Due Chiacchiere con l' Arte

Momenti di Jazz: di Daniele Neri

 

 

Daniele Neri è nato a Pavia nel 1956 dove risiede . Appassionato di Jazz e Poesia, è autore, poeta, songwriter, blogger e critico musicale .  Ha vinto due concorsi nazionali di poesia, il Concorso letterario in memoria di Lorenzo Cresti  2012 – Firenze con  la poesia “ANIMA B” nella categoria “Poesie a tema libero” e il  Concorso “Francesco Moro” di Sartirana Lomellina – XVII edizione-2014 con la poesia “SOGNO” . In altri concorsi nazionali e internazionali ha ottenuto menzioni di merito e premi speciali delle giurie .  Sue poesie compaiono in oltre 50 antologie  .   Le sue pubblicazioni edite sono “Attimi” (2016), “Pensieri dal vento”  (2017), “Volto di luna” (2018) , “Fuori tempo” (2019) e “Lilliput” (2020).  “Momenti di Jazz” è il suo primo saggio critico comprendente articoli e recensioni di dischi jazz.

Conosciamo meglio il nostro autore con alcune domande

Parlaci della tua vena poetica e come mai hai spaziato dalla poesia alla musica?

Ho sempre amato profondamente ascoltare musica, leggere qualsiasi cosa, dai libri ai fumetti, alle riviste ai quotidiani.

La “svolta decisiva” è arrivata dopo i 14 anni con la scoperta delle canzoni che venivano dall’Inghilterra e dagli Usa; negli anni a venire, ho iniziato a scoprire i poeti e gli scrittori italiani e stranieri,  da Pavese  a Moravia, da Hemingway a Henry Miller a Jack Kerouac fino alla Beat Generation : fu un colpo di fulmine straordinario, musica e poesia, poesia e musica correvano sulla stessa strada, il desidero di sognare e la voglia di crescere mi hanno portato dalle strade del rock fino al jazz, con una curiosità e una bramosia di conoscere e scoprire sempre cose nuove che non mi ha mai lasciato. Ho sempre  desiderato riuscire a suonare e scrivere : nel primo caso i risultati furono catastrofici, ad un ottimo “orecchio musicale” affiancavo una disastrosa manualità ; mi riusciva meglio scrivere, a scuola avevo voti molto alti nei temi e nelle composizioni, ma non avevo ancora idea dove potesse condurmi questa strada. Dopo anni di “buio” nei quali però ho mantenuto e coltivato sempre questi interessi, è arrivata la folgorazione : mi sono iscritto a gruppi di poesia ed ho cominciato a comporre poesie di diverso tipo. Ho iniziato a partecipare a concorsi nazionali vincendone subito uno e un altro nell’anno successivo. E’ arrivato il primo libro e altre successive pubblicazioni ottenute grazie a menzioni di merito e piazzamenti in altri concorsi. Con gli anni la mia poetica si è perfezionata  ma il desiderio di tornare all’antica passione giornalistica non mi ha mai abbandonato. L’idea di scrivere un saggio su alcuni capolavori del Jazz mi è venuta nel luglio 2020, grazie alla proposta del mio attuale editore ho proseguito il lavoro -molto impegnativo- e in cinque mesi il libro è stato ultimato e pubblicato. Ad oggi coltivo parallelamente musica e poesia, ho terminato un altro libro di poesie ed ho altre idee per un prosieguo musicale.

 

Scrivi qui una tua poesia o poche frasi che ti rappresentano di più come poeta o come scrittore ?

Rispondo senza esitazioni con la strofa finale di “Canterò un blues”, una delle mie tante poesie che uniscono musica e versi e che comparirà nel mio prossimo libro :

 

“Canterò un blues / perchè amo le sue note colorate/ perchè amo la Terra / perchè amo la Vita / perchè amo Te. / Canterò un blues ”

 

Poesia e musica sempre insieme, in fondo il Blues è parte della nostra vita anche se non ce ne accorgiamo.

 

Cosa provi quando scrivi?

Scrivo sempre in modo istintivo, riservandomi eventuali migliorie e correzioni in tempi successivi .

L’idea non va mai perduta, ma portata su carta e semmai rivista.

L’aver terminato una poesia è l’equivalente di un grande sollievo esistenziale che lascia una intima gioia  personale e il desiderio intenso di continuare il cammino sulla medesima strada.

Questo libro a chi è dedicato e perchè l’hai scritto?

Ho pensato, fortemente voluto e realizzato “MOMENTI DI JAZZ” principalmente per mettere alla prova il mio spirito critico e la mia cultura musicale. E’ stato un lavoro molto impegnativo, sia per la ricerca che per la stesura , ma posso dire di esserne pienamente soddisfatto. E’ rivolto e dedicato a tutte le persone che vogliono avvicinarsi a questa straordinaria musica che riserva sempre novità e desiderio di scoprire nuovi orizzonti.

Cosa ti aspetti dall’arte oggi?

Mi aspetto che continui ad essere tale e si rivolga a tutti, in particolar modo ai giovani ; l’Arte deve essere al servizio delle persone coinvolgendole in tutti i suoi aspetti, proponendosi con linguaggi adeguati che arrivino direttamente al cuore e alla mente di tutti. L’ Arte è parte integrante della nostra vita, non perdiamo il privilegio di conoscere tutto quanto di bello ci viene proposto e cerchiamo, a nostra volta, di offrire il nostro contributo qualunque esso sia. Partecipare… sempre.

Grazie per essersi raccontato a noi al nostro scrittore Daniele Neri

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: