Comunicazioni

Giornata contro la violenza sulle donne, inaugurata a Loano una nuova Panchina Rossa

Si è tenuta questa mattina, in occasione della “Giornata internazionale contro la violenza sulle
donne”, l’inaugurazione della nuova Panchina Rossa contro la violenza collocata nei pressi della Fontana
Giovanna, accanto al municipio di Palazzo Doria a Loano.
Erano presenti il sindaco di Loano Luca Lettieri, il vice sindaco Gianluigi Bocchio, gli assessori Manuela
Zunino ed Enrica Rocca, il consigliere comunale Monica Caccia, il consigliere regionale Angelo Vaccarezza,
i rappresentanti dello Sportello Antiviolenza Artemisia Gentileschi, le docenti e gli studenti dell’istituto
Falcone di Loano e dipendenti del Conad.
La nuova panchina è stata donata dal Conad in ricordo di Jessica Novaro, 30enne dipendente della catena
di supermercati che lo scorso mese di dicembre è stata uccisa dal compagno della madre. Durante la
cerimonia di inaugurazione, i colleghi hanno dato lettura di una lettera indirizzata alla loro amica
scomparsa.
Per tutta la giornata il palazzo del municipio sarà a sua volta “illuminato” di rosso, colore da sempre
simbolo delle campagne contro la violenza di genere.
A seguire, i rappresentanti dell’amministrazione comunale si sono recati presso l’altra Panchina Rossa
collocata nell’area dei Giardini Caduti di Nassiryia, accanto a Palazzo Kursaal.
Più tardi alcune classi dell’indirizzo Sistema Moda dell’istituto Falcone sono rientrati a scuola e hanno dato
vita ad un flash-mob contro la violenza sulle donne organizzato con il patrocinio del Comune di Loano e la
collaborazione del Centro Antiviolenza Artemisia Gentileschi.
Fino al 30 novembre presso la Sala del Mosaico di Palazzo Doria sarà allestita la mostra delle opere
realizzate dagli studenti della 4B del corso di grafica dell’istituto Falcone. Attraverso una serie di
elaborazioni grafiche e di “manifesti di denuncia” sociale che richiamano film e opere d’arte (tra le quali
una di Artemisia Gentilischi) e simboli quali le “scarpette rosse”, gli studenti hanno evidenziato la
necessità di condannare ogni forma e gesto di violenza sulle donne e, soprattutto, hanno voluto
manifestare la loro vicinanza a chi questa violenza la subisce. La mostra sarà visitabile tutti i giorni
(escluso sabato e domenica) negli orari di apertura di Palazzo Doria.
Oggi dalle 18 alle 21 presso il “Vittorino” di corso Roma si terrà una serata dal titolo “Respect against
indifference”, evento di sensibilizzazione per la “Giornata internazionale contro la violenza sulla donna”
con raccolta fondi a favore del Centro Antiviolenza Artemisia Gentileschi (offerta minima 5 euro). Ai
partecipanti è richiesto di indossare un capo rosso a scelta. L’evento è organizzato da un gruppo di
amiche (“Quelle del Cappotto”) in collaborazione con il Centro Antiviolenza Artemisia Gentileschi, con le
associazioni #cosavuoichetilegga e Studio ProArt.
La serata prevede l’unione di tre grandi arti (musica, danza, recitazione). “Siamo un gruppo di amiche
con un appuntamento fisso, per parlare delle problematiche che si affrontano nel corso della vita: un
gruppo di teste pensanti con la voglia di fare qualcosa per il proprio territorio – spiegano Alessia Cepollina, Giulia Tassara, Valentina De Francesco, Serena Traverso, Natalia Facciolo, Vittoria Franchi –
Siamo donne e amiche e il nostro intento è quello di aiutare chi la voce non ce l’ha, o chi, per un motivo o
per l’altro, trova difficile urlare il proprio malessere: ecco perché abbiamo creato un gruppo chiamato
‘Quelle del Cappotto’. Il 25 novembre cercheremo di dar voce ad un tema difficile, che è quello della
violenza sulle donne. Nella ‘Giornata internazionale” dedicata a questo delicato argomento, abbiamo
deciso di organizzare una serata benefica e di sensibilizzazione, per diffondere ancor più il messaggio che
‘nessuna di noi deve rimanere sola’: musica, danza e recitazione crediamo siano i veicoli giusti per
coinvolgere e sensibilizzare, tenendoci uniti. Hanno collaborato con noi il Centro Antiviolenza Artemisia
Gentileschi, primo punto fermo per le donne che subiscono violenza psicologica e fisica, le danzatrici di
Studio ProArt, che con le loro coreografie trasmettono le sensazioni che troppe volte vengono messe a
tacere da chi subisce queste violenze e le lettrici/attrici di #cosavuoichetilegga, che portano nella loro
voce le emozioni di quei momenti. Ci ospiterà una donna, Barbara, padrona di casa di Vittorino a Loano,
imprenditrice che non ha esitato un secondo ad abbracciare la nostra idea. Infine vogliamo ringraziare
l’amministrazione comunale, nella figura del sindaco Lettieri Luca, per aver scelto di patrocinare il nostro
evento”.
Lunedì 29 novembre alle 10 una rappresentanza degli alunni dell’istituto Falcone si recherà presso la sala
consiliare del municipio per partecipare al convegno “Una storia come tante. Riflessioni sulla violenza di
genere: fisica, morale ed economica” a partire dal racconto “Anna e Marco” di Silvia Calzolaro. L’evento,
non aperto al pubblico, è organizzato dall’istituto Falcone con il patrocinio del Comune e della Fondazione
Fidapa e della sezione Fidapa Bpw Italy Riviera delle Palme di Loano e la collaborazione di Global Thinking
Foundation. Dopo i saluti della docente del Falcone Antonella Tosi, della presidente di Fidapa Loano
Silvana Saettone e del sindaco di Loano Luca Lettieri, ci sarà l’introduzione da parte della docente del
Falcone Daniela Di Pasquale. Seguirà la lettura del racconto da parte delle studentesse Camilla Garufo e
Gennady Chornyy. Il programma dei lavori prevede poi interventi dell’avvocato Silvia Calzolaro
(presidente della Consulta Famiglie di Alba), della dottoressa Sabrina Bonino (psicologa dell’Asl2 savonese
e supervisore Emdr) e di Claudia Segre (presidente di Global Thinking Foundation). Le conclusioni
saranno affidate all’avvocato Maria Candida Elia, presidente della Fondazione Fidapa onlus. Modera Selma
Chiosso, giornalista caporedattore de “La Stampa” di Torino.
Sempre in occasione della “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”, sui canali social del
Comune di Loano è stato presentato il videoclip di “27 Rose”, brano nato da un’idea di Sara Basso con
testo di Monica Caccia, musica di Davide Redegalli e arrangiamenti dei 4sixtyfive. Il brano ha come tema
principale una particolare forma di violenza sulle donne: quella psicologica. Nella canzone viene
raccontata la storia di una ragazza vittima di molestie che, dopo un percorso di sofferenza, supportata
dagli amici e dalle forze dell’ordine, riesce a vincere la propria battaglia e a ritrovare se stessa. Il video
musicale è stato girato dal fotografo Alessandro Gimelli, che ha messo a disposizione del progetto la sua
arte e il suo tempo in forma totalmente gratuita; le clip animate sono state realizzate da Franco Ciricillo e
Davide Redegalli; hanno contribuito alla realizzazione del video anche l’attrice Alessandra Munerol e
Stefano Ghilino.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: