Attualità

Il saggio indica la luna, mentre gli stolti guardano il dito

Storie di sfide vinta da imprenditori savonesi nella città che declina e collassa

di BRUNO SPAGNOLETTI

 Un proverbio cinese dice: “Quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito”. Lo stolto, spesso, è un furbo travestito da sempliciotto. Ha il suo interesse nel disconoscere l’esistenza oggettiva della luna e dirotta l’attenzione di un’intera folla (direbbero altri da me, il Popolo bue) sulle sfaccettature di un’unghia o su pellicine pressoché invisibili. Il saggio persiste a indicare la luna: raccoglie prove, documenti, fotografie, ingrandimenti, analisi. “Eccola!” ribadisce mostrandola. Ma lo stolto è sempre pronto a ribattere “Sarà un riflesso di qualche lampione” o “Sarà che avevi il dito lucido”. Nulla può far vedere la luna a chi fa comodo continuare a non vederla, perché il saggio e lo stolto parlano due linguaggi diversi: uno è quello di chi vuole capire, l’altro è quello di chi vuole coprire. E che ci azzecca con Savona? Ci azzecca, ci azzecca e ci coglie appieno! Nella Savona che declina e collassa, i cosiddetti intellettuali organici e, soprattutto, la variante dei Politicanti (finito il ciclo degli Urbani, Nanni Russo, Zanelli, Ruffino, Magliotto, Scardaoni, Gervasio, Peluffo e Carlo Giacobbe) guarda alla superficie dei processi economici, sociologici, culturali e si limita a rimirare ciò che appare. Ma ciò che appare, spesso non è o meglio è l’effetto visibile di evoluzioni complesse, ambigue, articolate e, addirittura, complementari tra fasi di crisi e fasi di aggiustamento e di crescita giustapposte. E’ vero che da quattro lunghi lustri, Savona declina in peggio e sta bruciando tutta la ricchezza accumulata e tesaurizzata negli anni vivaci della crescita senza vincoli; ma è altrettanto vero che si sono consolidate le reti di piccole e medie aziende, anche hi tech, che sanno guardare al futuro del Villaggio globale. In quasi tutte le aree industriali dismesse, sia pur a pelle di leopardo e con diversi contenuti di innovazione, con le uniche maledette eccezioni dell ’Acna di Cengio e della 3M Ferrania (sono un pugno allo stomaco mio e di altri, che pur le hanno lasciate aperte rispettivamente con 1.220 lavoratori dentro e 2.200, ancora nel 1990) è cresciuta una rete di nuove imprese industriali e terziarie.. Che scandalo l’Acna! Una Fabbrica intubata come un paziente del Covid in terapia intensiva senza speranza; intubata e resa giardino inglese dall’erba sovrastante gli escrementi e lo sterco del Devil che resta sottoterra! E che colpo al cuore le aree immense vuote e desolate di Ferrania; squallore e devastazione che non si vedono neppure nelle piste del Sahara. Che vergogna! Un monumento di archeologia industriale vuoto, senza anima e senza speranza, manco fosse un cerchione dell’inferno di Dante: eccoli gli effetti dei politicanti savonesi e valbormidesi “tanto all’ora” nei Consigli di Amministrazione dei tanti, troppi e inutili Consorzi di Bonifica (ma de che?) e Enti per la reindustrializzazione che si sono succeduti dal duemila in poi. Si faccia, d’altro canto, un salto nelle aree dove insisteva la Montecatini di San Giuseppe con il suo carico di 400 lavoratori e i suoi impianti lasciati marcire senza manutenzione e innovazione, e si veda quel che c’è oggi! Spesso belle alternative industriali, commerciali e di terziario di servizio. Ma non voglio parlare dei Grandi “Sciur padrun da li beli braghi bianchi” e del disastro industriale veicolato a Savona, Vado e Valle Bormida; vorrei ragionare di Chi e Perché è riuscito a navigare dentro la crisi, investire, innovare l’offerta e rilanciarsi nel nuovo mercato, spesso in solitudine ed aiutato da nessuno. Ad esempio a Savona nelle aree Paip dietro il Campus, si consolida, innova e cresce una impresa come la Saie E&A che vanta un esperienza ventennale nel campo dell’impiantistica elettrica industriale, della progettazione edei sistemi computerizzati per la supervisione, il controllo, la regolazione, e più in generale nell’automazione dei processi industriali. Una Impresa che grazie a competenze cresciute all’interno come la sales manager Francesca Serviati e immesse dal mercato del lavoro specialistico, alla qualità dei prodotti, alle innovazioni di processo e di prodotto e alla intuizione strategica della trasformazione societaria in Società cooperativa aderente alla Lega delle Cooperative della Liguria,ha continuato a consolidare, anche dentro la crisi, la propria attività all’interno del mercato locale,nazionale e internazionale. Sempre nell’area Paip, in via Rio Galletto, sussiste e insiste la formidabile realtà innovativa della Officina di Roberto Ratto. E’ talmente diffusa la innovazione e prepotente la modernità degli impianti di riparazione e di messa a punto che sembra di vivere in Formula1. L’officina Ratto è specializzata nella mitica Lancia e nella Fiat, è dotata di un banco di prova motori, è dedicata alla preparazione della Lancia Fulvia e della 127 da competizione ed è diventata, nella crisi,  il punto di riferimento della ricca clientela italiana e europea. Di particolare valenza di fiuto e rischio imprenditoriale e di messa in gioco del proprio destinoprofessionale, è stata la sfida vinta della apertura dello store Temide, in piazza dei Vaccioli, da parte dell’agente immobiliare Alice Beltrame. Uno spazio innovativo di arte, design, i doll, outfit e riuso creativo. Competenza, capacità e rischio imprenditoriale, innovazione dell’offerta e amore smisurato per Savona, rappresentano il quadrilatero dell’anima libera di Alice Beltrame, donna a tutto tondo e imprenditrice di successo. Non è da favola, ma da bellissima realtà la creuza o la strada percorsa sa una giovane di Jasi (Romania) venuta in Italia per un viaggio turistico venti anni fa e rimasta in Italia perché ammaliata dalla sua bellezza, dal suo sentiment e dal suo cibo.Smesse le vesti della studentessa in vacanza, alzate le maniche e con una determinazione a me sconosciuta, lavora senza mai risparmiarsi come ragazza di sala, aiuto cuoca ad Alassio e poi a Cengio Alto, diventando cuoca e chef di classe e qualità superiore, mentre frequentava l’Università di Genova, dove ha conseguito la Laurea in Psicologia. Il suo nome composto ALSI, vuole dire Al Sazia Elena ed è oggi una splendida donna 38enne e una imprenditrice di sicuro successo che offre lavoro e qualità culinaria alla Città a prezzi competitivi. Li dove insisteva la mitica e storica Trattoria popolare de Le Due Sorelle (che poi erano tre) e lì dove hanno fallito almeno tre tentativi di rinvigorire il successo che fu, ha vinto la competenza, la professionalità, la determinazione e i sorriso empatico della Asli e la fidelizzazione della sua clientela di qualità. Oggi e da oltre un anno, il Ristorante La Piemontesina della Titolare e Chef Asli Nastase, si apprezza come la migliore cucina regionale piemont della Città e si afferma come un sicuro punto di attrazione gourmet per Savona e oltre. E’ davvero da favola realizzata, la avventura imprenditoriale di tre Donne in gambissima che un lustro fa si sono trovate improvvisamente sul lastrico, lavorando come dipendenti di un mobilificio. Da un giorno all’altro “licenziate senza pietà” (direbbe Ivan Della Mea in Mia Cara Moglie), sul lastrico e senza alcuna speranza dell’avvenire. E fu cosi che si misero insieme Manuela Molinari (arredatrice), l’Architetto Stella Baccino e la maga dell’amministrazione Stefania Lanzo; oggi titolari di una bellissima e affermata attività imprenditoriale e commerciale come lo  showroom con sede in via Nizza 198, denominato Arianuova. Aria Nuova, appunto, quasi a certificare la continua ricerca di novità, di innovazione e di progettualità nella costruzione di interni di qualità (compreso il mio Openspace nel Condominio de La Spagnolla, antico Casino per Vip sino al 1956). Materie prime e produzioni certificate, design ricercato, innovazione nei contenuti, tradizione nei valori, un corretto rapporto tra qualità e prezzo sono il “core” della sfida imprenditoriale vinta da Manuela, Stella e Stefania. E’ questa la Savona che vorrei finalmente decollasse! Per parte mia continua a piacermi guardare la Luna e non fermarmi ad ammirare il dito.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: