Curiosando qua e là

I “mugugni socialmente utili” salgono sui bus dell’AMT di Genova

Maurizio Lastrico con i suoi “mugugni socialmente utili” diventa il testimonial della nuova campagna comportamentale di AMT, azienda di trasporto pubblico della città di Genova; sono stati creati quattro soggetti per ricordare le regole per viaggiare : usare il mezzo pubblico con regolare titolo di viaggio, lasciare il posto a sedere ai soggetti in difficoltà, non disturbare gli altri parlando ad alta voce, entrare ed uscire dalla porta giusta. I messaggi, sia quelli presenti sui mezzi che gli spot su You Tube, saranno in dialetto genovese con i sottotitoli in italiano, per veicolare messaggi corretti attraverso l’ironia; all’illustrazione del progetto erano presenti l’assessore regionale alla tutela dei consumatori e cittadinanza responsabile Simona Ferro, il presidente di AMT Marco Beltrami, l’assessore alla mobilità del comune di Genova Matteo Campora e Furio Truzzi, presidente Istituto Ligure per il Consumo.

“La campagna nasce da un’idea dell’Associazione dei Consumatori”, dichiara il presidente Beltrami, “e troveremo sui mezzi le locandine in dialetto ed i qr code che permettono di vedere i filmati di Lastrico. I video saranno in genovese con i sottotitoli ed in questo caso i mugugni sono utili per la buona convivenza rispettando la corretta salita e discesa dai mezzi, pagando il biglietto, parlando a bassa voce e facendo sedere le persone in difficoltà; questo è un nuovo modo di comunicare che ci piace molto. Per il rientro a scuola attueremo il programma usato alla fine dello scorso anno scolastico aumentando i mezzi, estendendo la fascia di punta fino alle 10, creando linee dedicate e stipulando accordi con privati con 35 bus su 10 linee”.

Parole simili da parte di Furio Truzzi, presidente Istituto Ligure per il Consumo :”Saluto i presenti ricordando come nel 2001 venne creata una campagna comportamentale con vignette sui mezzi ispirate ai Tre Moschettieri; siamo contenti che AMT aderisca a questo nuovo progetto senza dimenticare l’appoggio del comune e della regione. I doveri vengono prima dei diritti ed in questo caso abbiamo coinvolto il comico Maurizio Lastrico per “punzecchiare” chi non si comporta correttamente sui mezzi pubblici”.

“Con l’autoironia si può fare e dire tutto”, sottolinea Maurizio Lastrico in videoconferenza, “e sono convinto che la campagna di sensibilizzazione così strutturata possa funzionare”.

“Il progetto mi piace visto che ho le deleghe come assessore alla tutela dei consumatori ed alla cittadinanza responsabile”, afferma l’assessore regionale Simona Ferro, “ed occorre trasmettere messaggi importanti anche usando un sistema più leggero. Serve una particolare attenzione verso gli altri ed usare un comico come Lastrico è un’ottima idea”.

“Ringrazio Franco Bampi per la traduzione dei messaggi dal dialetto all’italiano; questa campagna simpatica di educazione civica veicola i messaggi più facilmente e sul bus dobbiamo comportarci come a casa. Una comunicazione non noiosa fa sì che arrivi maggiormente all’obiettivo ed i mezzi pubblici non sono solamente nostri; occorre rispetto per tutti e seguire le regole del vivere civilmente”, conclude l’assessore Campora.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: