Curiosando qua e là

Le identità di Cristoforo Colombo, grande navigatore e uomo del suo tempo

Hanno preso il via le celebrazioni per la ricorrenza della scoperta dell’America che si celebra il 12 ottobre e dureranno quattro giorni coinvolgendo tutte le realtà genovesi; la prima conferenza ha visto protagoniste diverse realtà ed associazioni legate all’esploratore.

“Sono molto contento che si terranno questi quattro giorni di eventi legati alla figura di Colombo e la celebrazione del 12 ottobre alle ore 17.30 presso Palazzo Ducale è molto sentita da tutta la città”, dichiara il sindaco Marco Bucci, “ma queste manifestazioni servono per ricordare Colombo e le ripercussioni sulla sua figura ai nostri giorni. L’esploratore genovese ha coraggio ed è una persona scientifica; non è stato il primo ad andare in America ed i Vichinghi, andati nel Nuovo Mondo secoli prima, hanno seguito la rotta della Groenlandia. Lui ha scoperto i venti giusti, gli Alisei, navigando attraverso la Spagna e le Canarie ed il suo successo è stato il coraggio; l’equipaggio si è dimostrato stupito ma Colombo ha sempre voluto crescere essendo professionale ed avendo doti di leader. Sono convinto che i suoi traguardi ambiziosi possano paragonarsi al Recovery Plan, una sorta di secondo Piano Marshall; ho vissuto negli Stati Uniti sopportando con difficoltà il massacro della figura di Colombo ma lui non ha portato la schiavitù e gli italiani residenti lì vogliono rivalorizzare questa figura. Il famoso esploratore genovese aveva in sè ingegno, senso dell’avventura e coraggio, doti importanti per il mondo di oggi; in questi quattro giorni occorre elaborare i concetti messi in discussione ed il progetto del centro studi, già presente ma sospeso, mi piace molto e l’amministrazione vuole recuperarlo per aumentare la visibilità di Genova”.

Stessa soddisfazione da parte di Fabrizio Benente, prorettore dell’Università di Genova :”Porto i saluti del rettore Delfino dicendo che per l’università è importante l’aspetto internazionale; l’idea del centro studi mi piace molto perchè va in questa direzione”.

“La nostra missione importante è quella di fare un’analisi etica e di conoscenza realizzando incontri e ricerche senza dimenticare la richiesta all’amministrazione per riprendere questa figura; occorre una collaborazione istituzionale tra Italia e Stati Uniti”, afferma Roberto Speciale, presidente della Fondazione Casa America, “con la richiesta di aprire una nuova fase di studio trovando a Genova un punto di riferimento fondamentale. Cristoforo Colombo, simbolo universale, è stato seguito da Vespucci, Caboto ed altri che hanno segnato la vocazione marittima dell’Italia, simile a quella della Francia e del Portogallo; il mare è un importante legame con il mondo e abbattere le statue di Colombo dimostra assenza di coraggio poichè non bisogna cancellare il passato. Dare responsabilità alle persone del passato non è una cosa buona perchè non possono difendersi e Colombo, uomo dalla grandi capacità marinare, è coraggioso ed ha trovato la rotta per arrivare e tornare dall’America trasmettendo le conoscenze dei venti e le insidie dei mari nonostante fosse un cattivo amministratore; il patrimonio colombiano è notevole ma deve essere censito e catalogato”.

“Occorre a Genova una grande scuola di storia e geografia legata a Colombo recuperando la memoria; l’identità dell’esploratore genovese è molto importante e dopo di lui ci sono state tante figure importanti di grandi studiosi. Il nostro Occidente è fatto da Colombo e altri genovesi importanti ma voglio ricordare che la Rivoluzione Americana e quella Francese sono legate”, conclude la storica Gabriella Airaldo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: