Curiosando qua e là

Io sono oceano, decennio del mare 2021-2030

Il decennio 2021-2030 sarà dedicato al mare e le Nazioni Unite hanno deciso di dedicarlo alle scienze del mare per lo sviluppo sostenibile; alla conferenza di presentazione molteplici soggetti hanno illustrato il loro punto di vista sul tema.

“Questo progetto serve per far conoscere l’oceano di cui solamente circa il 20% del fondale è mappato”, dichiara l’oceanografa Francesca Santoro, “e a breve ci sarà una sorta di rivoluzione per la ricerca nel settore. Occorre un ente intergovernativo per coordinare la ricerca ma tutti devono aiutare a trovare la soluzione ai problemi; l’obiettivo è quello di aiutare i ricercatori e far conoscere il loro lavoro. Le navi oceanografiche monitorano gli oceani e dall’oceano che abbiamo dobbiamo arrivare a quello che vogliamo per cui occorre conoscenza per l’azione”.

Parole simili da parte dell’assessore del comune di Genova Lorenza Rosso :”Questa sarà un’ottima opportunità per l’amministrazione ma serve una collaborazione tra associazioni, università e giovani per lavorare insieme; occorrono progetti realizzati da start-up ed una sfida importante sarà l’arrivo dell’Ocean Race il prossimo anno. Con questo evento, che presumibilmente sarà a giugno, si potrà pensare a progetti sostenibili”.

“Siamo qui a presentare i progetti AMIU che svolge un’attività complessa con risultati importanti anche grazie alla collaborazione delle persone”, sottolinea Tiziana Merlino, direttore impianti e ricerca AMIU, “e la gestione dei rifiuti in plastica deve essere adeguata. Occorre realizzare eventi che portano l’attenzione su questi temi ma ci piace anche l’idea di una cauzione per il reso delle bottiglie di plastica; Genova è la città con più eco-raccoglitori in Italia e progetti come PlasTiPremia aiutano il corretto riciclo. Certe nazioni non hanno regole specifiche per le discariche e buttano i rifiuti in mare ma il tema della sostenibilità è al primo posto nell’agenda di diversi governi; ciascuno deve fare la propria parte per per la sostenibilità ma serve un’economia sostenibile. Per arrivare allo sviluppo occorrono azioni concrete ed i piani industriali devono parlare di sostenibilità; vi è la necessità di interventi sugli impianti ed investimenti per prevenire i problemi. Il PNRR ci darà risorse ma i progetti non devono essere di nicchia ed occorre insegnare il rispetto verso l’ambiente”.

“La blu economy, l’economia legata al mare, ha bisogno di sostegno ed occorre uno sbocco verso la Pianura Padana”, afferma Alessandro Cavo per la Camera di Commercio, “senza dimenticare la sinergia con i gruppi costieri dell’Unione Europea e le università. Consiglio di acquistare il pesce fresco appena pescato per avere una maggiore sostenibilità e proprio di questo si parlerà al Salone Nautico. Ci piace l’uso dei prodotti sostenibili per la nostra tavola e vi sono tre albi di ristoratori che usano prodotti tipici”.

“Occorre limitare l’innalzamento della temperatura ma servono anche impegni concreti”, riprende Francesca Santoro, “e se si distrugge la Barriera Corallina si distrugge un batterio che serve per respirare. Stiamo lavorando al ripristino degli eco-sistemi marini tra cui la posidonia senza dimenticare gli investimenti sulla sostenibilità ma c’è il rischio di investire in realtà non sostenibili; le “isole di plastica” saranno sempre una battaglia per me molto importante”.

“Vi è il bisogno di investimenti nel settore ma una responsabilità per creare sistemi affinchè i fondi siano gestiti correttamente; il sindaco Bucci ha fatto portare a Bruxelles un progetto per la creazione di un porto green, sfida importante per la giunta”, conclude l’assessore Rosso.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: