Attualità

La scure della Rai sui Tg regionali

I conti non tornano e sono spaventosamente in rosso. I nuovi vertici della RAI, nominati dal Governo Draghi, si trovano a far fronte ad una situazione drammatica,  del resto prevedibile. I grandi tagli arriveranno, come annunciato  ieri, con la presentazione dei palinsesti estivi e soprattutto  nella stagione 2022-2023, ma già da ora bisogna intervenire. Le prime disposizioni riguardano Rai2  che ormai ha uno share da televisione locale e i Tg regionali. E qui, per coloro che seguono con affetto le edizioni del Tg Liguria, ci sono pessime notizie visto che a breve sarà  eliminata l’edizione delle 0,10, quella inserita all’interno del sempre meno seguito Linea Notte. Eliminando questa edizione, e riducendo quella delle 14 ed eliminando inoltre  alcune rubriche, si potranno risparmiare quattrini, ricordando che sono ben 20 le edizioni regionali.  A farne le spese saranno soprattutto i collaboratori, quelli pagati a notizia.  Forse però bisognerebbe eliminare, a mio avviso, altri sprechi: qualche esempio? Ad ogni viaggio di una carica istituzionale sono al seguito 8 inviati ( tg1, tg2, tg3, gr1, gr2, gr3 e rainews) per non parlare degli inviati ai grandi eventi sportivi e qui, come ricordano gli appassionati basterebbe ricordare i Giochi di Tokyo, a volte interrotti in momenti clou, che lasciavano la linea al Tg2 che apriva a sua volta con le Olimpiadi, ma con altri inviati.

Ma un altro spettro non fa dormire i vertici RAI, quello di una possibile, se non ormai quasi certa, eliminazione della Nazionale  di calcio ai Mondiali. Senza gli azzurri la Rai che ha acquistato i diritti per poi rivenderli ad una televisione a pagamento quanti soldi ci rimetterebbe a bilancio?  Questo discorso vale per essere onesti anche per altre grandi tv pubbliche europee ed è  per questo che la FIFA dovrebbe tutelare le squadre blasonate, invece di allargare gli spazi a chi non assicura entrate.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: