AttualitàCuriosando qua e là

Presentata l’edizione numero 19 del Festival della Scienza

Un importante programma in presenza e un rinnovato palinsesto online, in un festival dal format ibrido che vuole segnare un ritorno allo stare insieme e al vivere la scienza in prima persona. Da giovedì 21 ottobre a lunedì 1° novembre a Genova torna il Festival della Scienza nel segno delle Mappe, parola chiave della diciannovesima edizione di una tra le più importanti manifestazioni al mondo di diffusione della cultura scientifica. In dodici giorni a Genova vanno in scena 212 eventi in presenza con più di 350 protagonisti tra scienziati e personalità illustri; l’edizione 2021 del Festival della Scienza rappresenta un vero e proprio labirinto di sfide, raccontate di nuovo in presenza con il caratteristico spirito multidisciplinare con 131 conferenze, 42 laboratori, 17 mostre, 8 spettacoli e 13 eventi speciali in programma in 26 luoghi della città e dedicato sia a famiglie e appassionati, sia alle scolaresche. Sempre per gli studenti, è confermato e ampliato il progetto La scienza va in onda!, realizzato grazie al supporto della Fondazione Compagnia di San Paolo e in collaborazione con Orientamenti: un palinsesto completamente digitale composto da 59 attività online tra laboratori, incontri e visite guidate virtuali che prosegue, per la prima volta, anche dopo la conclusione del Festival in presenza, fino al 12 novembre. La scienza va in onda! è usufruibile dalle classi di tutta Italia dalla scuola primaria alla scuola media superiore, ed è composto da 34 digilab (laboratori interattivi condotti dagli animatori del Festival), 15 digitour (visite guidate virtuali all’interno dei centri di ricerca) e 9 digitalk (incontri virtuali in cui ricercatori scientifici si raccontano).

“Il Festival è molto importante”, dichiara l’assessore regionale alla cultura Ilaria Cavo, “e sarà collegato ad Orientamenti. La scienza è fondamentale per i ragazzi ed il loro futuro e le materie STEM (STEM è un acronimo che significa Science Technology Engineering Mathematics) sono importanti anche per le ragazze; mi piace l’idea che questa manifestazione possa diventare un input per le scelte del corso di studi da intraprendere. Al Festival saranno presenti eccellenze italiane e straniere e quello delle mappe è un tema ampio poichè coinvolge il cosmo, il cervello umano, i virus ed il post-pandemia; questo evento ha in sè la ripartenza con eventi dedicati a tutte le fasce d’età coinvolgendo sia adulti che studenti senza dimenticare la cultura e l’orientamento ed avremo presenti con l’alternanza scuola-lavoro più di 80 ragazzi. La mia speranza è che questo festival porti con sè messaggi importanti legati all’orientamento facendo scattare curiosità nei giovani; il bisogno di sapere scientifico è molto così come la voglia di cultura e riflessione”.

Parole simili da parte di Marco Bucci, sindaco di Genova :”Questo evento permette di di fare esperienza pratica e la scienza è una sorgente di applicazione per migliorare la qualità della vita; per il futuro saranno sempre più importanti la digitalizzazione, la socialità e la sostenibilità ambientale per avere nuove energie. Il Festival è importante perchè permette di dare curiosità ai giovani e da appassionato velista voglio ricordare l’evento in cui si parlerà della tecnologia dietro a Luna Rossa che permetterà inoltre di fare appassionare qualcuno allo sport; il Regno Unito sarà ospite della kermesse e si potrà discutere delle dinamiche positive e negative legate alla Brexit. E’necessario che tutti si possano avvicinare alle sfide scientifiche poichè sono molto importanti per il nostro futuro”.

“L’Unione Europea investe nelle scienze”, sottolinea il dottor Gaudina in rappresentanza della Commissione Europea, “e voglio ricordare che il vincitore del Nobel per la chimica di quest’anno ha ricevuto fondi comunitari. Ben 110.000 ricercatori sono stati aiutati con azioni dell’Unione e l’ideatore del vaccino anti Covid di Pfizer, basato sulla tecnica dell’RNA messaggero, ha ricevuto fondi UE; ben 20 ospiti del Festival della Scienza di Genova sono stati beneficiari di risorse comunitarie e ne siamo molto orgogliosi. La mattina del 28 ottobre  ci sarà una sorta di Caffè Scientifico con Marilù Casini, influencer scientifica molto seguita sul web”.

“Il Festival avrà una modalità ibrida online-presenza ma più di 200 eventi saranno in presenza”, afferma il presidente dell’evento Marco Pallavicini, “e voglio ringraziare la regione, il comune di Genova e tutti coloro che ci hanno aiutato tra cui l’Università, la Camera di Commercio, gli enti scientifici, il Ministero e gli sponsor. Le mappe hanno tante declinazioni coinvolgendo la tecnologia, lo spazio ed il cervello con aspetti del futuro che non si possono prevedere ma voglio ricordare che avremo come nazione ospite il Regno Unito ed avremo un dialogo sulla post pandemia ed il modo di pensare delle persone”.

“Questo evento è un’eccellenza del territorio ma soprattutto della città di Genova”, evidenzia Nicoletta Viziano per la Compagnia di San Paolo, “e da ben 19 anni la Compagnia appoggia il Festival della Scienza”.

“La voglia di ripartenza è tanta e sono più di 200 gli eventi in presenza senza dimenticare le mostre presso Palazzo Ducale, Palazzo Reale e la Biblioteca Universitaria ed i 42 laboratori il cui cuore sarà in Piazza delle Feste in cui verrà allestito una sorta di cervello; saranno otto gli spettacoli al Teatro della Tosse con scienziati ed attori. Degne di nota sono anche le conferenze online e quelle in presenza con tanti relatori stranieri, soprattutto inglesi ed italiani che lavorano nel Regno Unito; l’attenzione al post pandemia è tanta così come l’attenzione rivolta alle celebrazioni legate a Dante tanto che avremo un incontro intitolato Dalle miniature celesti all’Astronomia. Viaggio immaginifico nella Divina Commedia avente come ospite un astrofisico discendente di Dante ed il professor Mazzucchi, famosa dantista. Il progetto dei Caffè Scientifici mi piace molto e coinvolgerà il Mood presso il Mercato Orientale, l’Ostello Bello ed il Librificio del Borgo; la collaborazione con l’università è importante poichè le scienze fanno parte della cultura e spero che le scuole presenti possano essere numerose ed il programma online, che proseguirà fino al 12 novembre, ha in sè la voglia di fare, vedere ed ascoltare”, conclude Fulvia Mangili.

 

Per informazioni : www.festivalscienza.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: