Politica

Le difficili scelte del ballottaggio e una città quasi stranita e inquieta

Riflessione di Bruno Spagnoletti sul futuro di Savona

Nessuno dei Candidati Sindaci ha superato la soglia del 50% e, quindi, si va al ballottaggio tra l’avv. Marco Russo e il Dott. Angelo Schirru.

La vittoria, nonostante qualche illusione di troppo, non pare scontata ne’ per l’uno, ne’ per l’altro dei players.

Il Ballottaggio e i 10 giorni di ottobre che ci separano dal voto, quasi sempre, rappresentano una sorta di “Partita Finale”  che azzera la competizione elettorale ex ante e riposiziona la sfida su binari qualitativamente diversi.

Ciò che deve preoccupare tutti, è l’idem sentire della nostra Città; una Savona che, a torto o a ragione, ha dato un forte segnale di malessere alle Istituzioni democratiche e alla Governance territoriale, con l’incredibile astensione dal voto del 48% degli aventi diritto.

Attenzione a sottovalutare l’alert della parte più sofferente, depauperata, diseguale e senza diritti di cittadinanza attiva! Siamo ben oltre la disforia e la caduta del cosiddetto senso dello Stato e della Cittadinanza attiva.

Il non voto, così orizzontalmente diffuso e cosi tanto qualitativamente articolato, potrebbe esplodere ad horas se non colto, decodificato e incanalato su binari ben fermi di tenuta sociale, civile e, soprattutto, democratica.

Attenzione a non saper cogliere “il perché e il per come” della rottura del rapporto fiduciario tra bourgeois e citoyen(per dirla con Jean – Jaques Rousseau) e non vedere la separatezza contestualizzata tra individuo portatore di interessi privati e individuo in quanto membro di una comunità politica.

La verità è che si è venuta creando una vera e propria idiosincrasia tra elettori portatori di interessi “sociali” e politica politicante, affacendata nei riti del potere e della sua spartizione lottizzata e senza qualità significativa.

Una siffatta idiosincrasia riguarda Tutti: Centrodestra, Centrosinistra e, persino, il M5S e la sinistra radicale: date un occhiata ai dati delle preferenze disaggregate e  non ve ne farete una ragione.

La seconda tendenza strategica è assai semantica e consiste nell’evidenza che la parte più avvertita dell’elettorato che è andato a votare (52%) si è dimostrata assai più avanti dei sui Rappresentanti e delle scelte, un pochino orripilanti, che quasi tutte le Forze Politiche in campo, hanno compiuto in sede di Candidature.

Il voto della Città Medaglia d’oro della Resistenza, ha avuto un sussulto ed ha spazzato via, con le sue preferenze, quasi tutta la “truppa” dei nani, delle ballerine e della servitù della gleba dei faccendieri della Politica da un lato e, dall’altro i saltimbanchi, i giocolieri e i prestigiatori della bassa politica.

E’ ovvio che restino alcune code irrisolte, ma sono marginali e irrilevanti,a patto che Marco Russo e Angelo Schirru (o Chi per loro, absit iniuria verbis!) non vogliano resuscitarli come Lazzaro.

Vorrei sperare che la formazione della nuova Giunta sia orfana dei miracolati di ieri e di oggi.

Il terzo filone filone semantico, assai preoccupante e gravido di criticità, è l’amara constatazione che la Città ha vissuto, quasi con indifferenza, rassegnazione, distacco e con una sorta di noia sartriana, lo svolgersi in progress della recente campagna elettorale.

Mi dispiace dirlo, ma i programmi in campo erano, quasi esclusivamente, aria fritta e parole al vento trite, ritrite e ancora rilanciate.

L’ordinario gestionale di una Amministrazione come la pulizia e il decoro della Città, sono diventate quasi l’unico contenuto di interesse della dialettica politica; E suvvia,un po’ di qualità e di sforzo progettuale per farci capire cosa intendete fare nei primi 100 giorni di Governo, sic stantibus rebus e non con la stantia litania delle colpe di “quelli di prima” e “quelli di adessso” che ci avete rotto i Cabbasisi per mesi e mesi.

E, di grazia, ci volete dire cosa intendete fare – nei prossimi cinque anni – su demografia, relazione Città e Porti di Savona e Vado, logistica integrata, infrastrutture materia e imateriali, area di crisi complessa, catena giovani – futuro e Città, turismo di qualità e percorsi integrati con la cultura, occupazione e lavoro, rete del commercio e dell’artigianato e industria 2021, fondi europei di vecchia e nuova generazione?

La quarta ed ultima suggestione riguarda il ruolo delle Donne e della cosiddetta altra metà del cielo.

Ho visto e assistito a scene sgradevoli che hanno investito non solo il caso di Giusy (avrà ben diritto di investire i suoi danari nella campagna di comunicazione che più Le aggrada, sia pur per 26 miseri voti di preferenza?), ma attengono ad altre questioni spesse.

 

Ma come si fa non capire che Savona è arretrata verticalmente sui diritti delle Donne e sulla loro rappresentatività istituzionale rispetto al 2016, a partire dal ballottaggio tra due risorse di elevata qualità come Ilaria Caprioglio e Cristina Battaglia?

C’è il concreto rschio che le Donne siano sottodimensionate nel nuovo Consiglio Comunale; e questo limite rappresenta il “marchio mandriano della vergognna” per le scelte di quasi tutte le Forze Politiche: e meno male che c’è anche il risultato di Elisa Di Padova, Barbara Pasquali, Daniela Giaccardi e Qualche altra a contarsi sulle dita di una mano. E’ una vergogna e una caduta grave della Politica.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: