Attualità

Presentata la tappa di Noli dell’Italian Open Water Tour

Il 12 settembre l’Italian Open Water Tour farà tappa a Noli con chiusura ad Ischia il 9 e 10 ottobre; presenti alla conferenza stampa l’assessore regionale Simona Ferro e tutti i soggetti coinvolti che hanno illustrato questo magnifico evento.

“Ringrazio gli organizzatori dicendo che questo è un ottimo evento con protagonista il nuoto in acque libere”, dichiara l’assessore Ferro, “e mette in evidenza il legame uomo-mare. Ci saranno tre tipi di competizioni : la hard swim con partenza alle 9.30 da Finale Ligure ed arrivo a Noli, la smile swim del miglio marino alle 12.50 nel golfo di Noli e la relay swim alle 15.30 con uscita all’australiana per il cambio chip. Il nuoto sarà ancora una volta protagonista dopo le Olimpiadi e le Paralimpiadi che hanno visto il genovese Francesco Bocciardo vincere due medaglie d’oro; lo sport è importante per tutti, soprattutto per i diversamente abili, poichè permette di superare i propri limiti ed in questa occasione avremo anche Alessandro Mennella, affetto dalla Sindrome di Usher, quindi sordo dalla nascita e ipovedente legato a Marcella Zaccariello con una corda di 50 cm da coscia a coscia”.

Stessa soddisfazione da parte di Marcello Amirante, presidente della ASD I Glaciali, organizzatore dell’evento :”Il progetto è molto importante e la tappa di Noli è fondamentale per questo borgo; ci saranno iscritti da tutta Italia e 12 stati europei senza dimenticare la presenza dell’atleta Francesco Ghettini. La tappa di Noli celebra il 150 anniversario della Società Nazionale di Salvamento e questa è la sesta edizione della gara; in media ci sono circa 400 iscritti per ogni tappa ed è il posto giusto per tutti gli atleti”.

“Questa è la sesta edizione e ci piace molto avere il patrocinio della regione”, afferma Alberto Peluffo, assessore allo sport del comune di Noli, “ma voglio ricordare che il manifesto ha in sè tre elementi importanti con un’occasione per fare turismo anche fuori stagione attraverso il mare, la storia e l’entroterra per l’outdoor. Nel 2020 l’evento è stato realizzato senza la Traversata del Capo che torna quest’anno; le prove si sono tenute presso la Spiaggia dei Pescatori ma non bisogna dimenticare la finalità benefica della manifestazione”.

“Da 150 anni facciamo sicurezza”, evidenzia Franco Castagnino, dirigente nazionale Società Nazionale di Salvamento, “e ci piace molto la coincidenza tra la manifestazione di Noli ed il nostro anniversario”.

“Il progetto #MiFidoDiTe è molto importante e vede protagonista Alessandro Mennella, affetto dalla Sindrome di Usher, grave malattia genetica”, sottolinea Marcella Zaccariello, “e siamo uniti l’uno all’altra con una corda di 50 cm da coscia a coscia; tutto ciò è fondamentale per noi poichè possiamo comunicare la fiducia reciprocamente. Partecipiamo a tutte le sette tappe per 42 chilometri guardando al domani per raccogliere fondi destinati alla ricerca sulla Sindrome di Usher; ringrazio tutte le realtà che ci appoggiano e le recenti Paralimpiadi hanno trasmesso un messaggio importante per cui insieme si può fare tutto. La muta di Alessandro porta tutti i nomi di coloro che ci hanno appoggiati e con il passare del tempo i sostenitori sono in aumento”.

“Noli è una bella località”, ricorda Daniele Fui, presidente provinciale AVIS Savona, “ma sarebbe bello realizzare una manifestazione del genere e Genova. Lo sport trasmette salute, elemento importante per noi, e speriamo si possa continuare in questa direzione”.

“Donare il midollo osseo è importante e presso l’Ospedale Galliera è presente il registro dei donatori; occorre salvare delle vite e la manifestazione di Noli è una buona occasione per unire sport e solidarietà. Dopo la pandemia i donatori sono calati ma bisogna sensibilizzare i giovani nella fascia 18-35 anni ma occorrono altre occasioni per sensibilizzare verso la donazione”, conclude Nicoletta Sacchi del registro italiano donatori midollo osseo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: