Curiosando qua e là

Al via la prima edizione di Genova Jeans

Ha preso il via Genova Jeans che per alcuni giorni vedrà protagonista la famosa tela blu per le vie di Genova attraverso incontri, mostre, conferenze ed una riscoperta delle origini della famosa stoffa; all’avvio dell’evento erano presenti il sindaco Marco Bucci, l’assessore regionale Andrea Benveduti, gli assessori del comune di Genova Barbara Grosso e Paola Bordilli ed i principali sponsor.

“Saluto tutti i presenti dicendo che oggi inizia un percorso importante per Genova e ringraziando gli sponsor”, dichiara il sindaco Marco Bucci, “ma come sindaco e genovese voglio impostare cinque flash : il recupero della tradizione con un messaggio importante per cui i genovesi devono conoscere la loro storia, la visibilità per il futuro, la blu line che trasmette il messaggio per cui il jeans è indossato da tutti e ovunque, una sorta di veicolo orizzontale, senza dimenticare il jeans della pace, l’ecosostenibilità della produzione riducendo l’acqua, usando coloranti biocompatibili ed impiegando un lavoro sostenibile, il recupero delle vie e dei palazzi del centro storico con il Progetto Caruggi valorizzando l’aspetto turistico e commerciale. ArteJeans ha in sè un’importante collezione di artisti che speriamo possa aumentare e sarà esportata all’estero, soprattutto nel Regno Unito, negli Stati Uniti ed in Svizzera; ringrazio le aziende che partecipano ma la vera sfida è quella, per tutti i genovesi, di riscoprire i valori, le tradizioni, la cultura senza dimenticare l’aspetto turistico e commerciale. Il jeans trasmette un importante messaggio trasformando questo tessuto in un modo di vivere e pensare; un’azienda genovese ricicla i tessuti e questa tela ha in sè un modello ecosostenibile. Genova punta sull’ecosostenibilità con il Recovery arrivando fino al porto ed al trasporto pubblico; questo evento diventerà fisso con importanti numeri ed in merito ai costi voglio dire che per alcuni si spende poco mentre per altri troppo poco ma il vero obiettivo è la visibilità derivante dalla manifestazione”.

Stessa soddisfazione da parte di Manuela Arata, presidente di Genova Jeans :”La mostra storica è emozionante ma voglio ricordare la Via del Jeans che coinvolge Via Prè, Via del Campo e Via San Luca; per noi la produzione italiana è importante poichè è diversa da quella del Terzo Mondo che sfrutta i bambini. Il Museo del Risorgimento vede protagonisti i jeans dei garibaldini e con Ursula Casamontis è nato il progetto di Arte Jeans; abbiamo dato agli artisti una tela jeans utilizzata per la realizzazione di opere ma non voglio dimenticare il Museo Diocesano con i Teli della Passione. Sono orgogliosa di aver aperto, dopo 20 anni di chiusura, lo spazio del Metelino che potrebbe ospitare una parte del Museo del Jeans che sarà realizzato in maniera diffusa sul territorio; ci piace molto che gli artisti abbiano donato le loro opere e a breve verrà realizzato un progetto ad hoc per i croceristi. Ringrazio l’amministrazione nella persona del sindaco Bucci, la regione, l’Istituto del Commercio Estero, la Compagnia di San Paolo, Costa Crociere, Esselunga e l’Università di Genova”.

“Pochi sanno che il jeans è nato a Genova”, ricorda in videoconferenza il presidente Toti, “e questo è un modo importante di usare la nostra storia per ricostruire il nostro futuro”.

“Ringrazio il sindaco Bucci e tutti coloro che hanno collaborato”, afferma l’assessore regionale Andrea Benveduti, “ricordando che questo evento è importante per l’economia della regione poichè è anche l’inizio di un progetto più grande per il recupero della memoria. Il jeans è uno strumento di lavoro ma occorre usare il branding per un corretto marketing territoriale che attragga i turisti qui. La sfida è difficile ma molto importante; il jeans è usato in tutto il mondo ma è nato qui e bisogna sfruttare questa occasione per aumentare la visibilità e questo evento è un punto di partenza. Le polemiche non mi interessano e sono convinto che si parli per invidia”.

“Ho ricevuto la chiamata del sindaco per questo progetto che mi è subito piaciuto”, sottolinea Carlo Maria Ferro, presidente di ICE (Istituto per il Commercio Estero), “perchè i prodotti italiani vengono promossi anche all’estero avendo importanti opportunità. L’export, così come la sostenibilità, è molto importante ed occorre fare cose nuove; il jeans può diventare la terza icona dopo il Salone Nautico ed Euroflora con un importante attenzione al territorio. Nel 2020 il settore della moda ha avuto grosse perdite e spero che questo evento, una sorta di primo passo verso una grande avventura, possa avere in sè tradizione ed innovazione”.

“L’idea dell’arte contemporanea legata al jeans mi piace”, evidenzia Ursula Casamonti, “ed abbiamo dato una tela agli artisti che ci hanno poi donato l’opera. Il Metelino è un bel luogo ed ha in sè un’importante forza tra le opere ed il cantiere ma spero che l’amministrazione comunale appoggi il progetto del museo; le polemiche sono sterili ed inutili ma l’arte ha in sè un valore importante ed il jeans in questo settore è una novità assoluta. Per i prossimi anni vorremo aprire ad artisti internazionali e vorrei che venisse realizzato il Museo di Arte Contemporanea legato al jeans”.

“Genova deve dimostrare che il jeans è italiano”, ribadisce Alberto Candiani di Candiani Denim, “e siamo qui per parlare del futuro. Il jeans è inquinante ma occorre cambiare le cose con un’innovazione sostenibile e questo evento ha un impatto culturale importante”.

“Il progetto ci piace e Genova ci insegna cosa siamo”, ricorda Andrea Rosso, “ed il percorso di Via Prè è molto importante. Occorre un’etica sostenibile poichè chi compra deve sapere dove e come il prodotto è realizzato”.

“Questo evento è importante visto che riprende il nostro dna e questa tela, usata da tutti noi, ha in sè un simbolo di fratellanza, unione e pace”, dichiara l’assessore Laura Gaggero, “e costruiamo lo sviluppo economico su un assett in città. Vogliamo che questo sia un evento annuale attraendo sponsor sempre più importanti senza dimenticare nuovi insediamenti commerciali e turistici; mi piace ricordare tutti gli eventi collaterali, i concerti, la Lanterna ed i vicoli illuminati di blu per rilanciare Genova nel mondo”.

“Il jeans è nato a Genova e questa manifestazione deve unirci lavorando tutti nella stessa direzione”, sottolinea Barbara Grosso, assessore del comune di Genova, “ma voglio ricordare la mostra presso il Metelino così come Via del Campo e Via Don Gallo illuminate in blu per i jeans ed in rosso per Garibaldi”.

“Questo è un momento importante per il Made in Italy ed il jeans è stato portato negli Stati Uniti dove ha fatto fortuna”, evidenzia l’Onorevole Edoardo Rixi, “e Genova deve diventare la città cardine del Mediterraneo per l’import-export”.

“Manifestazioni di questo tipo valorizzano il centro storico che è vivo e l’amministrazione crede nel suo rilancio; lavoriamo tanto e rispondiamo alle critiche con il nostro lavoro”, conclude l’assessore al centro storico Paola Bordilli.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: