Curiosando qua e là

Marina Militare, Esercitazione Mare Aperto 2021, ennesima dimostrazione della peculiare capacità multidimensionale e multidisciplinare che connota l’azione sul mare e dal mare

Dopo oltre un anno e mezzo di stop forzoso causa COVID, dallo scorso 4 ottobre ha preso il via l’esercitazione Mare Aperto 2021 che per 24 giorni vedrà coinvolti più di 4.000 militari appartenenti alla Marina Militare e alle 8 Marine, alleate e partner, compartecipanti; il Sottosegretario alla Difesa Stefania Pucciarelli ha effettuato una visita conoscitiva presso questa esercitazione.

Mare Aperto 2021 è la più importante e complessa esercitazione della nostra Marina Militare che ne vede coinvolte tutte le articolazioni,  comandi e staff, imbarcati e statici, componenti operative, addestrative e di supporto, su ampia porzione di spazio multidimensionale comprendente le acque e le aree costiere e litorali di Tirreno, Adriatico, Ionio e Canale di Sicilia, sotto la supervisione del Comando in Capo della Squadra Navale”, dichiara il Sottosegretario alla Difesa Stefania Pucciarelli, “e ha come obiettivo quello di testare compitamente i livelli di prontezza e capacità d’azione, nonché addestrarsi intensamente al loro miglioramento in uno scenario a “massimo realismo”, nell’ambito dell’intero spettro di intervento afferente al dominio delle operazioni marittime che possono essere navali tout court, subacquee, aeree, anfibie, di forze speciali, di contromisure mine, idro-oceanografiche e del più ampio supporto tecnico-specialistico, formativo-addestrativo, medico-sanitario e logistico-amministrativo. Lo scenario esercitativo della Mare Aperto 2021 conferma ancora una volta l’abilitante valore strategico insito sia nelle modalità di addestramento live a “massimo realismo” tipiche della Mare Aperto, condizione di fondamentale importanza per costruire la necessaria “consapevolezza situazionale” del personale coinvolto e quindi elevarne la protezione, sia nell’azione sul mare e dal mare, che connota la peculiare abilità della nostra Marina Militare”.

“Un unicum nel panorama interforze nazionale che consente alla Forza Armata di poter operare in maniera multidimensionale, sopra e sotto i mari, in cielo, dalle blu water alla zona costiera e in penetrazione nella fascia litorale, con le ormai inevitabili sinergie tra il dominio marittimo e quelli emergenti del cyberspazio e dello spazio cosmico,  nonché con proiezione multidisciplinare, nel costituire un naturale nucleo di cristallizzazione per l’integrazione interforze e nel dimostrare naturale attitudine a cogliere ogni favorevole opportunità di cooperazione interistituzionale, collaborazione interagenzia e interoperabilità multinazionale”, prosegue Stefania Pucciarelli, “e vengono coinvolti molti mezzi ed equipaggiamenti che annoverano ben 21 unità navali di diverse tipologie e ruoli, 3 sommergibili, numerosi aeromobili dell’Aviazione Navale, 4 aerei AV-8B, 15 elicotteri imbarcati ed i P180 MM basati a terra, gli aerei da pattugliamento marittimo P72 gestiti dall’Aeronautica Militare per le esigenze operative della Marina, ulteriori velivoli in concorso dell’Aeronautica ed anche 2 elicotteri da combattimento dell’Esercito Italiano. Nel poligono sardo di Capo Teulada, ho assistito ad un’operazione di sbarco anfibio, strategica opzione d’intervento che colloca la nostra Marina e l’Italia in un novero ristretto di Nazioni con analoga componente di nicchia, garantita dalla sinergia tra le capacità del dispositivo aeronavale e quelle della Brigata Marina San Marco, intimamente legate e compenetrate nel dominio delle operazioni marittime e quest’anno in certificazione a standard NATO per assumere il ruolo di componente anfibia della forza di risposta rapida dell’Alleanza nel 2022 (Nato Response Force – NRF 2022)”.

“In questa attività ho apprezzando la straordinaria professionalità dei nostri marinai con “le Stellette”, chiamati a condurre esercitazioni con gradi di difficoltà sempre più elevati, necessari per rispondere a scenari caratterizzati da tensioni, rischi e minacce crescenti in numero, tipologia, complessità, interrelazione dei fenomeni e sovente scarsa prevedibilità evolutiva, soprattutto per ciò che riguarda la dimensione marittima, storico Global Common nello sviluppo dell’umanità ed oggi fulcro di una rinnovata e ancor più vitale centralità per le prospettive di sviluppo sostenibile e prosperità inclusiva su scala globale”, conclude il Sottosegretario alla Difesa.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: