Cultura e Musica

La scienza coma mappa della realtà

L’Associazione organizza sin dal 2016 l’evento “Savona, i Giovani e la Scienza”, come anteprima del“Festival della Scienza” di Genova, accogliendo moltissimi visitatori sia addetti ai lavori che curiosi. Questo evento si svolge nelle sale del Palazzo del Commissario presso la Fortezza del Priamar di Savona, in un itinerario con esperimenti interattivi, costruiti e presentati dai giovani soci e illustrati da pannelli riassuntivi.
Per il 2021 l’inaugurazione della mostra è avvenuta lunedì 18 ottobre alle ore 16 presso la Sala della Sibilla. La mostra rimarrà poi aperta fino al 26 ottobre con orario feriale 14,30 – 18,30 e festivi e  nei prefestivi anche la mattina dalle 10 alle 12,30. Già dal sottotitolo della locandina do presentazione della manifestazione è evincibile il carattere innovativo che la contraddistingue : “Un percorso tra spazio e tempo nella storia della scienza attraverso esperimenti ed esperienze in diretta”.
Dall’elettromagnetismo alla fisica quantistica, dalla termodinamica alla spettrometria, dalla robotica alla fisica delle particelle, dall’elettroforesi alla chimica ed infine all’acustica : questo è il viaggio da affrontare durante il seminario di cui la prof. Bianca Ferrari, presidente e fondatrice dell’associazione è l’ideatrice.Come utile approfondimento dei contenuti della rassegna riepiloghiamo didatticamente quanto potrà essere osservato e studiato : levitazione magnetica, pendolo elettromagnetico, esperimento di Thomson oltre a quello di Chladni e di Shive, modi di vibrare, camera nebbia, tubo di Quincke, braccio robotico, algoritmo di un semaforo, centrale eolica e idroelettrica.Occorre sottolineare che anche durante il lockdown, i Giovani per la Scienza hanno incessantemente continuato a operare, proseguendo da casa ed inaugurando così nuovi progetti, rafforzando la coesione e lo spirito di squadra all’interno della meritoria Associazione.D’altronde, come dice un famoso scienziato americano :”L’unico modo per prevedere il futuro è quello di costruirlo”. Un bravo di cuore ai nostri ragazzi savonesi, future avanguardie della nostra comunità scientifico/culturale.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: