AttualitàCuriosando qua e là

Milite Ignoto, trasmetterne, soprattutto alle nuove generazioni, la memoria di ciò che rappresenta e continuerà a rappresentare

Grande successo per la presentazione del libro “L’eroe senza Nome. Il Milite Ignoto simbolo del sacrificio”, edito dallo Stato Maggiore della Difesa e frutto di una edificante sinergia tra gli Uffici Storici delle Forze Armate; l’evento, che si è tenuto presso il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa Portici (NA), tra i cui cimeli della storia ferroviaria italiana è custodito anche il convoglio che nel 1921 trasferì il Milite Ignoto da Aquileia a Roma, ha visto la presenza del Sottosegretario alla Difesa Stefania Pucciarelli.

“Iniziative come quella che ha portato alla luce questa importante opera editoriale sono a mio avviso quanto mai vitali e preziose per fornire a tutti noi un ulteriore spunto di riflessione su una delle pagine più importanti della nostra storia”, dichiara il Sottosegretario alla Difesa Stefania Pucciarelli, “per ricordarci, attraverso le conoscenza e l’approfondimento delle vicende che la caratterizzano, quali sono le nostre solide radici valoriali e per trasmettere, soprattutto alle nuove generazioni, che spesso vedo con piacere rappresentate dai nostri giovani studenti, la memoria di ciò che il Milite Ignoto ha rappresentato e continuerà a rappresentare, in una visione prospettica, per gli italiani di ieri, dell’oggi e del domani”.

“Ho avuto l’onore”, prosegue Stefania Pucciarelli, “di partecipare a molte delle iniziative attraverso cui, dal 1° giugno scorso, si è sviluppato il programma celebrativo nazionale del Centenario del Milite Ignoto, culminato  nella naturale concomitanza con quelle annuali del Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate, e ho sempre trovato virtuose analogie, a prescindere dai molteplici contesti tematici in cui erano inserite. A quelle straordinarie e numerose iniziative, con cui si è voluto lasciare imperitura traccia del significato storico e valoriale sottesi alle celebrazioni del Centenario del Milite Ignoto, si aggiunge oggi un’opera editoriale di altissimo livello, un volume preziosamente iconografico, ricchissimo nei riferimenti a documenti d’epoca, che narra in maniera accattivante vicende che un secolo or sono videro l’Italia di allora, giovane nella propria esistenza e nel proprio spirito identitario, mobilitarsi all’unisono per onorare sacrifici, sofferenze ed eroismi non solo dei nostri militari del tempo ma dell’intera collettività nazionale”.

“Ed è proprio a chi decise di sacrificare la propria vita per consegnarci un Paese libero e democratico tutti noi rinnoviamo con sentita commozione il nostro imperituro debito di riconoscenza, facendo di ogni giorno un nuovo 4 novembre, un nuovo 17 marzo, un nuovo 25 aprile e un nuovo 2 giugno”, conclude il Sottosegretario alla Difesa.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: