Cultura e Musica

Omaggio a Dante Alighieri.

Nell’ambito del consueto appuntamento con “Kéramos”, il 14 agosto scorso, si è inaugurata una sezione speciale dedicata alla Divina Commedia dantesca quale doveroso omaggio al Grande Poeta, morto nel 1321. La Galleria Gulli ha organizzato con la sezione savonese della Dante Alighieri un incontro presentato dalla Dott.ssa Anna Maroscia, in qualità di Presidente, con quattro Artisti che hanno espresso attraverso opere ceramiche alcuni personaggi e atmosfere nelle Cantiche da loro preferiti e sentiti più vicino ai propri interessi interiori, creando un momento di profonda riflessione su quello che più di ogni altro elemento storico crea il maggior legame e unico comune denominatore per coloro che sono nati e nasceranno in questa terra dove niente è banale e causale nel divenire dei secoli passati e futuri. L’omaggio a Dante si è espresso nell’unire l’arte manuale, il recitativo con la visione poetica e filosofica che in modo indelebile e originale ci ha lasciato quale eredità inestimabile e oseremo dire eterna Dante. Ciascun Autore-Artista ha scelto quei passi nelle diverse cantiche che meglio esprimono quelle necessità interiori che sono esse stesse le motivazioni per cui uno si esprime attraverso la realizzazione di impianti architettonici, l’altro crea oggetti o figure in grès mentre in forme levigate sferiche o piane di un piatto vengono riprodotte immagini o personaggi dai contorni netti attraverso un cromatismo quasi metallico o comunque particolarmente luminoso, mentre la scelta di rappresentare le tre fiere, cioè leone, lupa e lonza, è significativa di una predilezione per la riproduzione con terra policroma ma dalla superficie scabra della figura in genere. Nel rappresentare le fiere dantesche l’Artista ha voluto anche sdrammatizzare il loro aspetto aggressivo abbigliandole secondo la moda degli anni ’70 con una sorta di duplicati.

Gli episodi delle scene dantesche si sono potuti rivivere e approfondire con il recitativo che con la visione concreta delle immagini che ad esse si intrecciano hanno creato una eco interiore indelebile: la lettura dei versi da parte di Federico Ferrando, con i suoi timbri calibrati, ha sottolineato e reso più comprensibile il legame tra il pensiero dantesco, il tema preferito dal singolo Artista e la Sua stessa opera tramite la quale ha reso possibile una concreta realizzazione di tale pensiero. In questo modo la parola trae energia e credibilità grazie alla fisicità della materia con la quale il pubblico può venire a contatto.

Le opere realizzate da Sandra Baruzzi, Giovanna Crescini, Guglielmo Marthin, Anna Matola e Brenno Cresci saranno visibili in permanenza presso la galleria.

Gabriella De Gregori

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: