Curiosando qua e là

La Polizia Locale di Genova prima in Italia a valutare l’uso del Bolawrap, il laccio immobilizza-persone

La Polizia Locale di Genova sarà il primo comando in Italia a valutare l’efficacia di un nuovo strumento in grado di immobilizzare, senza provocare loro danni fisici, malviventi o persone pericolose per sé stesse e per gli altri; si tratta del Bolawrap, non un’arma, ma un dispositivo di contenimento “da remoto”, consistente in un laccio in kevlar, una fibra sintetica dotata di grande resistenza meccanica alla trazione, che viene lanciato verso le gambe o il tronco del soggetto con l’effetto di ottenere una legatura efficace, che ne impedisce qualsiasi ulteriore movimento ed il personale è stato formato con lezioni teoriche e pratiche dai tecnici dell’azienda che importa i dispositivi dagli Stati Uniti, paese di produzione. Alla conferenza stampa di illustrazione erano presenti l’assessore del comune di Genova alla sicurezza Giorgio Viale, l’assessore regionale Andrea Benveduti ed il comandante della Polizia Locale Gianluca Giurato.

“Ci sarà un periodo di sperimentazione per testare lo strumento che è dotato di un laccio in kevlar che blocca le persone”, dichiara l’assessore Viale, “ma occorre addestrare gli operatori e capire se questo strumento, utile per la sicurezza degli agenti e dei fermati, abbia davvero un uso pratico. Il Bolawrap, già diffuso negli Stati Uniti in alternativa al taser, ha dimostrato l’interesse da parte di altre amministrazioni ma ad ora la sperimentazione è limitata a pochi operatori perchè si tratta, appunto di un test; il rischio di farsi male è presente in ogni strumento di difesa se usato impropriamente ma occorre avere qualcosa che riduce i rischi per tutti. I costi saranno valutati dopo che verrà deciso un eventuale acquisto in sede di gare di appalto”.

Parole simili da parte di Andrea Benveduti, assessore regionale alla sicurezza :”Questo strumento serve a migliorare la sicurezza ed il lavoro degli agenti; occorre valutare l’efficacia dopo un periodo di prova ma mi piace perchè dotato di forza lieve. Saranno gli stessi agenti a valutarne l’utilizzo ma occorrono strade sicure”.

“Questo strumento è più sicuro del taser, efficace ma troppo impattante, e serve qualcosa altrettanto efficiente ma con minori conseguenze sui fermati; il Bolawrap lega ma non dà la scarica elettrica ed è come venire bloccati da due persone ma senza contatto fisico assicurando l’incolumità della gente. Una delle poche criticità riscontrate è che non è adatto per gli spazi stretti; gli agenti che lo useranno ha già ricevuto idonea formazione ma voglio ricordare che nel 2021, nel centro storico, sono stati 27 gli operatori lesionati durante scontri. L’Italia è la 44esima nazione al mondo ad importare e valutare questo strumento che in alcuni Paesi, tra cui gli Stati Uniti, è già in funzione”, conclude il comandante Giurato.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: