Politica

Elezioni comunali, dove va Savona?

Riflessione politica di Filippo De Nobili

Come era facilmente prevedibile, l’avvocato Marco Russo è il nuovo sindaco di Savona. Il “ vecchio che avanza “, Russo, ha battuto il “ nuovo che manca”, Schirru. Più che delle elezioni per scegliere il sindaco di una città capoluogo di provincia, mi sono sembrate le votazioni di un’assemblea di condominio che deve nominare un nuovo amministratore. E qui sta il punto: dopo la bocciatura della Caprioglio, che, bisogna ricordarlo, ha dovuto fare i conti con un pesante deficit lasciatole in eredità dal “ vecchio che avanza”, Savona aveva bisogno, per risollevarsi da una crisi trentennale, di un nuovo gestore ? O, non aveva forse bisogno di qualche idea nuova e concreta ? Da questo punto di vista, forse perché è giovane, ma Meles è stato l’unico a portare qualche idea nuova e concreta sul da farsi. Anche Aschei ha dato un contributo in termini di idee, forse perché non ha un partito alle spalle. Tuttavia, secondo la mia del tutto personale opinione, una città come Savona, che si appresta a scendere ufficialmente sotto i 60 mila residenti, ben 10 mila in meno degli anni trenta del secolo scorso, che ha vissuto e vive una forte deindustrializzazione, che ha perso la sua Banca e il suo Ente Porto senza protestare, e che rischia, se già non lo è, di diventare una delegazione genovese, qualche idea su come rilanciarsi dovrebbe pur averla. Perché non provate a chiedervi come mai La Spezia ha ancora la sua Autorità Portuale e come mai vi attracchino le navi di Costa, Royal Carribean ed MSC ? E, tornando alla Spezia, lo sapete perché il comune conta circa 95 mila abitanti contro i circa 60 mila di Savona ? In realtà, la città dell’Arsenale non è più grande di quella della Torretta, semplicemente nel corso del tempo ha inglobato comuni prima autonomi, esattamente come ha fatto Genova. L’area urbana savonese è invece composta da ben cinque comuni il che rende difficile programmare il futuro, ammesso che qualcuno ci pensi. Impegnarsi per crearne uno solo? E le industrie turistiche? Non ho sentito nessun candidato usare questo termine, facilmente mutuabile dalla vicina Costa Azzurra che di turisti ne ha fin troppi, e non ho sentito dire da nessuno che promuovere la città senza avere uno straccio di Ufficio del Turismo è veramente ridicolo. Per non parlare del Palazzo della Rovere, come vogliono sfruttarlo? In definitiva mi sembra che manchi una prospettiva politica per lo sviluppo della città, forse anche perché mancano politici savonesi che abbiano un certo peso sia a livello regionale che, ancor più, a livello nazionale. Un mio amico, savonese di nascita, afferma che, in fin dei conti, i savonesi sono dei “ genovesi mancati ”; io che, invece, sono un savonese d’adozione, spero che questa città abbia un moto d’orgoglio e capisca che, senza una precisa identità, non si va da nessuna parte

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: