Sport è...

Il settore dello sport paralimpico va considerato come tutti gli sport per il nostro futuro.

Le recenti paralimpiadi di Tokyo hanno dimostrato che tutto lo sport è in costante crescita , anche il settore paralimpico che ha aumento il numero di risultati tecnici importanti e con medagliere che hanno fatto onore alla nostra nazione. Il mondo della disabilità è purtroppo in crescita  e le federazioni sportive nazionali ed il Coni stesso devono esser pronti a dare delle precise risposte ad una utenza giovanile che chiede di recitare una parte importante nello sport nazionale. Vediamo sempre più società sportive dilettantistiche approcciarsi a questo mondo dello sport ed a inserire i ragazzi con disabilità in gruppi di normodotati creando così una bellissima inclusione, impegno che tutte le associazioni fanno fronte per i benessere dei ragazzi .  Nel savonese diverse le scuole sono impegnate nello inclusione tra ragazzi tra cui rendiamo noto , visto le ultime competizioni a livello internazionale e gli ottimi risultati  la federazione italiana dell’ hockey sul prato. Il Coni è ente principale che deve coordinare tutte queste attività nelle varie discipline sportive e spronare le federazioni a migliorare il loro impegno economico e organizzativo, siamo sicuramente  sulla strada giusta per migliorare sempre di più , per adempiere le legittime richieste delle famiglie con ragazzi disabili. Ma Coni a parte e il nostro governo che deve dimostrare di capire pienamente l’ importanza assoluta di questo discorso sportivo , facendo la sua parte e stanziando , anche attraverso gli organismi delle regioni , i fondi necessari per l’ adempimento di quello che considero un vero e proprio compito istituzionale . Lo sport per tutti i ragazzi disabili o no ,rappresenta la miglior terapia e il miglior antidoto contro l’ emarginazione e la depressione giovanile. Ma nonostante impegno di enti, società , dirigenti sportivi ,tutto questo deve essere suffragato da aiuti tangibili e non solo di parole dette al vento. Il mondo della disabilità sportiva è enorme e ancora tutto da scoprire dove coloro che si avvicinano a questo mondo lo trovano affascinante, stimolante sotto ogni punto di vista e in grado di dar gioie e gratificazioni impensate. Ciò che si può imparare da questi ragazzi non ha prezzo, ogni loro sorriso e una vittoria.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: