Attualità

LA PRINCIPESSA SORAYA MALEK A SAVONA PER PARLARE DELLE DONNE AFGHANE ALL’EVENTO ORGANIZZATO DALLA FIDAPA BPW ITALY- SEZIONE DI SAVONA

La violenza sulle donne è purtroppo un tema ormai tragicamente all’ordine del giorno e grande importanza riveste “La giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne”, che si tiene il 25 novembre, offrendo l’occasione di riflettere e confrontarsi seriamente su questo problema, di sensibilizzare e focalizzare l’attenzione sui diritti a esse negati.

Se In Italia tale situazione negli ultimi tempi pare essersi ulteriormente aggravata, con un numero incredibile di femminicidi, non bisogna neppure dimenticare altre realtà a noi molto lontane geograficamente, ma dove la brutalità e gli stereotipi nei confronti delle donne informano in modo drammatico la visione sociale e politica. Così, negli ultimi tempi, si è tornati a parlare di quanto accade in un paese come l’Afghanistan, di nuovo in balia dei talebani, dopo il ritiro del contingenti statunitense e internazionale.

Appare dunque assai meritevole e significativo l’evento “Donne in Afghanistan: ieri, oggi…domani?”, organizzato dalla Fidapa BPW-Sezione di Savona per il 25 novembre alle ore 17,30, presso le Officine Solimano .

Fra le relatrici, tutte di notevole spessore, come la dottoressa Paola Monticelli, responsabile di Emergency per la Liguria, e la dottoressa Manuela Valenti, responsabile della divisione pediatrica sempre per Emergency, che condividerà la sua personale esperienza in terra afghana, ci sarà un’ospite d’ eccezione, S.A.R. Soraya Malek, principessa d’Afghanistan. Da noi la storia di quel paese martoriato è conosciuta soprattutto per gli eventi degli ultimi decenni, per le recenti drammatiche immagini di disperazione e morte diffuse da tutti i media, ma Soraya Malek è una figura preziosa per meglio comprenderla; è infatti la nipote degli ultimi sovrani, il re Amanullah, deposto nel 1929 da una rivoluzione, dopo avere intrapreso molte innovazioni e modernizzazioni, e la regina Soraya Tarzi, che nel 1927 si guadagnò la copertina di Time Magazine, in quanto considerata come una delle donne più influenti del ‘900. Durante il regno di questa coppia illuminata fu emessa la prima costituzione e le scuole elementari divennero obbligatorie e pagate dallo stato. Per quanto riguarda gli obblighi delle donne a indossare hijab, niqab o burkha, la sovrana, durante un discorso in cui il marito ne scoraggiava la pratica, giunse a togliersi il velo, rivolgendosi poi con un audace, coraggioso discorso ai capi religiosi e tribali. Fu sua l’idea di fondare un’organizzazione per difendere i diritti delle donne e offrire loro un luogo sicuro dove parlare dei maltrattamenti subiti. La fuga dalIa rivoluzione e il forzato esilio portò la coppia reale prima in India, quindi in Italia, e la loro nipote oggi vive a Roma. La principessa, pur essendo “molto legata all’Italia, il primo paese a riconoscere l’indipendenza dell’Afghanistan”, ha sempre ” sentito come un dovere servire il popolo afghano, ma soprattutto le donne, invitandole ad esempio a non tralasciare gli studi”. Negli anni, anche grazie a suoi viaggi in patria, le ha molto sostenute attraverso la filiera corta, puntando sul pregevole artigianato locale, su manufatti come ricami, gioielli, sete, con cui esportare nel mondo l’abilità e le tradizioni di quella terra, promuovendone così anche lo sviluppo economico. Si è poi spesso fatta carico di aiutarle in complesse situazioni familiari.

Portare il nome della regina Soraya, un’eroina per le donne del suo paese, deve avere ulteriormente rivestito di responsabilità questa donna forte, diretta e appassionata, che a Savona potrà raccontare la sua preziosa esperienza e fare meglio conoscere il coraggio, la forza, le difficili, spesso drammatiche storie delle donne afghane . Nella prospettiva di aiutarle e dare loro un futuro dignitoso e migliore in un paese che pare conoscere solo conflitti e distruzioni.

La manifestazione del 25 novembre alle Officine Solimano coincide con un importante anniversario per la sezione Savonese di Fidapa BPW Italy, il suo quarantesimo compleanno. L’associazione conta in Italia circa 10 000 socie e 300 sezioni, e aderisce alla Federazione della International Federation of Business and Professional Women. La Fidapa ha lo scopo di promuovere, coordinare e sostenere le iniziative delle donne che operano nel campo delle Arti, delle Professioni e degli Affari, autonomamente o in collaborazione con Enti, Associazioni e altri soggetti. E oggi fra le sue priorità, come dimostra il convegno organizzato alle Officine Solimano (prenotazione obbligatoria fidapasavonasegreteria@gmail.com o 3486927557), c’è senza dubbio la lotta contro ogni forma di violenza e stereotipo che colpisca la donna, in Italia e nel mondo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: