AttualitàPolitica

Marco Russo nuovo sindaco di Savona, le analisi dei due candidati

Marco Russo sarà il sindaco di Savona per i prossimi cinque anni grazie alla vittoria ottenuta al ballottaggio contro il candidato sindaco di centrodestra Angelo Schirru; l’avvocato savonese è riuscito ad aggiudicarsi la poltrona di primo cittadino con il 63% dei voti ed un’affluenza del 46% degli aventi diritto.”

“Questo importante risultato è il segno di una città ottimista che spera, confida e opera per il suo rilancio”, dichiara il neo sindaco di Savona, “e sono grato a tutti coloro che mi hanno votato. Condivido con la cittadinanza la responsabilità del voto e mi è piaciuto molto ricevere la telefonata di Angelo Schirru; occorre lavorare insieme per Savona in un dialogo di apertura e collaborazione. L’ultima parte della campagna elettorale del mio avversario ha avuto toni accesi ed il voto dimostra che questa politica aggressiva non piace; ora mettiamo in atto il nostro programma attraverso il confronto poiché i toni accesi non portano ai risultati. La nostra vittoria è nata dal basso dialogando con le persone e la politica deve tornare nelle strade; la squadra di assessori sarà funzionale al progetto e non ho ancora i nomi. Il prossimo anno ci saranno le votazioni amministrative a Genova ma non faccio valutazioni poiché le lascio ai genovesi e non mi sento di dire se il capoluogo della nostra regione cambierà colore politico”.

“Siamo in democrazia e la gente sceglie da chi vuole essere governata quindi rispetto il risultato elettorale”, commenta Schirru, “ed ora mi metto a lavorare. Non pensavo di perdere con così tanto svantaggio ma Savona deve evolvere e metterò molto impegno nel mio ruolo; in campagna elettorale ho parlato con i cittadini, le associazioni e le diverse realtà per capire i problemi e risolverli. Non so cosa mi sia mancato per vincere ma l’unica mia colpa è quella di essere, forse, partito in ritardo; la coalizione è coesa ed i candidati sono tutti competenti e mi spiace che il futuro della città sia stato deciso da meno del 50% degli aventi diritto al voto. Ora farò opposizione al servizio della città stando, come ho fatto in questa campagna elettorale, in mezzo alla gente come facevo quando ero primario. Il prossimo anno si vota a Genova e non ho esperienza politica per dire se anche il nostro capoluogo di regione cambierà colore politico ma va rispettata la volontà degli elettori”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: