Politica

Savona, prime riflessioni sul ballottaggio che ha portato Marco Russo a palazzo Sisto IV

Riflessione di Bruno Spagnoletti

Si potrebbe già fare qualche riflessione anche se la ferita aperta fa ancora male: 1) al netto delle ovvie e scontate polemiche da campagna elettorale, spesso volutamente sopra le righe, occorre riconoscere, per onestà intellettuale, che Savona era, è e resta una Città rossa con un forte radicamento del Pd e del sentiment della sinistra diffusa, soprattutto sui grandi valori. 2) un Sindaco eletto con il 46% degli elettori e la maggioranza del 54% astenuti….è un problema di tutti, investe la coscienza diffusa della intera Politica savonese a Sinistra, al Centro e a Destra; 3) un uomo probo e onesto come Angelo Schirru non è riuscito a coprire alcuni evidenti vuoti programmatici e soprattutto le divisioni; gli sgambetti, le polemiche inspportabili e le divisioni non solo sottotraccia d tra le forze del Centrodestra; 4) il Centrodestra sconta l’errore strategico di non aver saputo “difendere la “sua Giunta uscente” e di aver liquidato, in forme, tempo e modi non troppo eleganti ( per non dire altro) il Sindaco Donna uscente Ilaria Caprioglio ; 5) negli ultimi 15 giorni il Centro Destra e i suoi Stateghi hanno inanellato una serie di errori letali per poter recuperare i 10 punti percentuali di distanza da Marco Russo; l’errore esiziale del Centrodestra è di aver privilegiato la “superficie ” visibile delle forme politiche espressesi alla “ciccia ” della società civile e dei sui gangli vitali e pulsanti.
L’alleanza, la sopravvalutazione e la processione in coro, manco fosse la Madonna Pellegrina, di in tal Aschei (che di suoi voti non ha più di 100, attorno al Circolo Barnum del suo Centro Formativo) è stata funesta, deleteria e devastante per il Dott. Angelo Schirru, i suoi improbabili consigliori e le Menti del Centrodestra savonese. 6) ora non resta che augurare buon lavoro al Sindaco Marco Russo e alla sua squadra vincente e rimoccarsi le maniche per prepararsi e attrezzarsi ad una opposizione di lunga lena….a durare per ben cinque anni; una opposizione dura se sarà necessario, ma mai pregiudiziale e sempre improntata a responsabilità e mero servizio alla Città. Ite, missa est #buonlavoromarcorusso

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: