Cultura e Musica

Presentata la quarta rassegna di musica e teatro civile “Voci dall’Arca”

E’ composta da due sezioni, una dedicata alla musica l’altra dedicata al teatro, la quarta rassegna di “Voci dall’Arca” proposta dal Teatro Necessario al Teatro dell’Arca e al Teatro Ivo Chiesa con il coinvolgimento dei detenuti della Casa Circondariale di Genova Marassi. L’associazione “Teatro Necessario”, costituita su iniziativa di artisti, operatori culturali e insegnanti con lo scopo di utilizzare il teatro come strumento di integrazione e di riabilitazione socio-lavorativa rivolta ai detenuti, è attiva dal 2005 all’interno della Casa Circondariale di Genova-Marassi dove promuove, ogni anno, corsi di formazione nei mestieri dello spettacolo per persone detenute mediante la collaborazione con professionisti esterni.

“Il nostro importante progetto si allarga”, dichiara Carlo Imparato, presidente dell’Associazione Teatro Necessario, “e proprio quest’anno compie 15 anni. Il programma diventa sempre più ricco e la brochure del programma degli eventi è stata realizzata in carcere”.

Parole simili da parte del consigliere Sergio Gambino in rappresentanza del sindaco Bucci :”L’amministrazione è contenta di aver concesso all’evento il patrocinio ed alcuni fondi poichè l’articolo 27 della Costituzione riflette queste attività; abbiamo progetti per far fare ai detenuti lavori socialmente utili destinati al percorso di rieducazione. La nostra è una società evoluta ed il recupero dei carcerati è fondamentale”.

“Sono contenta del fatto che questa attività sia ripartita ed è stata possibile grazie all’aiuto delle associazioni”, racconta  il direttore della Casa Circondariale di Marassi Maria Isabella De Gennaro, “ed i progetti sono efficaci se le persone ci credono. Il diritto alla salute per i detenuti ed il personale è importante e nel 2020 la sofferenza dettata dalla pandemia è stata tanta; l’articolo 27 della Costituzione è importante ed il progetto del teatro coinvolge molti carcerati a regime ordinario e alta sicurezza. La detenzione ha senso se dà possibilità che prima non c’erano tanto che alcuni detenuti stanno seguendo corsi per tecnico delle luci e costumi per avere una competenza spendibile in futuro; la detenzione è complessa ma tutte le realtà devono collaborare ed eventi di questo tipo producono bellezza e cultura”.

“Siamo partner di questa iniziativa dal 2009 poichè siamo convinti che la cultura ed il sociale siano fondamentali per il benessere della città”, afferma Nicoletta Viziano per la Compagnia di San Paolo, “ed i detenuti sono stimolati a capire che ci si può reinventare. La pandemia ha stravolto tutte le nostre vite ma la nostra realtà si è messa in gioco in modo vincente”.

“Con i fondi dell’8×1000 possiamo fare tante cose per chi vive e lavora in Italia avendo particolare attenzione agli ultimi”, ricorda Paola Pasquino per la rete valdese, “e per noi è molto importante il recupero dei detenuti. Il cambiamento attraverso l’arte è importante ed occorre aprire il carcere alla città poichè questi luoghi devono essere vitali per tutti”.

“Il progetto Per Aspera ad Astra è molto importante così come la rete creata per le diverse esperienze di teatro in carcere, un vero esperimento innovativo”, evidenzia il signor Righetti per Acri, “ma l’obiettivo più importante è quello di fare cultura avendo come scopo il reinserimento dei detenuti. Siamo alla quarta edizione di questo progetto che ha un importante valore etico”.

“Nel progetto sono coinvolte diverse realtà”, sottolinea Armando Punzo, “ed il linguaggio è importante ma non bisogna mescolare diversi tipi di linguaggio”.

“Veniamo da due stagioni difficili ma fortunatamente la capienza dei teatri è arrivata al massimo”, spiega Sandro Baldacci, direttore artistico del Teatro Necessario, “e la stagione sarà divisa in due parti : la prima di musica andrà dal 23 ottobre all’11 dicembre mentre la seconda di prosa dal 13 aprile al 4 giugno 2022. Il 23 ottobre avremo un concerto di Capone & Bungt Band, gruppo fondatore della musica ecologica suonata con strumenti realizzati con materiale riciclato ed il gruppo ha ricevuto il Premio Felicia e Peppino Impastato, il riconoscimento di Legambiente come campione per l’economia circolare ed il titolo di socio onorario da Musica contro le Mafie, il 6 novembre si esibiranno i Motus Laevus con jazz contemporaneo, canti sloveni e cultura europea che si fonderanno con danze nordafricane e orientali, composizione dall’est dai tempo composti vengono miscelate a scale mediorientali greco turche, il 20 novembre sarà la volta di Ritmiciclando, progetto musicale sperimentale nato per la costruzione di strumenti musicali con materiali di recupero che diventa uno spettacolo-concerto vero e proprio, il 4 dicembre si esibiranno El Pueblo Unito composto da Valentina Messa e Carlos Lalvay; quest’ultimo ha lavorato molto sul concetto di variazione ed è quindi la figura più adatta a condurre un laboratorio con i detenuti, mentre l’ultimo spettacolo di musica, l’11 dicembre, vedrà protagoniste le migliori voci della Bernstein School of Musical Theater. La stagione di prosa prenderà il via con Delirio di una notte d’estate liberamente ispirato alla famosa opera di Shakespeare “Sogno di una notte di mezza estate” dal 19 al 23 aprile presso il Teatro della Corte e dal 26 al 28 aprile presso il Teatro dell’Arca, location usata per tutti gli altri eventi, il 30 aprile avremo uno spettacolo Geppetto&Geppetto che illustra le varie definizioni dell’amore tra cui quello omosessuale, il 6 maggio sarà la volta di Dialogo. Concerto Dialogo della Compagnia della Rancia con Elena Nieri e Matteo Volponi per la regia di Mauro Simone raccontando la storia di una coppia che si ama per 50 anni, il 13 maggio sarà la volta dello spettacolo Ballarini di Emma Dante; una settimana dopo, il 20 maggio, verrà messo in scena uno spettacolo di Mario Perrotta che narra la vicenda umana dell’artista Ligabue che cerca solamente un contatto umano. Il 27 maggio avremo Banana Split mentre dal 31 maggio al 4 giugno sarà la volta di Igor Chierici; degni di nota gli eventi collaterali per i detenuti come l’incontro con Alessandro Bergonzoni e la proiezione del film “Volevo nascondermi”. Vi sarà inoltre, in data da definire, un incontro per confrontarsi sulle conseguenze che la pandemia ha avuto nella programmazione e nella fruizione degli spettacoli”.

“Questo progetto è importante ed inclusivo ma ha anche un valore artistico che dura da ben 15 anni; degno di nota è soprattutto il valore sociale che ha in sè l’inclusione con la cultura. Abbiamo trascorso momenti difficili ma occorre andare avanti così”, conclude l’assessore Ilaria Cavo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: