Politica

Savona e il primo voto della città dalle domande consuete

Riflessione di Bruno Spagnoletti sulle elezioni amministrative

Sconto che potrei sballare qualche giudizio, ma è ovvio che il rischio ci sia mentre le braciole dello scrutinio sono, ancora calde, sulla brace: ma ci voglio provare! Il voto amministrativo nella Città di Savona meriterà una lunga e attenta riflessione ex post e chiamerà Forze Politiche, Associazioni e Movimenti, Organizzazioni Sindacali e Imprenditoriali ad interrogarsi su tante criticità che il primo  voto ha già offerto. Il primo allarme è dato dall’astensionismo e dalla consapevole “non partecipazione” al voto. E’ terribile anche solo  pensare che quasi la metà della Città si sia sfilata dal voto e si sia rifiutata di partecipare  alle scelte della Amministrazione per i prossimi 5 anni. Per me è un forte segnale di sfiducia verso la politica politicante da un lato, e dall’altro un spia accesa che reclama il cambiamento dei metodi e del merito del fare politica. Ma veniamo al primo giudizio di consuntivo del voto savonese del 3 e 4 ottobre. Dunque…come era previsto e prevedibile, al netto dei tanti inutili beoti e degli incantatori di serpenti del Gazebo di Corso Italia verso via Paleocapa, andranno al ballottaggio a Savona, l’avv. Marco Russo e il Prof. Angelo Schirru. Attenzione, però! Non c’è affatto da dormire sonni tranquilli, perché la partita sul nuovo Sindaco, non è affatto conclusa, anche memori del ribaltamento del 2016. Nel maggio del 2016 il voto aveva premiato  Cristina Battaglia con il 31, 68% e Ilaria Caprioglio con il 26,61 per cento, con un distacco di cinque punti ammortizzati e ribaltati nel secondo voto del ballottaggio, Nel giugno 2016, Caprioglio vince le elezioni amministrative con il 52,8% dei voti e sarà il nuovo primo sindaco donna di Savona, mentre la Battaglia si ferma al 47,2 per cento. Certamente il quadro politico dell’oggi è strutturalmente diverso da quello del 2016, come, peraltro, il consuntivo percentuale del voto e, soprattutto, la qualità e lo spessore dei competitors. Ma io mi darei un alert: e terrei in grande evidenza l’ironia di Giulio Andreotti “a pensar male si fa peccato, ma spesso si indovina”; adagio che non è di Andreotti ma di  papa Pio XI (Achille Ratti), che la espresse nella forma: “A pensar male del prossimo si fa peccato ma si indovina”…..a valere sia per il mio amico Marco Russo, sia per il Dott. Schirru che ho incrociato ma non conosco bene. Ricordatevi bene che sarà proprio nel ballottaggio 2021 che si  espliciteranno altre criticità (patrimonio di pochi) ed in particolare che il 50% della Città già “declinata” e non più solo declinante…ha sancito una totale idiosincrasia sia verso “Quelli di Prima”, sia verso “Quelli di Adesso”. Il voto ha confermato ciò che gli illuminati sapevano: il tragicomico crollo del consenso elettorale e della presunta egemonia della Lega sulla nostra Città, per responsabilità, quasi, esclusiva di una gestione “folle” del “miracolato” Sen.Ripamonti. Caro  Segretario Edoardo Rixi …prima ne prendi contezza e meglio sarà! Il voto ha, altresì, confermato che Fratelli d’Italia non potrà mai lievitare a Forza strategica nella Città di Savona, Medaglia d’oro della Resistenza, che ha un suo Dna inalienabile. Tralascio per carità di Patria le scelte di Forza Italia e del Sindaco Melgrati: per fare casting ci vogliono le competenze e non solo le bellezze. E mi dispiace assai (Lui lo sa) per il prevedibile “fuori gioco” del mio amico Prof. Francesco Versace ; Caro Francesco la “Politica”, come diceva il compagno Rino Formica, spesso ” è merda schietta”.I simpatici Teletabis di “Oltre” sono stati accompagnati nella Rupe Tarpea al grido soave del Caporale di Giornata “andiam, andiam, andiam a fare formazione” e hanno ottenuto il previsto consenso dei condomini. Se Atene piange, Sparta non ride! E meno male che c’era il giovane competente cavallino purosangue Manuel Meles ad ammortizzare, una tanticchia, il bagno di sangue del M5STELLE. Non avete voluto ascoltarmi e adesso Vi beccate il rischio e la incognita del ballottaggio: provate a mettere insieme i voti di Manuel e di Marco….e provate a immaginare un altro “convenuto e concordato” Candidato Sindaco, magari Donna! Se mi aveste ascoltato…oggi Savona avrebbe avuto un Sindaco Donna aggregante il centro sinistra e il M5STELLE. Dei miei ex non parlo nemmeno sotto tortura, sino a quando non avrò l’elenco degli Eletti e i voti disaggregati. Vi preavviso che al ballottaggio avrei voglia di divertirmi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: