Curiosando qua e là

le prime automobili elettriche

Maida Buggio

“Vettura ideale per città e dame”. Questo era il messaggio pubblicitario per promuovere le auto elettriche prodotte dalla Società Industriale Italiana Dora, con sede a Genova. La società “Dora” altro non era che l’evoluzione della Società Italiana di Elettricità già Cruto”, fondata dall’imprenditore piemontese Alessandro Cruto, conosciuto come inventore della lampadina ad incandescenza e fondatore, nel 1886, di una fabbrica per la produzione delle lampadine. Ecco che l’auto elettrica esisteva e veniva prodotta già dal 1905, utilizzando delle batterie speciali ad alta capacità. I veicoli elettrici a batteria, nei primi anni del Novecento e per un certo tempo, si vendettero di più rispetto ai veicoli a combustione ma, a causa della poca tecnologia dell’epoca, la mancanza di controllo delle batterie e della velocità massima che questi veicoli potevano raggiungere (limitata a 32 km/h), furono surclassati nelle vendite dai più evoluti, per prestazioni e confort, mezzi a benzina.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: