AttualitàCuriosando qua e là

Blue economy summit, quattro giorni di convegni e dibattiti sull’economia del mare con eventi diffusi nel cuore di Genova

Prospettive di sviluppo del porto di Genova, riqualificazione e valorizzazione del Waterfront, ambiente e sostenibilità dell’ecosistema marittimo, sport nautici, turismo, start up e percorsi professionali del settore; tutto questo è la quarta edizione del Blue Economy Summit (www.besummit.it/). La manifestazione nazionale, interamente dedicata alle grandi opportunità di crescita per i territori derivanti dal mare e dalle industrie che vi gravitano attorno, si terrà a Genova dal 13 al 16 ottobre 2021, in presenza e in live streaming.  Sei le tematiche affrontate nelle varie sessioni congressuali fondamentali per la crescita di Genova e più in generale per le città a vocazione marittima. Dal progetto del Waterfront di Levante, ideato e donato alla città dall’architetto Renzo Piano e che sta cambiando il volto dell’ex Fiera di Genova (entro il 2023 restituirà un nuovo affaccio marittimo alla città creando un quartiere vivo, rigenerato e fruibile per tutti i cittadini, connesso al tessuto urbano da percorsi pedonali e ciclabili) alla riqualificazione dell’ex silos granario Hennebique che è una testimonianza pionieristica e sorprendente della presenza Art Déco in città, sono diverse i temi affrontati in questa edizione del Blue Economy Summit.

“Questo evento ha diversi aspetti importanti ma quello degno di nota è legato alle start-up”, dichiara l’assessore allo sviluppo economico portuale Francesco Maresca, “senza dimenticare la novità di quest’anno, Genova Blue Street, che coinvolge il centro storico. Il dialogo tra le diverse istituzioni permette di aumentare l’indotto cittadino ed i numerosi convegni avranno come temi quelli legati all’economia del mare tra cui il Waterfront di Levante, l’Hennebique e le Dune di Pra, molto importanti per la rigenerazione urbana; nel summit nascono sinergie importanti ed io sono pronto a discutere, insieme al sindaco Bucci, di temi strategici presentando proposte alla città ma è fondamentale il dialogo con la regione e l’Autorità di Sistema Portuale. Per noi è fondamentale la nomina del Commissario per le Zone Logistiche Semplificate perché si riduce la burocrazia e gli investimenti migliorano; servono diverse riforme per crescere ed è necessaria la nomina del Commissario per le Autostrade poiché il porto è legato alla viabilità stradale”.

Stessa soddisfazione da parte di Carlo Silva, Presidente Clickutility Team :”Questo evento ha come obiettivo la valorizzazione del lavoro del Blue District ragionando sulle potenzialità legate al mare; la manifestazione ha due assi : congressi online e in presenza e la Blue Street che incontra la gente in piazza con aperitivi divulgativi. Il contest ha avuto successo tanto che ci sono arrivati più di 100 lavori e ben 30 sono stati esposti nel centro storico; i temi trattati coinvolgeranno il Waterfront, lo sport ed il mare in generale visto come risorsa. Domani in Piazza San Matteo ci sarà un concerto di un gruppo che suona le canzoni di De André mentre venerdì si parlerà, presso il Chiostro delle Vigne, dell’economia circolare e delle microplastiche e sabato sarà la volta della discussione riguardante la Water Bike. L’economia legata al mare ha in sé diversi settori e l’innovazione che permette progetti importanti legati allo sport ed alla vivibilità della costa”.

“Il Blue District permette collegamenti per favorire l’innovazione nel settore ed il dialogo tra i diversi componenti è fondamentale; occorre fare sistema e la transizione è necessaria per lavorare al meglio. L’idea è buona e la città si mette in gioco raccogliendo i frutti di dieci mesi di lungo lavoro”, conclude Claudio Oliva, Direttore Job Centre.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: