Cultura e Musica

Il tradizionale ottavario dei defunti delle Confraternite

Per ottavario nella liturgia cattolica, si intende l’insieme di riti e preghiere, ripetuti per otto giorni consecutivi, per celebrare una solennità religiosa.Il termine deriva dal latino octava (sottinteso dies), con cui i Romani indicavano il giorno ottavo dopo una festa solenne. Dal IV secolo sino all’epoca carolingia si celebravano ottave soltanto della Pasqua, della Pentecoste, di Natale e della dedicazione della chiesa. Già Amalario menziona un’ottava dei Santi Pietro e Paolo celebrata da varie chiese. Da ricordare anche la commemorazione, dopo otto giorni, della festività di un dato santo. Dopo il concilio di Trento, nella riforma dei libri liturgici, si regolò anche la celebrazione delle ottave,Le meditazioni che ne conseguono aiutano non solo a pregare per i cari Defunti, ma anche a riflettere sulle verità cristiane intorno alla realtà della morte e della vita e destino dell’anima dopo la morte. Queste meditazioni ci sono offerte anche per “rispolverare” la fede, e avviare a nuove conversioni. Finché viviamo possiamo , infatti, sempre ricorrere alla Misericordia Divina, usufruire dei doni e dei beni che la Chiesa ci mette a disposizione per ottenere il perdono dei nostri peccati, per prepararci  all’Incontro con Gesù, al termine della nostra vita terrena, con le cose a posto e con l’abito battesimale pulito.Le meditazioni possono essere accompagnate dalla recita del rosario applicandone i benefici per i nostri cari defunti, o per le anime sante del purgatorio. O accompagnarle con una delle tante preghiere che si dicono per i defunti.Preghiere e suffragi per i defunti, anche quelli dimenticati. Tridui, fiori sulle tombe, fotografie dei propri cari nelle case. Sono le caratteristiche, arrivate a tempi recenti e per alcuni tratti anche ai giorni nostri, della pastorale della morte, che ha sempre rivestito importanza fondamentale nelle parrocchie e nella vita dei cristiani. Era ed è una pastorale capace di riunire le sfere religiosa, civica, sociale, e finalizzata a scuotere l’uomo dal torpore spirituale pensando al suo destino finale.L’iniziativa che un tempo calamitava i fedeli era il Triduo dei defunti o l’Ottavario dei morti. Per favorire la partecipazione, si tenevano nella stagione invernale, quando la gente era libera dal lavoro dei campi, e in date non coincidenti con le parrocchie vicine. Malgrado la povertà, per dotarsi di sontuosi apparati — per esempio Gandino — la popolazione non esitava a contribuire economicamente con offerte in denaro o in natura. La predicazione aveva come tema i Novissimi (morte, giudizio, Inferno, Paradiso), sviluppato con toni spesso lugubri e con un denominatore comune: la vita intera doveva essere una preparazione alla buona morte in attesa del terribile giudizio di Dio, visto più come giudice inflessibile che come Padre misericordioso. La tradizionale processione al cimitero voleva suffragare i defunti e ravvivare nei vivi la fede nella risurrezione. I vivi suffragavano i defunti. A loro volta, dall’aldilà, i defunti intercedevano per i bisogni spirituali e materiali dei vivi e con forza maggiore se in vita erano stati uomini timorati di Dio o santi sacerdoti. Al riguardo, anche se non diffusissima in Bergamasca, era consuetudine in alcune parrocchie, prima della sepoltura, collocare per alcuni giorni in chiesa su una sedia il corpo del parroco defunto, per esprimergli riconoscenza e per chiedergli di continuare a vegliare sulla comunità.
Il suffragio si esprimeva anche quotidianamente con preghiere, giaculatorie, Rosario, pensando anche ai defunti dimenticati, per i quali nessuno pregava. In occasione del Triduo, in alcune parrocchie si teneva la questua di generi commestibili o di denaro, poi trasformato in buoni acquisto per le famiglie povere. Il tema della morte veniva ripreso anche nell’iconografia cimiteriale laica. Sopra l’ingresso dei cimiteri si innalzava la statua dell’angelo che reggeva in una mano la bilancia (il bene e il male compiuti), mentre l’altra indicava severamente il Cielo, rammentando il terribile giudizio divino.Il suono particolare della campana della chiesa, un tempo da tutti decodificato, annunciava la morte di un cristiano, la cui dipartita era sentita coralmente dall’intera comunità. La devozione comune e la sensibilità popolare consideravano opere meritorie la visita frequente al cimitero, il decoro delle tombe e porre fiori su quelle dimenticate o trascurate. Diffusissima l’usanza di conservare nelle case le fotografie dei parenti defunti. In quella che è stata definita «religione domestica», erano considerati come protettori della famiglia. Ai giovani si narrava la vita dei parenti defunti, per sottolinearne la religiosità, l’onestà e la laboriosità.In tempi di guerre, un posto particolare spettava alle preghiere per i soldati morti e per quelli che continuavano a combattere. Bellissima la preghiera che si recitava nel santuario di Albano. Riprendendo il racconto dell’Apparizione (Maria con una luce indica la via del cammino a due viandanti smarriti nelle tenebre) si invocava la Madonna delle Rose di permettere ai propri congiunti di trovare la strada del ritorno verso casa.Pratica devozionale molto utile e buona è recitare per i moribondi e gli agonizzanti il rosario della Divina Misericordia. .Le confraternite di Savona centro, come da tradizione, hanno organizzato anche per il 2021 l’Ottavario per i defunti, otto giorni (feriali, esclusi sabato e domenica) nei quali si pregherà per tutti i defunti.Si inizierà mercoledì 20 ottobre fino a venerdì 22, quindi si riprenderà lunedì 25 fino a venerdì 29. L’Ottavario si svolgerà, come l’anno scorso, nella parrocchia di san Giovanni Battista (San Domenico), in via Mistrangelo; alle 18 recita del rosario, seguito alle 18.30 dalla Messa celebrata dal parroco don Piero Giacosa.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: