Attualità

Ottimismo dei Collezionisti: il mercato dell’arte vola online

Già da qualche tempo le case d’asta più famose, i collezionisti internazionali e gli addetti ai lavori del settore dell’arte sbarcarono online – delineando fin dagli albori – il successo di questa mossa. La fiducia dei collezionisti e l’evoluzione digitale di un mercato dell’arte 3.0, molto differente e slegato al suo passato (più dinamico ed in linea con i nuovi profili “glocal” emersi dei compratori del nuovo millennio) vede proprio in Italia uno tra i principali pionieri delle piattaforme d’arte online e di questo nuovo modo di intendere l’intera filiera del settore dell’arte: Kooness. La società meneghina con sede a Milano – tra i massimi marketplace del mondo dell’arte – sottolinea recentemente in questo suo articolo il netto ottimismo ed il fermento dei collezionisti emerso a seguito della fiera internazionale Art Basel 2021, recente evento che segna indelebilmente la riapertura del mercato dell’arte nel mondo ‘post-coronavirus’. Ciò a conferma che forse, il meglio della digitalizzazione dell’arte deve ancora far vedere il meglio di sé. 

Collezionismo: comprare online è una passione

Negli ultimi anni, passione e curiosità del virtuale sono aumentate. Gli acquisti online salgono in doppia cifra ogni anno e le relative pratiche in rete diventano sempre più comuni. Ovviamente, il new normal porta con sé anche la crescita del volume d’affari delle aste online. Non solo nomi altisonanti come Christie’s e Sotheby’s ma anche tantissimi professionisti italiani sono sbarcati sul web e riescono ad avere un ottimo successo per quanto riguarda la capacità di vendere e proporre opere, manufatti e pezzi d’arte. Da qualche anno si sta confermando altresì un fenomeno nuovo: i nuovi appassionati di bellezza ed estetica non sono più europei ed americani, ma arrivano da Cina e Medio Oriente. Pechino è diventata capitale delle aste in pochissimo tempo, inclinando di conseguenza domanda ed offerta del mercato dell’arte. Non solo paesi nuovi ma anche target differente: si scoprono appassionati d’arte e di pezzi rari da collezione giovani e giovanissimi. I Millennials amano gioielli, orologi, pezzi unici, oggetti di design come mai prima ed ovviamente visionano ed acquistano rigorosamente online.

Investimenti in arte e collezionismo: su cosa puntare

Comprare online a scopo investimento è diventata un’altra nuova tendenza che arricchisce il panorama già complesso e variegato sul profilo della domanda d’arte. Dalla scoperta e la fruizione di mostre o collezioni live si passa a quelle digitali dove diventa più facile fare acquisti ottimizzando persino i costi. La tendenza del digitale è cresciuta e stupisce tutti: per questo motivo chi vuole investire online può, a nostro avviso, scegliere dove. Secondo una recentissima indagine portata avanti da Catawiki, i trend primari del 2022 parlano già chiaro: acquisti di arte, moda, design, gioielli, orologi, automobili. Gli appassionati puntano su tutto ciò che è datato dal ’90 in giù, osservano con curiosità l’artigianato, ma non mancano i grandi classici.

  • Design: top del top è l’ arredamento anni 20. Con una ricerca del bello e delle linee uniche. Acquistano valore immenso Bahuaus e Le Corbusier.
  • Moda:  è tendenza borse iconiche, si cercano tantissimo le  Borse iconiche come una Birkin, una Kelly o una Costance di Hermes, o una Flap di Chanel che, secondo gli esperti, potrebbero a breve valere più dell’oro.
  • Stampe: è tempo di Missoni.

E’ sempre bene ricordare che il concetto di arte è molto astratto ma, quando si tratta di fare investimenti ottimali allora è bene scegliere possibilmente tra firme note, in questo modo si potrà avere solo ed esclusivamente una crescita di valore. Tutto ciò che è bello è arte: un mercato importante e potenziale per la nostra amata Italia. Infatti, sebbene siamo capaci di generare – grazie al bello – un volume d’affari interno di circa 2 miliardi di euro (con un impatto molto positivo su tutto il nostro sistema economico), questo settore deve ancora esprimersi del tutto. l’Italia rappresenta infatti solo il 2% del mercato rispetto alle vendite a valore delle opere d’arte del resto d’Europa. La crescita del valore è dovuta sicuramente all’aumento dei capitali investiti nell’arte, ma non solo. Crescono anche i professionisti che si occupano delle mediazioni, gli addetti ai lavori e molto mercato si è completamente spostato nella sfera digitale. Un vero e proprio business tutto da scoprire e coltivare. Se sino ad ora il made in Italy che piace alla rete è quello attuale, si inizia a percepire chiaramente che nel mercato del collezionismo i prodotti italiani piacciono ed è il caso di investirci sopra.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: