Politica

Comunali di Savona: una pars destruens e una par costruentes per la coalizione del civismo democratico progressista

Riflessione del politologo Franco Astengo

In vista delle elezioni amministrative del 3 ottobre prossimo i diversi soggetti savonesi appartenenti ad un’area politica comune che potremmo definire di “civismo democratico progressista” hanno già realizzato alcuni importanti obiettivi riconoscendosi nella candidatura di Marco Russo ed elaborando, attorno alla “Agenda” da lui proposta un insieme di riferimenti programmatici che rendono il “Patto per Savona” soggetto sicuramente in grado di funzionare da forte richiamo di aggregazione sul piano sociale e di conseguenza elettorale.

In questo momento, inoltrandoci nella fase più direttamente riferita allo sviluppo della campagna elettorale, è il caso di soffermarci in un tentativo di analisi utile a far sì che, da parte dei diversi esponenti della coalizione siano introdotti nel dibattito cittadino alcuni riferimenti prioritari .

Va impostata una trama di priorità comuni anche nell’articolazione stessa dei vari momenti della campagna elettorale.

Priorità che poi dovranno essere declinate e articolate seguendo opportunamente le diverse sensibilità di espressione derivanti dalla specifica appartenenza culturale e politica di ciascun soggetto.

Questa parte di ragionamento, fermo restando il riferimento generale all’Agenda, può essere diviso in due parti, quella “destruens” e quella “costruens”.

Andando per ordine:

PARS DESTRUENS :

1) La coalizione che teoricamente sarebbe chiamata a presentare il bilancio dell’amministrazione uscente si è sottratta a questo compito. Lo si potrebbe giudicare ( e va fatto rilevare) un maldestro tentativo di sfuggire ad una valutazione complessiva sul concreto svolto dall’amministrazione uscente che sta cercando di definire altrove “il terreno della contesa”.

2) Il secondo fatto anomalo sarà rappresentato dall’assunzione diretta di responsabilità del Presidente della Regione Toti al riguardo dell’esito delle elezioni savonesi e, di conseguenza, della candidatura Schirru. Appare evidente fin dalle prime mosse fin qui compiute: ai savonesi sarà implicitamente richiesto di votare in modo da omologare il colore della loro futura amministrazione a quella regionale. Si tratta di una questione complessa dalle molteplici sfaccettature che non potrà però essere affrontata da parte della coalizione del “civismo democratico progressista”fidando soltanto nella bontà delle proprie espressioni progettuali e nella capacità di aggregazione sul territorio da parte dei soggetti che la compongono.

Nello specifico (molto particolare della Liguria) il tema del rapporto con la Regione dovrà essere affrontato su due versanti: quello della sottolineatura con forza dell’assenza dell’amministrazione uscente dalla competizione ( ricordando anche la debolezza della componente di “savonesità” nella formazione della giunta uscente) e quello della costruzione di una visione alternativa posta su di una dimensione territoriale diversa da quella limitata alla sede comunale.

Sulla “Savona fuori di Savona” si giocherà una fetta importante dell’esito della competizione in corso.

PARS COSTRUENS

E’ naturale che non si potrà rispondere al tipo di impostazione avanzata dal centro destra in maniera semplicistica rivendicando una sorta di campanilistico “derby”. Savona versus Genova (a parte i tentativi di deviazione del discorso avanzati attraverso richiami populistici dal candidato – Sindaco espresso e sponsorizzato dal presidente della Regione) .

La coalizione del “civismo democratico – progressista” che sostiene Marco Russo dovrà quindi trovare elementi fondamentali di comune coesione attorno ad alcuni postulati molto precisi, alcuni dei quali si cercheranno di indicare in questa sede in maniera assolutamente indicativa e schematica:

a) quello della Città capoluogo. Dizione dal duplice significato: si tratta di costruire una massa critica nei rapporti con Regione e Governo e dimostrarsi fattore di unificazione a livello provinciale;

b) quello della comprensorialità. L’idea della comprensorialità deve essere sviluppata attraverso un vero e proprio salto in avanti attraverso una indicazione concreta di stipula di una Alleanza Territoriale tra i comuni della costa e quelli dell’entroterra cui affidare almeno sei missioni d’intervento: infrastrutture (portuali, ferroviarie, stradali e di recupero delle aree industriali dismesse); il piano regolatore delle connessioni (affrontando a livello sovracomunale la spinosa questione del digital divide); Sanità, con il ribaltamento territoriale in stretta connessione con il sociale (recuperando una strategia socio-sanitaria posta sul terreno del servizio pubblico) e la difesa e implementazione della realtà dei presidi esistenti; Energia: chiusa la partita del gas rimane comunque la necessità di far sì che il nostro comprensorio si ponga all’avanguardia in questo campo, ad esempio, nella produzione dell’idrogeno verde; Difesa ambientale (con la gestione diretta e non delegata delle importanti aree verdi presenti sul territorio); la questione di una presenza culturale diffusa esaltando il legame tra il campus di Legino e il territorio e la valorizzazione delle forte presenza associativa.

c) quello del federalismo municipale. Il rilancio dei quartieri non potrà avvenire (anche qui sarà necessario comunque un discorso sovracomunale) se non individuando la stabilità di una struttura istituzionale – amministrativa – tecnica e alcune missioni di fondo affidate a strutture stabili di collegamento tra le diverse parti della Città: rovesciamento territoriale in campo socio – sanitario (con forti elementi di gestione diretta sul territorio) ; contributo alla ricucitura degli “strappi urbanistici”attraverso una partecipata co-progettazione impostata dalla regia pubblica; rilancio del commercio “diffuso”.

Si tratta, infatti, di ricercare alcuni elementi su cui poggiare una solida prospettiva di governo, nella quale dovrà risultare centrale il ruolo del consiglio comunale.

Una prospettiva di governo posta anche e soprattutto sul terreno dell’innovazione istituzionale per far sì che cresca una nuova classe dirigente nella determinazione di diversi equilibri sociali e politici.

Sarà proprio dalla ricostruzione di adeguati equilibri sociali e politici che si potrà determinare quella crescita di qualità sul piano culturale da intendersi come strumento indispensabile per far uscire Savona dal declino.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: