Cronaca

Savona: la cerimonia in memoria dei martiri del 1 novembre 1944

In ricordo della fucilazione da parte dei nazifascisti dei sei martiri Savonesi Giuseppe Baldassarre, Pietro Cassani, Luigia Comotto, Paola Garelli, Franca Lanzone, Stefano Peluffo nel fossato meridionale del Priamar

Lunedì 1° novembre si svolgerà la cerimonia in ricordo dell’eccidio dei sei savonesi uccisi il giorno dei Santi del novembre 1944 (Giuseppe Baldassarre di 26 anni  “Fedo”, Pietro Cassani, carabiniere di 39 anni, Luigia Comotto di 68 anni, Paola Garelli sappista “Mirka” di 28 anni, Franca Lanzone “Tamara” di 25 anni, Stefano Peluffo, capo del fronte della Gioventù di 18 anni, “Mario” e “Penna” decorato con la Medaglia d’Argento al Valor Militare), come rappresaglia voluta dai fascisti a seguito dell’azione partigiana del 30 ottobre 1944 in cui venne giustiziato Giorgio Massabò, membro del Tribunale Speciale Fascista.

“Naturalmente la rappresaglia andò a colpire patrioti arrestati in precedenza, da pochi giorni, ma quelle porche ore, in quei pochi giorni vi era stato il trattamento usuale da parte dei fascisti, minacce, botte, torture fisiche e il coinvolgimento dei famigliari, per costringere i patrioti a parlare a dare informazioni o nomi di altri partigiani; nessuno parlò tutti eroi fino alla fine” si legge nella nota inviata da ANED, ANPI e ISREC di Savona.

“Il 1 novembre 1944 le Brigate Nere e i San Marco organizzarono la rappresaglia nel bastione meridionale della Fortezza del Priamar, alla stessa maniera del “Natale di Sangue del 1943″ dove trucidarono sette patrioti al Forte della Madonna degli Angeli e del 5 aprile 1944 in Valloria (nel piazzale interno dell’attuale ospedale San Paolo), dove la rappresaglia dei nazifascisti colpì 13 patrioti”. 

“La Città di Savona non ha mai dimenticato il sangue versato dai combattenti partigiani, morti nei campi nazisti deportati il 1 marzo 1944, quando i lavoratori delle fabbriche sfidarono con lo sciopero l’occupante nazifascista, ecco perché l’ANPI Provinciale di Savona, l’ISREC “Umberto Scardaoni” e l’ANED di Savona e Imperia hanno voluto organizzare questa importante Cerimonia , con il seguente programma: ore 9 deposizione di una corona di alloro alla lapide posta nel giardino dell’Asilo Regina Margherita; ore 9,30 deposizione di una corona di alloro al monumento posto nel luogo della fucilazione all’interno dell’Area Portuale di Savona; ore 10,20 presso la Sala del Circolo Stella Maris di Savona, si svolgeranno i saluti Istituzionali e a seguire l’Orazione Ufficiale del Presidente dell’ISREC di Savona “Umberto Scardaoni” professoressa Teresa Ferrando, saranno lette da Jacopo Marchisio alcune lettere dei condannati a morte della Resistenza”. 

“Perché oggi a distanza di più di 70 anni è necessario non dimenticare? Perché dobbiamo portare avanti la Memoria per le giovani generazioni, al fianco delle Istituzioni libere e democratiche nate con la Costituzione antifascista frutto della vittoria della Resistenza che ha sconfitto il fascismo, e sopratutto per ricordare, a chi ancora oggi vorrebbe fare passare l’idea che il fascismo sia stata una dittatura “all’acqua di rosa”, che il regime Mussoliniano è stato il male maggiore per il nostro Paese, che il fascismo è stato quello che ha rinchiuso nelle carceri gli oppositori politici, distrutto i sindacati assaltato le camere del lavoro, cancellato la libertà di stampa e la democrazia nel nostro Paese e in Europa alleandosi con la Germania hitleriana”.

“In questo modo vogliamo ribadire che senza il pilastro cardine dell’antifascismo la Memoria rischia di essere cancellata, ed è necessario, come chiesto lo scorso 2 giugno dal Forum delle Associazioni Antifasciste e della Resistenza, che il Parlamento approvi definitivamente lo scioglimento di  tutte le organizzazioni neofasciste, le stesse che lo scorso 9 ottobre hanno assaltato la sede nazionale della Cgil”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: