Politica

Elezioni comunali di Savona : anche DI Maio fa il suo endorsement

Anche Luigi Di Maio (Avellino, 6 luglio 1986) dal 5 settembre 2019 ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale per le elezioni amministrative è venuto a Savona mercoledì 29 a sostegno del candidato sindaco del M5S Manuel Meles, un’occasione in cui ha elogiato l’accoglienza della Liguria intera verso i profughi afghani e sottolineato la vittoria delle forze europeiste nelle elezioni tedesche. Sfumata l’alleanza giallorossa, il leader pentastellato locale ha ribadito: “Fieri del nostro percorso, felice di una lista civica a me dedicata”Ecco quindi che dopo l’ex premier e leader del Movimento Cinque Stelle Giuseppe Conte, è arrivato anche Di Maio a Savona per la corsa a Palazzo Sisto.Presso il gazebo allestito in corso Italia, con un nutrito gruppo di Polizia a fare da scorta all’evento, Di Maio ha sottolineato l’importanza della scelta del primo cittadino in funzione delle risorse europee: “Grazie a Meles e a tutta la sua lista con la voglia di metterci la faccia e provare a cambiare definitivamente il destino di questa città – ha esordito – sono venuto a chiedervi, quando voterete, di ricordarvi che stanno per arrivare 280 miliardi dall’Europa e che a spenderli saranno i sindaci. So che in passato i fondi europei sono stati qualcosa di lontano o di perso, ma questo recovery fund è un piano Marshall. Ho piena fiducia in Manuel ( presente e accompagnatore c’era il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, alle dipendenze del Ministro per i Rapporti con il Parlamento Fraccaro, Simone Valente) e nella sua squadra, abbiamo lavorato insieme in tante occasioni e so che sono competenti e onesti. Ci viene richiesto di digitalizzare i servizi pubblici e di ridurre l’impatto ambientale dei nostri cicli produttivi: ora dobbiamo fare sì che i fondi vadano nella direzione giusta. Ha poi esortato Meles, nel caso dovesse essere eletto sindaco, a ricorrere alle consultazioni popolari. Mi auguro che Meles sindaco indica anche referendum locali. Se la politica si erge sempre a rappresentare tutti poi fallisce, chi non la pensa come noi è il primo che deve avere il diritto di esprimersi nelle decisioni. Vediamo una nuova stagione per i referendum. Grazie alle firme online queste campagne stanno aumentando, e presto i cittadini potranno votare su temi cruciali per il nostro paese. I cittadini chiedono maggiore partecipazione”. E’ stato poi il turno del candidato : “Cinque anni fa abbiamo sfiorato la vittoria. Cinque anni dopo abbiamo una città inguardabile dal punto di vista della pulizia, una mobilità urbana che richiede interventi importanti, un parco autobus troppo vecchio. Questa città è stata amministrata anche dal centrosinistra per 50 anni: un sistema di potere del Partito Democratico che ha occupato ogni poltrona e ogni partecipata. I problemi della città non li ha creati solo il centrodestra negli ultimi 5 anni, sono problemi antichi. Abbiamo spazi come Solimano e Orti Folconi dove si attende solo il permesso per costruire. Savona ha bisogno di parcheggi, asili nido, parchi verdi e spazi per bambini. Non solo palazzi che hanno portato soldi nelle tasche dei costruttori e magari anche di qualche politico. So che questo non si può dire, ma chissà. Non si fanno più manifestazioni per attirare persone in centro o nei quartieri; se hai necessità di spostarti i bus non passano o se lo fanno il servizio è di scarsa qualità. Ora arriveranno fondi dall’Europa, ma per utilizzarli servono idee chiare. A Finale hanno creduto nel turismo, noi non abbiamo ancora iniziato. Abbiamo risorse, ma se vincono gli altri Savona perderà un treno che non passerà mai più”.Il capogruppo regionale del M5S Fabio Tosi ha infine aggiunto: “Come M5S Liguria, ringraziamo Luigi Di Maio che oggi ha fatto tappa a Savona per sostenere il candidato dei 5 Stelle Manuel Meles. Condividiamo parola per parola quanto detto dal ministro: ai sindaci spetterà la gestione della spesa di buona parte dei fondi del Pnrr. Per questo motivo sarà fondamentale scegliere bene il sindaco a cui affidarsi in occasione delle elezioni del 3 e 4 ottobre. Serviranno competenza, coraggio e soprattutto onestà: doti che a Meles certamente non mancano. La sfida è impegnativa, ma noi ci siamo e come sempre ci mettiamo la faccia: auspichiamo che i savonesi sappiano riconoscere chi fa da sempre gli interessi dei cittadini e chi invece fa politica con gli slogan”.Dalle 16 alle 17 insomma un’ora piacevole con pochi slogan e tante idee e soprattutto il tentativo di riacquistare il terreno perduto tornando alle origini di quel movimento che voleva cambiare il sistema ma che poi trasformandosi in partito ha perso la sua primaria identità che ora cerca di riacquistare.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: