Curiosando qua e là

Al via l’edizione numero 61 del Salone Nautico di Genova

Fino a martedì l’area della Fiera di Genova e di tutta la città sarà famosa in tutta Italia e non solo per l’edizione numero 61 del Salone Nautico che si preannucia un vero successo; alla cerimonia inaugurale le massime autorità locali e nazionali hanno illustrato il futuro di Genova nel settore della nautica e non solo.

“Saluto i presenti dicendo che nel 2020 la situazione era difficile”, dichiara il sindaco di Genova Marco Bucci, “ma ora l’industria del settore sta andando bene e questo evento ha in sè fiducia e speranza. Il Salone Nautico è nato qui e siamo onorati di ospitare l’edizione numero 61; ci sarà un investimento di 400 milioni per il Waterfront e nel 2024 finiranno i lavori. La situazione logistica è buona e la città vuole ringraziare tutti; il Nautico è un’occasione per valorizzare altri eventi come la Mille Vele di sabato 18, la Round Italy e l’Ocean Race ma questo evento permette di stare sul mare dando un importante segnale a tutto il Paese. Quest’area cambia nell’ottica del futuro e quando saranno conclusi i lavori, nel 2024, avrà una sorta di continuità con il Porto Antico, entrambi progettati da Renzo Piano; per la diga abbiamo tracciato la strada giusta ed una visione della città per i prossimi 20-30 anni”.

Stessa soddisfazione da parte dell’Ammiraglio Giuseppe Berutti Bergotto :”Saluto il Ministro Giovannini, il presidente Toti, il Sottosegretario alla Difesa Stefania Pucciarelli, il sindaco Bucci e la presidente della Commissione Difesa Roberta Pinotti senza dimenticare gli espositori; sono onorato di essere qui ma voglio ricordare che la Marina ha tante peculiarità e proprio quest’anno ricorrono 160 anni dalla sua fondazione. Lo sviluppo dell’Italia è basato sull’economia del mare e l’ultima edizione del Salone Nautico è stata un successo; occorre attenzione su un settore in crescita come questo che ha un fatturato di 5 miliardi all’anno e impiega 24000 addetti. Bisogna fare anche promozione all’estero poichè il fatturato interno è di 1,6 miliardi ma occorre sicurezza; c’è sinergia per contrastare la pirateria nel Golfo di Guinea e in quello di Aden ed assicuriamo il transito in quelle zone. L’Italia non ha materie prime ma effettua molta trasformazione e vi è il bisogno di poter circolare tranquillamente”.

“Saluto le autorità dicendo che sono contento di essere qui”, evidenzia il Comandante generale delle Capitanerie di Porto Nicola Carlone, “e la crescita del settore è molto importante. Le capitanerie devono seguire il percorso cercando nuovi strumenti di lavoro in linea con la transizione verde, obiettivo alla base del nostra agire”.

“E’importante la riqualificazione della zona puntando sull’attività ecologica”, afferma Paolo Emilio Signorini, Presidente di Autorità Portuale, “e quattro anni fa quest’area era completamente diversa. Ci saranno investimenti importanti per il porto di Genova e ringrazio il Ministro Giovannini che ha chiuso il finanziamento permettendoci di svolgere tutti i lavori necessari”.

“Sono contento di essere qui anche perchè il Salone è un successo”, sottolinea il presidente di Confindustria Bonomi, “e quando l’Italia lavora unita i successi arrivano come, ad esempio con gli europei di calcio e le medaglie alle Olimpiadi. I successi delle aziende sono poco conosciuti ma l’imprenditore deve partire dagli sbagli e non arrendersi”.

“Le nostre imprese hanno un’importante cultura di progetto attraverso la sostenibilità ed il mare è una risorsa”, ricorda l’architetto Carlotta De Bevilacqua, “e Genova è un luogo di progetto e cultura. Il Waterfront progettato da Renzo Piano è un lavoro importante ma dobbiamo sempre rispettare il pianeta ed occorre quindi abbattere muri creando ponti; la sostenibilità è importante e una città ideale è fatta di umanesimo e scienza”.

“Saluto tutti e ringrazio gli espositori dicendo che il salone è fondamentale per il settore”, asserisce Saverio Cecchi, presidente di Confindustria Nautica, “che può essere un importante volano economico. Nel 2023 i lavori del Waterfront saranno finiti ed il Salone è un punto fermo per il comparto; nel 2020 gli addetti diretti del settore sono aumentati del 2,4% e per il 2021 prevediamo una crescita ulteriore. Gli italiani sono i migliori in questo settore ma nonostante facciamo reddito lo Stato perde incassi; la riforma dell’Unione Europea per il leasing ci penalizza e perdiamo circa 40 milioni”.

“In questo Salone vince l’Italia, importante punto di riferimento per la nautica mondiale”, afferma il Ministro Giovannini, “ma voglio ricordare il contributo di Confindustria al PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza). Il Paese sa dove vuole essere nel futuro ed ha fatto un importante salto culturale; il Ponte San Giorgio è un gioiello italiano ma occorre investire sui porti turistici ed arriveranno 4 miliardi dal PNRR per la trasformazione degli stessi. Bisogna dialogare con i soggetti coinvolti e sviluppare la lotta alle disuguaglianze di genere nei porti”.

“Qui c’è una sorta di incrocio tra passato, presente e futuro”, dichiara il presidente Toti, “poichè qui, fino a pochi giorni fa, venivano fatti i vaccini contro il Covid mentre oggi sono presenti le eccellenze italiane. La nautica ha un futuro importante e voglio ricordare che Renzo Piano ha realizzato sia il Ponte San Giorgio che il Waterfront di Levante; coraggio e ambizione non ci mancano ed abbiamo aperto i cantieri durante la pandemia per permettere la consegna delle barche. Questo evento è straordinario ma occorre altresì lavorare bene per le autostrade coniugando sicurezza e possibilità di circolare senza ingorghi”.

“Ho messo insieme le eccellenze italiane”, ricorda Renzo Rosso, “ma occorre dare un’immagine del nostro Paese lavorando e dialogando sulla filiera. Ho finanziato il restauro del Ponte di Rialto ed aiuto le donne vittime di violenze mentre ora ci stiamo concentrando su quelle afghane per dare loro dignità e lavoro”.

“L’export italiano sta crescendo ed è superiore a quello del 2019”, evidenzia Carlo Maria Ferro, presidente dell’Istituto del Commercio con l’Estero, “ma la crisi del 2020 delle esportazioni è stata crisi di domanda; servono quindi prodotti competitivi”.

“Quello del Salone Nautico di Genova è certamente un importante evento di settore, il principale nel panorama Mediterraneo, che mostra al mondo le eccellenze del Made in Italy e concorre nel promuovere fattivamente una consapevole e diffusa cultura del mare di cui l’Italia ha assolutamente bisogno; questo appuntamento internazionale contribuisce, infatti, a rafforzare e a valorizzare il solido legame, storico, sociale ed economico della nautica con il nostro Paese ed in particolare con la Liguria, dove si concentra la presenza di importanti cantieri italiani specializzati nella costruzione dei grandi yacht, quelli oltre i 24 metri, in cui la produzione Tricolore vanta un ormai consolidato primato mondiale. Il grande sforzo organizzativo che ancora una volta caratterizza il Salone, ne conferma, più in generale, la funzione abilitante di vetrina dell’orgoglio italiano; dando merito alla capacità delle nostre aziende di realizzare imbarcazioni e natanti di ogni dimensione, alla continua ricerca di soluzioni innovative, da sviluppare e implementare sul piano tecnico e ideativo con l’obiettivo di ottimizzare i materiali che le compongono, di ridurre i consumi di carburante e di energia, nonché quello di aumentare comfort ed ergonomie di bordo. Una convinta e responsabile svolta green anche nella nautica rivolta ad una sempre maggiore attenzione sull’impatto ambientale, spinta anche dall’intima contiguità con una dimensione tanto straordinaria quanto fragile e minacciata come gli specchi acquei del pianeta. In questo complesso momento di crisi pandemica, al Salone di Genova va inoltre riconosciuta un’altra qualificante funzione di spinta, nell’esprimere la volontà e la forza del nostro Paese nel guardare al futuro con determinazione e fiducia, contribuendo alla rinascita socio-economica della collettività, verso rinnovate prospettive di sviluppo e benessere, fortemente penalizzati dal Covid; già lo scorso anno, in piena crisi sanitaria, il Salone ha voluto comunque aprire le sue porte connotandosi come primo grande appuntamento a ripartire dopo l’inizio della pandemia e a farlo, alla prova dei risultati, con la dovuta attenzione alle norme di sicurezza anti-contagio. Un esempio positivo, una luce nelle tenebre di una emergenza epocale che stiamo superando grazie al contributo determinante delle Istituzioni, delle nostre Forze Armate e di tutti i cittadini”, conclude il Sottosegretario alla Difesa Stefania Pucciarelli.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: