Cultura e Musica

A Borghetto Santo Spirito anteprima nazionale cinematografica

La locandina del film

SAVONA. 16 AGOS. Una prima nazionale che ha fatto il botto per due sere al Cinema Arena Vittoria di Borghetto. “Come un gatto in tangenziale. Ritorno a Coccia de morto” ha riportato al cinema una marea di persone ed è un film davvero riuscito.
Raccontare una operazione di riconversione di spazi urbani con ironia e grande fiducia nel futuro: è quello che ha cercato di realizzare, ed a mio avviso c’è riuscito in pieno, il regista Riccardo Milani.
Non era facile conciliare e far comprendere al grande pubblico la struggente bellezza di Roma con le sue sconfinate aree degradate.
Nel film la spiaggia dei super burini romani, nel comune di Fiumicino, è prima presentata come un incubo per il protagonista Giovanni (Antonio Albanese), ma alla fine come un gioioso e vitale punto di aggregazione. Le profonde differenze con la coatta Monica (Paola Cortellesi) si riducono anche grazie alla messa in pratica dell’ enciclica “ Laudato Si’” di Papa Francesco che nel quartiere viene abbracciata a pieno da Don Davide (Luca Argentero). Anche la riproposizione del cast del primo film risulta vincente.
Intanto anche grazie alla conoscenza del grande pubblico attraverso il precedente “Come un gatto in tangenziale” (uscito nel 2017, con incasso superiore ai 10 milioni euro), Coccia di morto si è rifatta il look. Sono state bonificate molte aree, con l’aiuto degli Aeroporti di Roma, demoliti alcuni fabbricati degradati: insomma il successo cinematografico ha contribuito a trasformare questa località sconosciuta in una meta di turismo.
Coccia di morto è una pineta monumentale, sita in una riserva naturale, che arriva fino alla spiaggia: per 600 metri è riservata ai nudisti, quindi prosegue a Focene.
L’altra borgata messa in evidenza dal film di Milani è Bastogi dove sorge l’ex residence che ufficialmente non ha nemmeno la destinazione d’uso abitativa, nel quale vivono quasi duemila persone. Anche qui si stanno realizzando progetti di riqualificazione dopo l’ abbandono in cui versava il quartiere negli ultimi trent’anni. Borgata periferica di Roma Nord, Bastogi sorge a metà strada tra Torrevecchia e il Quartaccio.
Il Covid pur non essendo mai nominato nel film è ben presente nel raccontare tanta parte di quelle persone che a seguito della Pandemia hanno perso il lavoro e sono entrate nel novero dei nuovi poveri.
Si ride certo, ma il film è anche sostenuto da un forte senso etico e civico, attraverso il quale si è cercato di raccontare due anime del Paese divise da un profondo solco culturale.
Altro merito del film è quello di far vedere alcuni stupendi luoghi della Capitale e di farci riflettere su come spesso non sostiamo ad ammirare il bello che ci circonda, non solo in una grande città, ma anche nel più sconosciuto dei villaggi.

CLAUDIO ALMANZI

CLAUDIO ALMANZI
the authorCLAUDIO ALMANZI
Giornalista dal 1980 ha lavorato con Il Tempo di Roma, l' Ora di Palermo, Il Mattino di Napoli Il Secolo XIX di Genova (per 25 anni nelle Redazioni di Albenga e Savona) L' Avvenire (per oltre 20 anni per la Pagina Ponente Sette) Il Corriere Mercantile e con decine di testate cartacee ed on line. Ha diretto svariate testate giornali e bollettini professionali. Vive ad Albenga.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: