Curiosando qua e là

Genova, presentate le linee di indirizzo per la promozione turistica della città

Campagne turistiche nazionali ed internazionali, prodotti mirati, sostenibilità ed accessibilità; sono queste le nuove linee di indirizzo del Piano di Marketing e comunicazione per il biennio 2021-22 mirato al sostegno degli operatori del settore; alla conferenza stampa di presentazione del progetto erano presenti l’assessore al turismo Laura Gaggero e Maurizio Caviglia, segretario generale della Camera di Commercio di Genova.

“Le parole chiave per la promozione sono campagna marketing, lavoro con gli operatori del settore, sostenibilità, app per disabili visivi, informazione diffusa e visione puntuale dei flussi”, dichiara l’assessore Gaggero, “ma occorre altresì digitalizzare le informazione attraverso i qr code ed i totem. Le esperienze nei settori green e blu sono molto importanti così come gli influencer marketing, il ritorno dei voli su Genova e la promozione cine-televisiva grazie alle serie tv Petra e Masantonio; il City Pass promuova la città ma occorre anche un dialogo con gli operatori del turismo congressuale per l’appoggio a nuove fiere. Sono stati destinati a bilancio 3,8 milioni derivanti dalla tassa di soggiorno di cui il 60% è destinato ai progetti turistici mentre la restante parte sarà impiegata per il decoro urbano; la spesa media dei turisti è aumentata del 10%, la permanenza nella nostra città è cresciuta in media di 5 giorni e nel mese di agosto abbiamo avuto il 100% delle presenze negli hotel con casi di overbooking. La campagna “Genova cogli l’attimo” che ha coinvolto circa 60 hotel e 6000 persone ha previsto la seconda notte gratis ed il City Pass gratuito nel quale erano comprese visite guidate ed esperienze di diverso tipo; a breve partiranno nuove campagne per l’autunno e per il Natale”.

“Abbiamo sottoscritto un accordo con Trenitalia e molte persone sono venute in vacanza a Genova in treno”, prosegue l’assessore al turismo, “e sia i totem digitali che i monitor touch situati nelle stazioni di Genova Principe e Brignole, a Palazzo Ducale, in Piazza De Ferrari e molti altre zone sono stati apprezzati; notevole successo è stato riscosso anche dalla mappa del turismo presso il geo-portale, dalla vendita dei City Pass presso le edicole, dalla segnaletica dei quattro tour tematici e dal canale del comune su Loquis nel quale sono presenti i primi cinque tour. Stiamo lavorando ad una guida per una Genova sostenibile per i soggetti non vedenti potenziando inoltre eventi a rilevanza turistica ed altri settori importanti come l’outdoor; nel 2020 le campagne per il turismo sono partite a giugno mentre quest’anno a maggio ma è stato sopratutto un turismo di prossimità sia italiano che straniero. I voli della KLM con l’Olanda non si sono mai fermati ed abbiamo avuto una forte presenza di olandesi; la compagnia Ryan Air ha attivato nuovi voli e l’aeroporto ci ha concesso spazi per la promozione turistica”.

“La collaborazione tra l’aeroporto e le associazioni di categoria funziona”, afferma Maurizio Caviglia, segretario generale Camera di Commercio, “ma voglio ricordare che l’aeroporto vuol dire collegamenti visto che porta le persone di fuori qui ed i genovesi altrove. La città di Savona è interessata ad una collaborazione con il nostro aeroporto visto che serve questa realtà mentre Imperia è servita da Nizza e La Spezia da Pisa; con la pandemia il turismo congressuale si è azzerato ma per le associazioni di categoria è importante investire nel settore. I problemi legati alla viabilità danno una brutta immagine della Liguria ma il Centro Congressi presso i Magazzini del Cotone è strategico poichè situato vicino all’aeroporto ed alcuni grandi hotel; a breve ci sarà un bando per la promozione del turismo congressuale e l’app “Genova Congressi” per la promozione del settore. Savona ha dimostrato interesse sul nostro territorio per cui i responsabili delle associazioni degli albergatori delle due realtà hanno condiviso i progetti ricordando che la tassa di soggiorno riscossa dal comune di Savona potrebbe servire per aiutare il progetto; se tutto ciò sarà realizzato sarà un progetto apolitico senza conseguenze dovute alle elezioni amministrative che si terranno a Savona il prossimo ottobre”.

“Vi è la necessità di coinvolgere il settore extra-alberghiero nella promozione riguardante la seconda notte in omaggio ed il City Pass gratuito  ma vogliamo coinvolgere anche altri comuni con eventi legati ad EuroFlora; abbiamo iniziato un dialogo con l’estero coinvolgendo anche i soldati statunitensi delle basi del nord Italia. Quest’anno abbiamo avuto più presenze che nel 2019 avendo la stessa capacità ricettiva aumentando il ricavo medio per camera e creando importanti sinergie con gli operatori”, conclude l’assessore Laura Gaggero.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: