AttualitàLe interviste de L'EcoPolitica

Elezioni comunali Savona 2021, Elisa Di Padova si racconta

Il 18 ottobre 2021 la città di Savona ha eletto come nuovo sindaco l’avvocato Marco Russo; tra i candidati consiglieri comunali molti hanno ottenuto buoni risultati ma la più votata della coalizione è stata Elisa Di Padova con 575 voti.

 

Un Suo breve curriculum

Sono nata nel 1980 e ho due figli, Giulio e Claudia; mi sono laureata nel 2005 a Torino in scienze della comunicazione multimediale e di massa ma sono tornata a Savona perchè è la mia città e mi sono creata il mio futuro qui. Ho lavorato presso alcuni uffici stampa e giornali tra cui  l’ufficio stampa di Asl2 e del Savona Calcio dopodichè ho preso il tesserino da giornalista; nel 2011 ho fatto la mia prima esperienza politica e mi sono candidata consigliere al fianco di Federico Berruti con la successiva nomina di assessore alla cultura. Nel 2013 sono entrata nel Partito Democratico e nel 2016 mi sono nuovamente candidata risultando la più votata della coalizione ma abbiamo perso le elezioni anche a causa di crisi interne al partito ed abbiamo fatto un’opposizione costruttiva; nel 2021 ho deciso di mettermi in gioco al fianco di Marco Russo facendo un bel percorso al suo fianco attraverso il Laboratorio, nato nel 2018, e dialogando con tutte le realtà civiche tra cui le associazioni. Il PD ha avuto un ruolo collante ed io ero capolista della lista del Partito Democratico che è risultato essere la prima forza politica a Savona ed ho preso ben 575 voti; l’esperienza politica mi ha fatto crescere sia come persona che come politica ma gli anni più costruttivi sono stati quelli passati all’opposizione

 

Perchè ha deciso di candidarsi consigliere comunale?

Per me candidarmi è stata una naturale conseguenza di cosa fatto in questi anni; alcuni mi hanno chiesto di propormi come sindaco ma ho deciso di lavorare al fianco di Marco Russo ed in opposizione ho rappresentato la gente quindi ritengo la mia candidatura l’evoluzione del mio percorso politico. Quando ero assessore ho avuto il mio primo figlio Giulio e mentre ero consigliera di minoranza sono diventata mamma di Claudia; la politica toglie tempo ai miei figli ma mio marito mi aiuta e con il mio lavoro lascio qualcosa di buono ai miei figli. Fare politica significa occuparsi della cosa pubblica e del bene di tutti; conciliare lavoro e famiglia è difficile e per questo voglio dire che occorre potenziare i servizi dell’infanzia in favore delle madri che lavorano

 

Cosa significa per Lei essere la seconda in assoluto come preferenze (il primo è Pietro Santi con quasi 1300 voti) e potenziale vicesindaco?

Sono molto soddisfatta; come nel 2016 Pietro Santi ha fatto il primo come preferenze ed io la seconda. Credo che sia stato riconosciuto il lavoro fatto e la rappresentanza di un progetto politico nuovo ci ha aiutati; sono orgogliosa ed entusiasta ma ho anche un senso di responsabilità

 

Savona ha cambiato colore politico, perchè pensa sia avvenuto ciò?

Savona ha una tradizione di centrosinistra forte ed i processi politici locali e nazionali hanno portato a questo mentre nel 2016 vi era una sorta di esaurimento della sinistra; sono convinta che abbiamo vinto poichè il centrodestra non ha saputo cogliere l’opportunità e non ha dialogato con le persone. La gestione del governo locale non è stata buona e la ribellione verso i populismi della destra ha fatto sì che le persone abbiano capito il nostro progetto ed una nuova proposta; abbiamo vinto al secondo turno con circa 2000 voti in più rispetto al primo visto che al primo turno avevamo circa 11700 voti mentre in seguito circa 13000

 

Il prossimo anno vanno alle urne Genova e La Spezia. Pensa che il risultato savonese potrà avere conseguenze anche su quelle due realtà?

Sì ma occorre capire quale modello si può costruire per Genova e La Spezia; al centro deve esserci un progetto con i partiti e le realtà civiche possono aggregarsi. Vi è la necessità di creare un modello con un progetto al centro che aggrega i partiti e le diverse realtà civiche

 

Una frase che la rappresenta

La Smisurata Preghiera di De Andrè, una preghiera per l’appunto che ci ricorda che sia indispensabile lavorare per diminuire le diseguaglianze : Per chi viaggia in direzione ostinata e contraria col suo marchio speciale di speciale disperazione e tra il vomito dei respinti muove gli ultimi passi per consegnare alla morte una goccia di splendore di umanità, di verità (…) Ricorda Signore questi servi disobbedienti alle leggi del branco non dimenticare il loro volto che dopo tanto sbandare è appena giusto che la fortuna li aiuti. Questo è il nostro tempo. Il tempo di apportare una nuova energia e nuove idee alle sfide che abbiamo di fronte

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: