Attualità

Savona ospiterà la Marcia nazionale della pace

Con una lettera inviata a tutte le comunità parrocchiali e religiose, il vescovo ha annunciato che la Marcia nazionale della pace del 31 dicembre, annullata lo scorso anno per l’emergenza pandemica, avrà ancora Savona come sede, confermando così la scelta che la Conferenza episcopale italiana aveva fatto per l’edizione 2020. “Ne sono molto lieto – scrive il vescovo – anche perché ritengo che le tematiche concernenti la pace e la cultura della non violenza non debbano mai essere trascurate ed anzi chiedano oggi una rinnovata attenzione”; ed aggiunge: “V’invito fin d’ora a pregare ogni giorno per la pace e a impegnarvi in gesti artigianali, e proprio per questo fecondi, di riconciliazione e di pace”.

L’ipotesi elaborata dal gruppo organizzatore e presentata all’amministrazione comunale prevede un percorso che partirà da piazza Mameli, intorno alle ore 18 al suono della campana dei caduti, proseguirà per via Paleocapa, piazza del Popolo, via IV novembre, ponte sul Letimbro, via don Minzoni, piazza Aldo Moro (stazione F.S.) per arrivare alla prima tappa nei giardini di piazza delle Nazioni, luogo simbolico in quanto considerato “terra di spaccio” e di cattive frequentazioni. Dopo la prima tappa, la marcia proseguirà per via Leopardi, via Tasso, via De Amicis, con breve sosta davanti alla mensa di fraternità, piazza Consolazione, corso Viglienzoni, corso Colombo, Prolungamento al mare e corso Mazzini (o passeggiata Trento e Trieste) per arrivare alla seconda tappa nella fortezza del Priamar. La tappa si svolgerà nella sala della Sibilla e prevedrà collegamenti via internet con testimoni significativi. Dal Priamar il percorso proseguirà in corso Mazzini, via Pietro Giuria e via Caboto per arrivare in Cattedrale, dove, intorno alle 22,30, sarà celebrata la Messa. Ogni tappa avrà la durata di 40 minuti circa.

In vista della Marcia, la diocesi sta predisponendo un cammino preparatorio, facendo convergere verso l’evento gli appuntamenti diocesani nei mesi da settembre a dicembre. A tale scopo è stata convocata una riunione in Curia, con responsabili degli Uffici pastorali: missioni/migrazioni, Caritas, Pastorale giovanile, catechesi, comunicazioni sociali. L’ipotesi è di scandire il percorso in tre tappe: 26 settembre, Giornata dei migranti; metà ottobre, intorno al 17, Giornata missionaria; metà novembre (dal 14 al 22), un “ponte” fra la Giornata dei poveri e la Giornata diocesana dei Giovani). Si cercherà infine di coinvolgere, nella tappa iniziale della Marcia presso la campana di piazza Mameli, bambini di gruppi catechistici e, nelle tappe successive, i rappresentanti delle comunità cristiane ortodossa ed evangelico-metodista e dei musulmani.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: