Attualità

Presentato l’evento outdoor “Donna Roa Marenca” che unisce Liguria e Piemonte

Un’iniziativa che vedrà protagoniste 10 donne influencer/biker, per un totale di 230.000 follower, che partiranno da Prato Nevoso nel cuneese e raggiungeranno Finale Ligure nel savonese, collegando tra loro due località considerate destinazioni ideali per gli amanti dello sport all’aria aperta; tutto questo è l’evento “Donna Roa Marenca” , evento outdoor che si terrà da venerdì 8 a domenica 10 ottobre. Si tratta di un progetto dedicato alla vacanza attiva nato sulle antiche vie di collegamento tra le province piemontesi e liguri, tra cui alcuni tratti della Via Marenca e delle antiche Vie del Sale, che gli appassionati di escursioni in e-bike e MTB hanno la possibilità di sperimentare; dalle Alpi al mare, da Prato Nevoso a Finale Ligure, un percorso di circa 150 km che attraversa i territori di numerosi comuni tra Piemonte e Liguria scoprendo tradizioni secolari che uniscono queste due regioni.

“Questo è un giorno importante e su questo progetto, che unisce Liguria e Piemonte attraverso i sentieri, hanno lavorato molti soggetti”, dichiara l’assessore regionale al marketing territoriale Alessandro Piana, “e la pandemia ha risvegliato la voglia di scoprire nuovamente i sentieri. Il progetto  coinvolge 10 bikers che partiranno da Prato Nevoso e arriva a Finale Ligure percorrendo 150 chilometri passando per Mondovì, Pamparato, Garessio, Ormea e altri comuni; i percorsi tracciati all’origine per gli scambi commerciali ora vengono usati per divertimento grazie ad un grande lavoro di tutti tra cui i comuni e le associazioni del settore. Spero che questo tracciato venga percorso da tante persone anche perchè nel giro di pochi metri il paesaggio cambia radicalmente; vorrei che su questi percorsi nascessero strutture ricettive per aiutare i turisti e favorire l’occupazione. Il Covid ci ha fatto riscoprire la natura e le chiusure forzate ci hanno fatto riappropriare degli spazi aperti”.

Stessa soddisfazione da parte di Fabio Carosso, vicepresidente della Regione Piemonte :”Per noi questo progetto è importante e ha richiesto circa 10 anni di lavoro; per valorizzare l’outdoor estivo occorre rinnovarsi e collegare le Alpi al mare è una cosa unica. Sui percorsi servono impianti nuovi ma occorre ascoltare i soggetti coinvolti per migliorare l’offerta; i piemontesi vanno al mare in Liguria d’estate ed i liguri vengono a sciare in inverno in Piemonte ma i nostri territori devono attrarre i turisti stranieri aumentando i servizi. Le due realtà lavorano bene insieme ed il Presidente Cirio sta collaborando con il Presidente Toti; occorre valorizzare questo tipo di turismo per portare le persone qui in primavera ed in autunno. Con la pandemia sono stati riscoperti i piccoli borghi con l’idea di valorizzare un turismo all’aria aperta che spero possa proseguire anche dopo l’emergenza sanitaria”.

“Questa iniziativa di marketing territoriale tra due regioni mi piace poichè ognuna ha le sue peculiarità”, afferma Roberto Moreno, commissario dell’agenzia In Liguria, “e 10 bikers percorrono diversi borghi promuovendoli sul web. Occorre un turismo all’aperto e di prossimità che si può fare 365 giorni all’anno in Liguria; i territori coinvolti sono unici ma bisogna pensare all’inverno ed alla promozione per gli stranieri. Bisogna valorizzare il turismo perchè è un settore autospendente che fa vivere la nostra economia; l’agenzia di cui sono il commissario sarà riformata occupandosi solamente di promozione. Questo progetto di marketing territoriale è importante visto che coinvolge due regioni e vogliamo attirare turisti italiani e stranieri; sono convinto che il turismo di prossimità avrà successo portando ad un nuovo modo di fare turismo e vi è la necessità di collaborare con operatori del settore e regioni vicine che hanno un territorio simile”.

“L’outdoor è molto importante per noi e per tutti i comuni del comprensorio”, sottolinea Claudio Casanova, assessore al turismo del comune di Finale Ligure, “ma è molto bella l’idea di coinvolgere il Piemonte creando un nuovo brand per far crescere il turismo del settore. Bisogna coinvolgere territori più ampi e questo evento che unisce i territori ha in sè l’inizio di una collaborazione importante; lo sviluppo turistico può andare oltre questo progetto portando benefici ad entrambe le realtà”.

“Questo progetto è nato quasi per scherzo ma con le persone giuste e nei posti giusti il pensiero è diventato realtà”, evidenzia il responsabile dei sentieri, “e ringrazio i soggetti coinvolti. Questo tipo di economia è importante per i territori ed il lavoro in questione ha in sè l’inclusione che mi piace molto ma bisogna offrire prodotti di qualità; abbiamo ricercato sentieri già tracciati per non creare costi ulteriori ed aumentando i tempi di lavoro. Occorre usare cosa c’è già sul territorio per ridurre le spese al massimo”.

“Il progetto coinvolge diversi soggetti”, ricorda Beppe Carlevari, “ed il Piemonte sa fare squadra per coinvolgere gli attori ma è necessario lavorare anche con la Liguria”.

“Il Donna Roa Marenca è destinato ad un pubblico generalista con un viaggio tra due regioni e buone destinazioni, Prato Nevoso e Finale Ligure. Questo tipo di turismo si può fare tutto l’anno ed il percorso può portare nelle due realtà coinvolte nuovo pubblico”, conclude Enrico Guala, direttore marketing del Consorzio Finale Outdoor Region.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: