AttualitàLe interviste de L'EcoPolitica

Elezioni comunali 2021, il sindaco di Varazze Luigi Pierfederici si racconta

Il 3 e 4 ottobre 2021 centinaia di comuni italiani sono andati alle urne per il rinnovo del consiglio comunale; tra questi nella provincia di Savona troviamo Varazze che ha visto l’elezione del sindaco facente funzioni Luigi Pierfederici dopo che il primo cittadino Alessandro Bozzano, eletto nel 2019, è diventato nel 2020 consigliere regionale.

 

Un Suo breve curriculum

Ho 37 anni, sono sposato e ho una figlia. Ho frequentato le scuole qui ed ora svolgo la libera professione di ingegnere a Varazze; ho iniziato il percorso politico a 19 anni come consigliere comunale di maggioranza con il sindaco Ghigliazza mentre successivamente sono entrato in minoranza insieme ad Alessandro Bozzano. Dal 2014 al 2019 ho ricoperto l’incarico di assessore ai lavori pubblici, sport e verde pubblico e dal 2019 al 2021 sono stato vicesindaco di cui un anno facente funzioni dopo l’elezione del sindaco Bozzano come consigliere regionale ed ora sono stato eletto sindaco; in totale sono 18 anni che ricopro incarichi amministrativi

 

Perchè ha deciso di candidarsi sindaco?

Lo ritengo una sorta di evoluzione di un percorso iniziato molti anni fa ed il gruppo mi appoggia con una sorta di passaggio di consegne; la voglia di fare bene e di mettersi in gioco per la città è tanta e voglio continuare un progetto politico che dura da sette anni

 

Cosa significa per Lei essere sindaco?

E’una bella responsabilità; come primo cittadino ho tanti doveri verso la città e la rappresento ovunque. Il mio è un ruolo prestigioso e mi sento in dovere di fare il massimo per la cittadinanza e lo faccio con piacere nel luogo in cui sono cresciuto; ho con Varazze un legame forte e voglio migliorarla. Alcuni miei parenti, negli anni passati, sono stati consiglieri comunali ed ho, in un certo senso, ereditato questo discorso sentimentale; la squadra potrà segnare una svolta se le cose vanno come vogliamo poichè abbiamo opere per diversi milioni, alcuni progetti ereditati dalla precedente amministrazione ed altri su cui stiamo lavorando. La nostra lista civica ha vinto tre volte di fila con risultati importanti e ripaghiamo la fiducia delle persone con il nostro impegno; se portiamo a casa i risultati tutta la città ne avrà beneficio. Siamo pronti a ricevere i fondi del PNRR ma bisogna spendere bene le risorse non perdendo questa opportunità; occorre lavorare su questo piano e sulle possibilità che ha. Abbiamo vinto con circa il 65% e la fiducia va ripagata ma il peso sulle nostre spalle è maggiore

 

Varazze ha deciso per la continuità mentre altre realtà come Savona hanno cambiato colore. Perchè pensa sia avvenuto ciò?

Qui ha prevalso la continuità perchè i sette anni di Alessandro Bozzano sindaco hanno dimostrato che se c’è la volontà le cose si possono fare; siamo stati vicini alle persone durante le alluvioni e la pandemia e la collettività ha visto come lavoriamo e la nostra presenza costante. Abbiamo risposto a tutti con serietà e siamo attaccati al nostro ruolo ma senza scopi personali; alcune volte siamo stati costretti ad assumere decisioni impopolari come l’istituzione della tassa di soggiorno ma i soldi che abbiamo chiesto sono stati spesi bene. Le città che hanno cambiato colore come Savona hanno fatto emergere le dinamiche dei partiti rispecchiando gli andamenti delle grandi città ma nella nostra realtà ha prevalso il rapporto tra le persone

 

Il vero protagonista di queste elezioni è stato l’astensionismo. Perchè pensa ci sia questa disaffezione verso la politica e la cosa pubblica?

Queste elezioni sono state condizionate dall’emegenza sanitaria e le persone sono uscite da una situazione difficile; la collettività è stanca del Covid e ha manifestato un generale malcontento. La situazione di trend al ribasso è dovuta anche al fatto che le persone anziane, che solitamente vanno a votare, sono rimaste a casa e sono pochi i giovani che si recano alle urne; occorre lavorare sui ragazzi per coinvolgerli nella cosa pubblica e nell’amministrazione

 

Un Suo giudizio sul Governo Draghi

Il Governo Draghi è un governo tecnico, cerca di andare al sodo ed i partiti fanno la loro parte; le sensibilità sono troppe ma un governo di questo tipo serve per portarci fuori dalla crisi economica legata alla pandemia. Draghi sa affrontare e gestire la situazione poichè ha l’esperienza giusta per portarci fuori dalla crisi; sono molte le forze che lo appoggiano e le difficoltà sono notevoli ma un governo tecnico è quello che ci vuole

 

Un frase che la rappresenta

Capacità d’ascolto

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: