Attualità

Ballottaggio elettorale, i giochi potrebbero ancora cambiare se tutti faranno il loro dovere di cittadino.

I verdetti della prima tornata elettorale per le votazioni comunali sono già noti a tutti. Per quanto riguarda la nostra città di Savona , come per altri comuni, c’è la necessità di andare al ballottaggio  che deciderà definitivamente chi dovrà indossare la fascia di sindaco per i prossimi anni.  A Savona il candidato Russo del Pd ha ottenuto un plebiscito non da poco raggiungendo il 48 % , mentre per il candidato Schirru del centrodestra il risultato è stato di 37 %, in quando nessuno dei due ha ottenuto la percentuale necessaria il 17 – 18 Ottobre  i cittadini Savonesi dovranno recarsi di nuovo alle urne per scegliere quale sindaco vogliano che li rappresenti; nella speranza che assenteismo della prima ondata a questo giro vada a votare invece di rimanere a casa. Sono quasi sicuro che la scusa del  il mal tempo sia stata una palese dimostranza di non credere più a nessuna promessa  dei candidati. Ma tornare alle urne è un dovere di ognuno di noi a prescindere dalla preferenza politica ,ma da questo risultato elettorale dipenderà la gestione della nostra città. Detto questo, nessuna condanna per chi preferirà non andare a votare : la forzatura non serve e sono sempre controproducenti . Saranno bravi i partiti politici che sapranno motivare i propri  iscritti convincendoli che votare non solo è importante è sicuramente fondamentale . Ma la partita sarà vinta solo quando l’ arbitro darà il triplice fischio. Un grande in bocca al lupo a chiunque vinca che possa il nuovo sindaco trovare soluzioni per sistemare i grandi problemi che la nostra città si porta dietro da anni ,riportare la nostra Savona a splendere.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: