Cultura e Musica

Gli Angeli Trombonisti

Lo spunto nasce dall’esibizione avvenuta all’interno del primo concerto dell’Ass. Pro Musica Antiqua dal titolo “Splendori di Musica Antica da Dante all’Epoca Barocca” svoltosi venerdì 29 ottobre 2021 dalle ore 17 presso la Chiesa di Sant’Andrea, Piazza dei Consoli – Savona in cui a dare fiato al trombone era Orsolina Gnam. Considerato che siamo in un tempo in cui ci raccomandano di stare in casa e dove Musei, Teatri, eccetera sono chiusi per colpa di un virus infestante, ho pensato bene di ritornare sulle rappresentazioni musicali e artistiche e le loro tematiche. Così come va di moda trattare il significato delle tavole imbandite nella pittura, questa volta vi voglio parlare degli Angeli musicanti. Dobbiamo risalire a codici miniati italiani e francesi del XIV secolo per trovare rappresentazioni di Angeli che suonano. L’idea di fondo è quella che gli Angeli, con la loro armonia divengono mediatori dell’armonia divina con quella del creato. La musica angelica è decisamente strumentale, e così viene rappresentata nelle innumerevoli varianti iconografiche. Non va dimenticata l’importanza, dal punto di vista simbolico, dello strumento usato, ad esempio la tromba simboleggia la potenza di Dio, mentre gli strumenti a corde rappresentano la Divinità che si manifesta. Quelli a percussione sogliono rappresentare la musica profana. Moltissimi sono gli artisti che si sono cimentati in questo tipo di raffigurazione pittorica, mi limito a citarne solo alcuni presentandone l’opera.Un dipinto interessante è quello del Caravaggio dal titolo ” Riposo durante la fuga in Egitto” che si trova nella Galleria Doria Pamphili a Roma. L’Angelo appare di spalle in una figura femminile parzialmente avvolta in un bianco volant – il colore bianco carico del suo simbolismo – che suona il Violino seguendo il testo musicale che San Giuseppe gli tiene aperto. L’Angelo vuole altresì rappresentare non solo l’apparizione a Giuseppe per raccomandargli la fuga in Egitto, ma anche l’azione salvifica rappresentata dalla musica. Recenti studi hanno portato alla lettura del testo musicale retto da San Giuseppe: si tratterebbe di un mottetto di composizione franco-fiamminga che musicava alcuni versetti del libro biblico del Cantico dei Cantici. In parte vi è la figura di Maria che tiene tra le braccia il bimbo Gesù addormentato. La sua testa reclinata presenta una capigliatura copiosa ma ben raccolta di colore rossiccio, la tinta non è casuale, ma frutto della lettura del Cantico dei Cantici in cui la sposa è descritta come fanciulla dai capelli rossi. Un bellissimo e ricco dipinto è quello che si può vedere nel Santuario della Beata Vergine dei Miracoli in Saronno nel particolare della cupola, dipinto da Gaudenzio Ferrari e titolato: Angeli musicanti. Qui gli strumenti suonati dagli Angeli sono molteplici. Possiamo notare due Angeli che suonano la cetra, strumento citato insieme all’Arpa nel Salmo 150. Altri due, di cui uno volge lo sguardo verso i coristi, suonano il Flauto. Nella simbologia questo strumento caratterizzava l’espressione femminile interiore e veniva usato in diverse cerimonie, come lo sposalizio, nei sacrifici e nelle cerimonie funebri. Un Angelo accanto ai due suddetti suona un cembalo, anche questo in riferimento al Salmo 150 che dice: ” Lodatelo con cembali squillanti, lodatelo con cembali sonori”. In primo piano vi sono raffigurati tra Angeli che suonano, rispettivamente: suonatore di Liuto, che pare stia danzando; Angelo con la Lira da braccio che suona lo strumento pizzicandolo; un altro sta suonando la Viola in un gesto armonico molto delicato, mentre il suo vicino è alla prese con un piccolo Organo alimentato da un mantice. Sappiamo che poi l’Organo è divenuto lo strumento ufficiale nella musica sacra. Un ultimo dipinto bellissimo è quello del pittore Hans Memling dal titolo “Cristo Salvator Mundi tra Angeli musicanti e Angeli cantori”. Tra gli strumenti rappresentati e suonati dagli Angeli vi sono: il Salterio, strumento molto antico impiegato dal re Davide; l’Organo portatile; la Cetra, anche questo impiegato dal re Davide; la Tromba e il Trombone, che richiamano l’accompagnamento dell’Arca dell’Alleanza; la Tromba marina, di forma trapezoidale e suonata con un piccolo archetto ricurvo, era anche detta ” Tromba degli Angeli”. Vi sono poi un gruppo di Angeli, opportunamente diviso, che rappresentano le voci degli Angeli cantori, suddivisi in ” bassi, tenori leggeri e tenori”.Non da altro che dall’accrescitivo della parola tromba viene la denominazione del trombone, e come italiano è il nome, italiana probabilmente fu l’origine dello strumento.Il quale è di registro grave, a tubo cilindrico, ed è caratterizzato dalla speciale meccanica, per la quale i suoni sono variati dal maneggio dei tubi mobili (trombone a tiro). Inizialmente però era ignoto tale procedimento e – come la tromba primitiva – il trombone rendeva solo i suoni naturali possibili per la tonalità in cui era tagliato.Fino dal sec. XIV, e anche prima, il trombone per essere più maneggevole aveva preso anch’esso una forma ricurva, ed era conosciuto in Inghilterra col nome di sackbut. Ma più tardi il termine italiano “trombone”, si generalizzò in tutti i paesi.Figurazioni di questo strumento si trovano in molte nostre pitture del Quattrocento. Sappiamo anche che alla corte di Enrico VIII d’Inghilterra erano rinomatissimi dieci sonatori di sackbut. Nelle liste dei componenti le principali cappelle italiane e nelle bande in uso nei comuni italiani figurano spesso sonatori di trombone. È noto infine che nelle musiche concertate di Giovanni Gabrieli, come anche nell’Orfeo del Monteverdi e nelle sonate da chiesa entravano i tromboni. Essi formavano una famiglia di quattro e cinque membri che erano chiamati anche trombe armoniche. A cominciare da C. W. v. Gluck sino ai sinfonisti del primo Ottocento, come anche nei più grandi operisti di questo periodo, i tromboni si introdussero nelle orchestre definitivamente e stabilmente. Anche nei tromboni fu applicato il sistema a pistoni. Tuttavia – specialmente nelle orchestre – i tromboni a tiro sembrano meglio amalgamare con gli altri strumenti la loro sonorità piena e pastosa e il loro timbro peculiare.Le prime notizie del trombone risalgono alla seconda metà del XV secolo, quando venne raffigurato nel dipinto del pittore pratese Filippino Lippi L’assunzione della Vergine (affreschi in Santa Maria sopra Minerva a Roma) ed anche in un’opera del Perugino conservata all’Escorial vicino a Madrid. Lo strumento aveva già l’aspetto del trombone moderno, ma la conicità dei canneggi era meno accentuata, e la campana era molto piccola rispetto allo strumento moderno, con una svasatura quasi assente. L’intonazione di base del trombone era il La, ed i principali artigiani costruttori dello strumento si trovavano nelle Fiandre e a Norimberga. All’inizio del XVII secolo Michael Praetorius illustrò ed elencò, nel suo Syntagma musicum, quattro versioni del trombone: Alt Posaune (simile al moderno trombone contralto), Gemeine Posaune (il moderno trombone tenore), Quart e Quint-Posaunen(intonati una quarta e una quinta sotto il tenore, simili al moderno trombone contrabbasso in Fa), e Octav Posaune (simile al moderno trombone contrabbasso in Si♭, intonato una ottava sotto il tenore).ln natura il trombone d’angelo è una bella pianta tropicale della famiglia delle solanaceae (belladonna), con fiori grandi, bianchi e profumati, a forma di tromba. E’ perfetta come pianta da vaso da tenere in balcone o in terrazza.Dal punto di vista etnobotanico, la Brugmansia suaveolens ha rivestito storicamente una grande importanza in Amazzonia, dove veniva usata per preparazioni rituali, ad esempio per la pozione di Tonga, che si dice avesse effetti sciamanici. Questa è la varietà selvatica ed i semi sono ad impollinazione aperta, contrariamente a quelli della maggior parte delle piante di trombone d’angelo coltivate a scopo ornamentale. Per queste ultime, infatti, vengono di solito utilizzati semi ibridi, che non si prestano ad ulteriori incroci e riproduzioni ed hanno bisogno di essere impollinati manualmente. La pianta è molto velenosa e non dovrebbe essere piantata in giardini in cui giocano bambini piccoli!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: