Curiosando qua e là

Al via la campagna di prevenzione “Una telefonata può salvarti la vista” per promuovere lo screening tra i soggetti con patologia diabetica

“Una telefonata può salvarti la vista” è la campagna di sensibilizzazione del progetto “Occhio al diabete – Non perderti la vista”, lanciata oggi nell’ambito del Protocollo d’intesa, siglato dal Comune di Genova, Regione Liguria, Anci e Università di Genova per la prevenzione delle patologie oculari collegate al diabete. Il progetto, di cui è promotore il Comitato Macula e capofila istituzionale il Comune di Genova, è in particolare finalizzato alla prevenzione delle complicanze oculari della malattia diabetica con lo screening ambulatoriale, attivato, nella prima fase del progetto, all’interno dell’Irccs San Martino di Genova. È stato attivato dal comitato Macula un apposito numero di telefono (010.2721373 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 15), con un operatore dedicato, a cui i 1.800 genovesi diabetici, da almeno 15 anni e che non hanno mai effettuato una visita oculistica in una struttura pubblica, potranno rivolgersi per avere informazioni ed, eventualmente, prenotare uno screening ambulatoriale. Il Protocollo d’intesa comprende un articolato piano di misure per sensibilizzare i cittadini sulle conseguenze del diabete sulla vista: per intercettare la potenziale platea di genovesi soggetti a complicazioni sulla vista a causa del diabete, saranno affisse locandine informative nelle farmacie e partirà una campagna di affissioni su tutto il territorio comunale. Il programma di realizzazione di “Occhio al diabete – Non perderti la vista”, come previsto dal Protocollo d’Intesa, ha raccolto l’adesione di alcuni sponsor privati individuati con avviso pubblico a cura del Comitato Macula e degli Enti coinvolti nel progetto. Raccolti i dati degli screening, i risultati dell’indagine, nel rispetto dell’anonimato, saranno sintetizzati e divulgati dall’Università di Genova tramite la Clinica oculistica del Dipartimento di Neuroscienze, riabilitazione, oftalmologia, genetica e scienze materno-infantili (DINOGMI). Il progetto “Occhio al diabete – Non perderti la vista”, della durata di 6 mesi, rientra nel programma di educazione a stili di vita sani e di prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili, portato avanti dall’amministrazione comunale e in particolare dall’assessorato alla Salute.

“Questo progetto è molto importante poichè il diabete coinvolge l’occhio e la retina con i sintomi che restano latenti per anni”, dichiara il vicesindaco Massimo Nicolò, “e coloro che chiamano questo numero verranno sottoposti ad alcune domande da parte degli operatori ed in seguito verrà fissato un appuntamento per effettuare lo screening della retina presso l’ospedale San Martino. Il protocollo sancisce l’impegno per le associazioni a portare avanti questo progetto che permette cure mirate; la campagna non prevede alcun costo per la regione ed il comune ed è sponsorizzato dalle case farmaceutiche. Questo progetto prevede la ricerca di 1800 genovesi malati di diabete da almeno 15 anni che non hanno mai fatto una visita oculistica visto che la diagnosi precoce è fondamentale per trattare la malattia con i farmaci; la qualità della vita è proporzionale alla qualità della vista ed occorre fare prevenzione”.

Parole simili da parte di Carlo Traverso, Direttore Clinica Oculistica Universitaria Ospedale Policlinico San Martino di Genova :”Le malattie della retina come la retinopatia diabetica ed il glaucoma sono frequenti ma nella nostra città ci sono tante iniziative dedicate alla prevenzione; il sistema sanitario regionale funziona bene per questo settore anche perchè molti screening vengono fatti attraverso la telemedicina. Occorre informare senza terrorizzare effettuando valutazioni di base come l’esame della retina per i diabetici”.

“Il Comitato Macula serve per far conoscere la malattia infatti la nostra realtà è composta da persone che soffrono di questa patologia”, sottolinea Massimo Ligustro, Presidente Comitato Macula, “e nessuno deve sorvolare le complicanze poichè sia i pazienti che i medici avranno una vita difficile. In Liguria si ha un corretto accesso ai farmaci e progetti come questo permettono una facile sensibilizzazione e non viene meno il proprio tenore di vita e la capacità di lavorare perchè i problemi alla vista portano alla perdita della patente, del porto d’armi e della capacità di stare al computer; l’esame in questione permette di capire se la malattia, che non ha sintomi, sta insorgendo e bloccarne gli effetti”.

“In Liguria sono 234 i comuni aderenti ad ANCI molti dei quali molto piccoli ma intercettiamo i loro bisogni dialogando con la regione”, afferma Alessandra Ferrara per ANCI, “e questo è un progetto unico nel suo genere. ANCI ha un ruolo di divulgazione ed il programma che presentiamo oggi può essere un modello per altre realtà; Federsanità, presente in ANCI, ha in sè le cinque asl liguri con un importante cassa di risonanza. Il progetto si può replicare avendo Genova come capofila e portarlo in altre realtà”.

“Questo è il momento giusto per progetti del genere poichè stiamo uscendo dalla pandemia ed i controlli preventivi sono stati pochi ma sono fondamentali per la qualità della vita delle persone”, evidenzia il governatore Toti, “e per il futuro della sanità. Tra 4-5 anni il PNRR svilupperà in modo notevole la sanità attraverso una rete diffusa ma occorre prevenire le malattie; questo progetto mi piace ed occorrono comportamenti, pratiche, tecnologie affinchè si riducano i ricoveri e sono contento di questo progetto. La nazione invecchia sempre di più e vi è necessità di maggiore prevenzione per aiutare la collettività”.

“La prevenzione è importante poichè è triste accorgersi in ritardo di avere una qualche patologia; per me questo progetto è importante sia perchè sono il sindaco di Genova sia perchè soffro di retinopatia diabetica. Tutti devono partecipare visto che i sintomi della malattia escono tardi ed occorre diffondere le informazioni; il diabete è in crescita e nei prossimi anni sarà la malattia più diffusa al mondo. Questa malattia mostra i sintomi quando ormai è tardi ed i sistemi che permettono la diagnosi in modo più facile e veloce devono essere implementati; il comune ha la responsabilità della salute dei cittadini e ringrazio tutte le realtà coinvolte”, conclude il sindaco Marco Bucci.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: