AttualitàCronacaSport

L’ULTIMO SALUTO AD ANGELO SANTIN❤️

C’erano tutti. La chiesa gremita, così come la grande piazza S. Giuseppe. Eravamo tutti lì per il nostro ultimo saluto. La famiglia, gli amici, i rappresentanti dell’arma dei carabinieri, le, squadre, con i colori delle loro divise (ed erano parecchie) le istituzioni comunali, i vigili, gli alpini, la protezione civile… insomma tutti! Un paese, anzi, una valle. Che è diventata di lacrime, da subito e durante la solenne cerimonia dove, a turno, hanno preso voce nel portare il tuo ricordo il sindaco, i rappresentanti della federazione calcio, il maresciallo, la lettera dei bambini… Ma è quando è salita Marzia, tua figlia, con il suo Lorenzo dietro, come a scortarla, a fargli da scudo e protezione, che ci si è spaccato a tutti il cuore. Con la voce rotta mista a quel piglio deciso che deve senz’altro aver preso da te, ha materializzato la tua figura, attraverso i suoi ricordi personali. Impossibile non piangere con il groppo in gola, in quel silenzio, dove tutti abbiamo bevuto il suo ricordo di te che come ha detto lei “hai pensato e organizzato tutto fino alla fine”. Tii abbiamo immaginato, nella persona unica che eri. Quello che hai fatto e costruito per questa comunità sarà memoria futura che i tanti giovani, che stamane non sono andati a scuola o al lavoro per onorarti, potranno raccontare.
Ognuno di noi avrà avuto un ricordo o più a tuo riguardo, caro Angelo. Sei stato l’esempio, in questa vita terrena, che tanto incarna il mio pensiero e cioè che bisogna lasciare un segno, darsi al prossimo, infondere forza e tenacia alle nuove generazioni, insieme a rispetto e volontà.
E che a volte anche lo sport può salvare la vita di tanti ragazzi.
Ti salutiamo tutti, come Marzia ha concluso la sua steuggente lettera d’amore di una figlia verso un padre:
“Ciao guerriero”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: