba? E quali benefici comporta?

Lo Zumba Fitness è un programma di esercizio fisico motorio creato dal ballerino e coreografo colombiano Alberto “Beto” Perez negli anni ’90.

E’ un connubio tra danza e ginnastica aerobica, tra Hip Hop Merengue, Mambo e Salsa.”

La cosa più bella nelle lezioni di Nathali è la sua carica esplosiva, la sua gioia di vita, il suo sorriso contagioso, la sua umanità che supera ogni barriera e non ultimo la sua estrema sensualità in ogni esercizio.

Ma Nathali è ancora altro, è una professionista del benessere e attraverso la sua meditazione e il Pranic Healing ci aiuta a capire in modo più limpido e più chiaro chi siamo, a ripulirci dagli influssi negativi.

In tutti questi anni- Nathali -mi hai parlato del Pranic Healing,e lo abbiamo applicato in diversi casi di persone che per malattia o disagio personale fossero recettive. Come ce lo spieghi?

L’applicazione del Pranic Healing- aggiunge Nathali – permette di ripulirsi da influssi negativi e offre il modo per ricaricarsi rapidamente dalle fatiche fisiche e mentali della giornata.

Perfino gli atleti professionisti utilizzano trattamenti Pranic Healing per ridurre notevolmente i tempi di inattività dopo lesioni o interventi chirurgici e minimizzare l’assunzione di antidolorifici.
Oltre che nella cura, Pranic Healing viene utilizzato anche nell’arte, per riportare entusiasmo creativo, e dare così maggior impatto energetico alle opere d’arte.

I genitori spesso lo usano per aiutare i loro figli a risolvere problemi fisici e comportamentali comuni, tipici della prima infanzia e adolescenza.

Applicando queste tecniche di guarigione qualsiasi aspetto della vita può essere armonizzato e guarito, salute, relazioni, affari ma questo potente insegnamento può arrivare anche oltre.

Scrivetemi a chiediloame@gmail.com o contattaci in redazione al numero 348 544 0956 e saremo felici di aprire un contatto diretto o una chat fra me e voi.!!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: