AttualitàPolitica

Il sindaco di Genova Marco Bucci a sostegno del candidato sindaco di Savona Angelo Schirru

Una grande folla ha accolto a Savona il sindaco di Genova Marco Bucci venuto nella città della Torretta a sostegno del candidato sindaco Angelo Schirru; presenti all’evento molti esponenti politici del territorio.

“Questi sono giorni difficili”, dichiara il presidente della regione Liguria Giovanni Toti, “ed ora si può scegliere tra Schirru ed i suoi nuovi alleati continuando con la Liguria che dal 2015 vuole migliorare oppure quelli che cinque anni fa hanno lasciato Savona in pre-dissesto. Sono contento che ci siano qui i rappresentanti dei partiti e ringrazio il sindaco Marco Bucci, che ha lavorato in Val Bormida, con la sua presenza; è stato proprio lui ad inaugurare un modello diverso di gestione pubblica che ha avuto il suo periodo migliore con la creazione del Ponte San Giorgio dimostrando che alle persone serve questo approccio con la pubblica amministrazione amica della collettività. Qui c’è il futuro di Savona e l’amministrazione Berruti cinque anni fa ha lasciato solamente buchi di bilancio; dopo l’alluvione di lunedì sono già stati aperti alcuni cantieri e sono convinto che la pioggia di domenica abbia portato molte persone a non andare a votare. Il prossimo appuntamento elettorale è molto importante poichè si va avanti o indietro e la città di Genova con Marco Bucci sindaco è cambiata; tutti coloro che vogliono guardare al futuro devono votare Angelo Schirru sindaco di Savona”.

Stessa soddisfazione da parte del sindaco di Genova :”Ho lavorato a Ferrania per nove anni quindi conosco abbastanza bene Savona e sono convinto che il Modello Genova sia replicabile; la città appartiene ai cittadini e loro ne sono i veri proprietari. Occorre che a governare ci siano persone in gamba che hanno ottenuto risultati e gli amministratori devono servire la città ed i suoi abitanti”.

“Savona ha bisogno di tante cose ed ha in sè molte potenzialità ma serve una svolta per renderla più attrattiva ed occorre ripopolarla”, afferma il candidato sindaco Schirru, “con la convinzione che la città è il risultato dei comportamenti delle persone. Bisogna altresì stimolare il senso civico rivalutando la scuola ma ricordando che Savona e Genova, due città portuali, devono collaborare e se sarò sindaco mi prendo la delega del porto poichè occorre sinergia tra le due realtà. Lo sviluppo del turismo è importante per la cultura e lo sport ma per la nostra città serve un turismo di qualità”.

“Savona e Genova hanno la stessa autorità portuale e le due realtà sono complementari”, evidenzia Marco Bucci, “ma la vera sfida è la collaborazione per ottenere più traffici. Il Terzo Valico è importante così come il Recovery Plan e servono risorse importanti; se Genova e Savona saranno unite con la regione le risorse arriveranno maggiormente e più in fretta. L’industria legata all’alta tecnologia è il futuro e chi governa oggi deve pensare al futuro; l’idea di dare il demanio al comune è buona perchè è più facile fare le cose tra cui i ripascimenti e se bisogna passare attraverso tre diversi enti la trafila si allunga; a Genova stiamo facendo opere importanti tra cui il Waterfront di Levante ed i lavori nella zona della Fiera”.

“Per Savona il Waterfront di Ponente è in via di riqualificazione”, sottolinea il candidato sindaco di centrodestra, “e quello di Levante avrà in sè un passo avanti verso la riqualificazione di un’area degradata con la rivisitazione del fronte portuale. L’Aurelia Bis è per noi una priorità ed occorre una viabilità sostenibile potenziando i mezzi pubblici”.

“E’possibile avere in una città il trasporto pubblico gratuito”, riprende il primo cittadino genovese, “poichè deve diventare un servizio per la collettività. Nei prossimi due mesi nella mia città saranno istituite, se possibile, certe zone ed orari con metropolitana gratis per incentivare le persone a prendere i mezzi pubblici”.

“Occorre ridurre il traffico a Savona potenziando il bike sharing e le piste ciclabili”, ricorda Schirru, “e gli spazi pubblici sono della collettività. Esprimo al sindaco Bucci la mia solidarietà per le minacce ricevute dopo lo sgombero del centro sociale e occorre condividere con le persone e le associazioni problemi e soluzioni. Cinque anni fa il comune aveva un deficit di 98 milioni ed un buco di 14 milioni di cassa; occorre evitare gli sprechi e valorizzare gli investimenti derivanti dal PNRR e cercare fondi per le diverse progettualità”.

“Il centro sociale sgomberato non pagava il canone da 20 anni ed è stato un giudice che lo ha fatto chiudere; questo atto era da fare e non si può lavorare con la politica strumentale. Io e la mia squadra abbiamo una visione di città a medio-lungo termine ed occorre un piano specifico operativo per la città che possa essere credibile; i partiti aiutano le persone che si impegnano ed un sindaco ha il dovere di ascoltare tutte le persone e le associazioni, analizzare i fatti e decidere”, conclude il sindaco Bucci.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: