Alla scoperta delle meraviglie d'Italia

Laives “città della mela” : un piccola perla altoatesina

Una civettuola e pulsante località di vacanza si trova a meno di 10 chilometri da Bolzano, immersa in un mare (sì, proprio un mare) di meli. Qui, in mezzo al verde, in un ambiente montano con un clima mediterraneo, potrete trascorrere una deliziosa vacanza che vi consentirà di passare da un divertimento all’altro in pochi minuti. A ovest, scoprirete il Lago di Caldaro e i Laghi di Monticolo, a est le sensazionali vette delle Dolomiti, Patrimonio Mondiale Unesco, a nord il capoluogo sudtirolese e poi il sud dell’Alto Adige con i suoi sognanti paesi vitivinicoli. Vi sto parlando di Laives che con i suoi 18.000 abitanti, è la quarta città dell’Alto Adige/Südtirol per dimensione, anche se molti la considerano erroneamente poco più che un quartiere di periferia di Bolzano facendo torto a chi vi abita e vi investe. Il ridotto appeal turistico non aiuta e così Laives resta per molti una sorta di oggetto misterioso nonostante esprima l’assessore provinciale alla cultura italiana da oltre dieci anni: Christian Tommasini prima, Giuliano Vettorato oggi. una volta raggiunta si può visitarla a partire dall’ingresso del paese, camminare lungo via Kennedy,infilarsi in alcune tipiche stradine a destra, poi a sinistra, infine salire verso il Municipio. La prima impressione è quella di ritrovarsi nella città più “italiana” della provincia. Per lo stile delle costruzioni, perché  si sente parlare pochissimo il tedesco e perché si possono notare diverse insegne dei negozi scritte solo in italiano. La lacuna più vistosa fra le altre casca subito agli occhi del visitatore rispetto alle normali città italiane:è la più evidente di tutti ed è la mancanza di una vera e propria piazza. A causa della sua conformazione, Laives appare  infatti soprattutto come un luogo di passaggio, di quelli in cui ci si ferma solo se si sa che c’è un buon ristorante, chi si è trasferito qua, però, lo ha fatto più per l’alloggio che per il vitto. Laives nel 1961 aveva 8400 abitanti, ora ne ha più del doppio ed è cresciuta a causa dell’alta tensione abitativa di Bolzano, per cui molti bolzanini si sono trasferiti verso i comuni vicini. Di conseguenza, Laives è cresciuta molto rapidamente con relativi problemi identitari e di adeguamento dei servizi pubblici. La vicinanza con Bolzano – che dista solo sette km – ha aspetti positivi e negativi. Permette di essere vicini al capoluogo e di conseguenza alla sua offerta sia dal punto di vista economico che culturale e scolastico, ma può trasformarsi in un ostacolo quando occorre far presente le intrinseche e particolari necessità. A complicare il tutto c’è la già citata conformazione urbanistica, priva di un vero centro e attraversata da una strada ad alto scorrimento. Il progetto di riqualificazione dell’arteria principale, non potrà mai permettere, però che diventi totalmente pedonale e quindi resta la necessità di creare una piazza, un centro, un intervento importante per l’identità stessa della città. Si sta lavorando anche a questo con interventi riuniti nel progetto denominato “Nuovo nucleo centrale di Laives” . L’obiettivo è la realizzazione di una piazza come luogo di aggregazione sociale, la costruzione di un edificio che completi urbanisticamente l’intervento iniziato con la realizzazione del nuovo municipio, la riqualificazione degli spazi pubblici aperti attorno al nuovo edificio ed alla chiesa parrocchiale e la riqualificazione dell’area del vecchio cimitero. Non mancano le dispute campanilistiche come nella tradizione.Incontro un passante gli spiego che vorrei raccontare Laives e chi la abita ma lui parte subito con una premessa che non lascia dubbi in proposito: «Io sono di San Giacomo non di Laives, ci tengo a precisarlo perché a Laives sono fissati con i pomi e parlano solo di quelli. A San Giacomo (frazione di Laives) siamo diversi anche da quelli di Pineta (altra frazione) perché lì son tutti veneti».Superate le premesse “etniche” provo a chiedergli del rapporto Laives-Bolzano. «A Laives soffrono di un giustificatissimo complesso di inferiorità di antico retaggio, ma credo che se diventassero un quartiere di Bolzano avrebbero da guadagnarci, almeno politicamente». Faticosamente provo a spostarlo su questioni locali doc con un orizzonte leggermente più ampio e gli chiedo della convivenza tra comunità italiana e tedesca: «Non ci sono mai stati grossi problemi. Io mi considero un sudtirolese di lingua italiana, ho tutti i nonni, credo anche i bisnonni, di Laives. Basta salire sul bus per Bolzano la mattina per capire il contesto. Si sente parlare il laivesotto, un dialetto misto, un miscuglio in cui chi parla sceglie il vocabolo della lingua che gli viene meglio. A volte in italiano, a volte in tedesco.Qui comunque nessuno si sente straniero, mentre a Bolzano lo si sentono tutti».Mi congedo segnalando le migliori cosa da vedere a Laives : Le principali attrazioni da visitare a Laives sono:

la Chiesetta di San Giacomo, la Biblioteca Don Bosco, la Chiesa Sant’Antonio Abate e San Nicolo, il Zanolini Cafe`1966 ed il Borgo 58 BarTabacchi.

Il comune promuove numerose iniziative culturali e ludiche, specialmente nel periodo estivo. Tra queste sono da ricordare: il festival “Livers” che promuove musica rock dal vivo (live) i “Giovedì Lunghi” dei commercianti: serate in cui la città chiude la strada statale per lasciare spazio a giochi e divertimento; il “Bibliosplash”: una sezione distaccata della biblioteca don bosco direttamente al ‘lido’, la piscina comunale outdoor, aperta durante la stagione estiva; delle serate a cadenza settimanale (il venerdì) al lido, con musica, balli e una festa caraibica; il ‘”Cinema sotto le stelle”, nonché il “Caffè Concerto”; il “Festival”, che ogni estate propone una molteplicità di mini-eventi a fare da contorno a spettacoli teatrali e di cabaret. Marcia del Primo Maggio Il gruppo scout “Laives 3” organizza annualmente la “Marcia del Primo Maggio” una marcia non competitiva che si snoda per 7 km tra le strade di Laives e la campagna limitrofa.Ogni anno verso la metà di dicembre si svolge la caratteristica “Camminata d’Oro” un pellegrinaggio da Laives al Santuario di Pietralba, sopra Aldino, in Val d’Ega. Il ritorno è caratterizzato dalla discesa con delle fiaccole. Venite a Laives, farete un’escursione attraverso un paesaggio ricco di contrasti, ideale per la primavera e per l’autunno.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: