Politica

Il mix tra la disfatta di Caporetto e la tragica ritirata dalla Russia come paradigma della sconfitta del Centro Destra

Riflessione sulle post elezioni di Bruno Spagnoletti

Mettiamo subito i piedi nel piatto e scriviamo senza alcun infingimento: nel recente ballottaggio per il Nuovo Sindaco di Savona, Marco Russo ed il Centrosinistra hanno stravinto, mentre Angelo Schirru e il Centro Destra hanno straperso! I tentativi di salvare alcunchè nella sciagurata vicenda elettorale savonese, come le polemiche, sopra le righe, seguite al voto, la dicono lunga sul knock down con cui Marco Russo ha steso il Centro Destra; anche approfittando, della apatica partecipazione al voto della Lega savonese, ormai ridotta ad una appendice dei voleri e dei poteri del Senatur de noantri Paolo Ripamonti. I numeri del tracollo del supporto del Centro Destra al Dottor Angelo Schirru, ha del clamoroso. Russo, come è noto, mentre al primo turno aveva ottenuto 11.971 voti, al ballottaggio addirittura schizza a  13.883, con un aumento secco di 1.912. E da dove provengono? Non certamente dall’ampio bacino dell’astensionismo (peraltro aumentato), ma da un delta a rami articolati che si potrebbe, facilmente, individuare nell’elettorato del Movimentp 5S, nel bacino di “Oltre” di Aschei e, secondo il mio monitoraggio e la mia decodificazione, dall’universo mondo della Lega savonese.  Angelo Schirru, nel primo turno, coglie 9.346 voti, mentre al ballottaggio, ottiene il target minimo di  8.419, con una contrazione “incredibile” di ben 947 voti. Come dire che Aschei non ha portato in dote non dico il condominio, ma neppure il suo voto e quello della bella moglie: Aschei è un piccolo genietto del trasformismo a costo zero! Il resto è Lega savonese….Bellezza! Povero il buon Remigio da metalmeccanico di prestigio, a ferraglia da buttare: nom si ammazzano cosi i Cavalli! Comunque, se Atene piange, Sparta stia ben attenta dallo sganasciarsi dalle risate, perché non c’è granchè da ridere, anzi c’è da piangere e riflettere collettivamente sullo stato della Città. Il nuovo Sindaco è stato eletto dal 48% dell’elettorato savonese, da una minoranza rispetto alla maggioranza del 52% silenziosa e rimasta tra le mura domestiche o al mare per l’ultimo sole. Attenzione a crogiolarsi al sole o a non elaborare il lutto di una Città assente e indifferente con la scusante che tanto anche nel resto del Paese sia Cosi! Qui a Savona c’è una “anomalia” che grida vendetta, perché è cresciuta (sino ad esplodere) l’idiosincrasia degli elettori verso la Politica politicante, ridotta alla famiglia larga dei Parenti (spesso serpenti) e agli amici degli amici. Convengo assai con la mia amica spezzina Avvocato Michela Della Luche (che, peraltro, ben conosce Savona). Michela posta: “c’è una richiesta di serietà e competenza da parte dell’elettorato. L’astensione forte lo dimostra: è stato anche e soprattutto un giudizio politico quello espresso dai tanti cittadini rimasti a casa in questa tornata elettorale. Basta leaders intenti a farsi foto a corredo di post imbarazzanti e banali sui social anziché intenti a lavorare sui programmi economici sociali e su lavoro.” Come non darle ragione! Tutto ciò premesso, non c’è davvero scusante plausibile alla debacle del Centrodestra. Ha perso Angelo Schirru? Non scherziamo! Hanno perso i macro Dirigenti Regionali di Cambiamo, Lega, FdI, Popolari per la Liguria,  Forza Italia, UdC, Democrazia Cristiana e la Lista del mio amico Dott. Francesco Versace. Tutti sapevano, io per primo, sin dal febbraio scorso che Marco Russo e il Centrosinistra avrebbero vinto e che il Centrodestra avrebbe perso; e la prospettiva della sconfitta si è venuta esplicitando, proprio nel momento in cui, gli Strateghi del Centrodestra hanno detto “Niet” alla Candidatura di Pietro Santi, Sindaco di Savona! Che pena! Pietro Santi non aveva il background del Cavallo di Razza per competere? Non era intellettualmente congruo per stare nei salotti buoni  savonesi o non era abbastanza radical Chic? Potrebbe essere! Ma era certo che con i suoi oltre 1.900 voti ad personam avrebbe sbaragliato qualsivoglia avversario a destra, al centro e a sinistra. L’altro errore cruciale ed esiziale del complesso delle intellighenzie del Centrodestra, è stata la parossistica “liquidazione senza giusta causa” della loro Amministrazione e Giunta Comunale vigente sino a martedi scorso, comprese la risorsa Sindaco Ilaria Caprioglio e l’intero tesoro di “San Gennaro” della Lega in Giunta (Massimo Arecco, Maria Zunato e Roberto Levrero). E, per la serie “la faccia di tolla non ha limiti”, si è esplicitata persino l’ideona di richiamarli per una nuova Candidatura nella Lista della Lega; come a dire (direbbe D’Alema sarcastico) “cornuti e mazziati in andata e in ritorno”. Per Chi la conosce, come la conosco io, non poteva che dare una sola risposta “Grazie, ho già dato e me ne torno a coltivare rose e orchidee”. Vedi amico mio Edoardo Rixi, Segretario Nazionale della Lega, se il Partito dei boom savonesi e ponentini, un Partito che – per radicamento territoriale, militanza, dedizione e disciplina – tanto assomigliava al vecchio e glorioso Partito Comunista Italiano (absit iniuria verbis)….è andato scemando negli ultimi 4 anni e ha registrato una caduta verticale nei consensi elettorali a Savona Città e nel Ponente, esiste una ragione che ha un nome e un cognome, ma non tocca a me esplicitarlo, anche se non rappresenta una sorta di segreto  di Pulcinella. E qui mi fermo, anche se avrei voglia di continuare i cahiers de doléances che investono da Cambiamo ai Fratelli D’Italia, passando per Forza Italia, UdC, Popolari per la Liguria e la surreale scelta in solitudine (mai parola fu più azzeccata) di Francesco Versace. E, cosa avrebbe dovuto fare Angelo Schirru in una siffatta situazione di sfascio e di mix indistinto tra la Torre di Babele e un dialogo di Alessandro Bergonzoni? E la fortuna ha anche voluto che Schirru abbia la dote di “imparare presto la politica”, di aver vinto i due confronti con Marco  Russo…..sino alla scivolata (che ha fatto ridere tutta la Città e ben oltre) del Trenino azzurro con Savona Bloccata! Ideona! E pensare che Schirru aveva persino accennato a qualche passo di danza e con le sue mani da grande Chirurgo aveva provato  a dirigere una Orchestra stonata! Ussignur!Per dirla con il democristiano Gino Bartali “Gli italiani sono un popolo di sedentari. Chi fa carriera ottiene una poltrona. Tutto sbagliato, tutto da rifare!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: