Cultura e Musica

Non è mai troppo tardi

Cinque anni or sono avveniva la nuova pubblicazione di Bloc Notes n.4 un’idea che rientrava nel programma dell’Amministrazione civica di Savona di valorizzazione dei beni culturali della Città coinvolgendo i cittadini e le associazioni attive sul territorio come nel caso della encomiabile Associazione “Aiolfi” di Savona che già nel 2005 si era occupata degli affreschi di Eso Peluzzi, siti nellaSala Consiliare del Municipio savonese. Silvia Bottaro aveva condotto la ricerca sulle opere murali collocate nella Sala della Giunta ed in quella dei Matrimoni dove Raffaele Collina (Faenza, 1899- Campo Ligure, 1968), stipulando il contratto col Comune di Savona in data 6 settembre 1935, prendeva l’impegno a creare sei affreschi, tre per Sala e precisamente sul fregio di tre pareti, opere che interpretano “toni e atmosfera del paesaggio savonese con linguaggio pittorico fresco, chiaro e vibrante” come scrisse Luigi Pennone. Nella Sala oggi deputata alla celebrazione dei matrimoni civili, Collina aveva ripreso scene relative a Savona antica, ripensando anche a stampe remote, pitture, documentazioni d’archivio, memorie: il porto di Savona alla fine del secolo XV, la rocca del Priamar con la prima cattedrale dell’Assunta ed i vari Oratori, le mura antiche, il fronte mare sulla calata con le molte torri svettanti e la cinta muraria medievale, ovvero il cuore antico di Savona.Nella Sala della Giunta Municipale Collina, probabilmente, ha raggiunto uno dei momenti migliori
quale frescante. Ha ripreso Savona moderna con i suoi palazzi, le strade a mare verso Albissola Marina, le ciminiere fumanti delle realtà industriali siderurgiche di fine Ottocento-inizio Novecento, collocate sulle
banchine portuali, sotto la maestosa fortezza, sita sulla rocca del Priamàr. Qui la sua tavolozza era più serena, illuminata da un sentimento di poesia, quale suo omaggio alla Città di Leon
Pancaldo. Le “visite guidate” programmate e tutte svolte dalla Dr.a Silvia Bottaro mostrarono il progetto decorativo inteso dal Municipio di Savona, realizzato tra il 1936-1938, accompagnato anche dalla presenza
delle sculture di Nanni Servettaz (Savona,1892-ivi,1973) e di Renata Cuneo (Savona, 1903- ivi, 1996), oltre che dalla grande pagina degli affreschi storici creati da Eso Peluzzi (Cairo Montenotte, 1894 – Monchiero, 1985) e Mario Gambetta (Roma,1886- Albisola,1968) nella Sala Consiliare. Le fotografie scattate da Ilenio Celoria,
Francesca Parodi e Matteo Zavattoni per la prima volta dettero delle immagini nitide di questo lavoro murale, particolare per la sua sistemazione molto in alto, più di tre metri da terra, in un ambiente relativamente raccolto che implicava un punto di vista dal basso, con un angolo notevole, che ha richiesto un attento studio della prospettiva svolto da Collina per ottenere un aspetto naturale di ciò che doveva rappresentare. Il Prof. Giancarlo Pinto (direttore artistico del Polo della Fotografia), inoltre, ci ricordò l’importanza della ripresa fotografica al fine della migliore valorizzazione del patrimonio artistico, in questo caso conservato nei Saloni d’onore del Comune di Savona. L’avvenuto restauro del Globo terracqueo di D. Antonj (collocato nella Sala
Giunta del Municipio savonese), svolto dal punto di vista finanziario dall’Associazione “Aiolfi”, chiuse la pubblicazione con un breve saggio della Dr.a Rosaria Avagliano e note storiche di S. Bottaro.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: