AttualitàCuriosando qua e là

La città nella rete per i cittadini: infrastrutture, digitale, rigenerazione e sviluppo

La città come nodo della rete globale per garantire servizi di eccellenza ai cittadini e a tutte le persone che vivono la città per turismo o per lavoro; in questo modo Genova imposta la sua filosofia di sviluppo e la presenta alla Genova Smart Week, la manifestazione dedicata alle città intelligenti promossa dal Comune di Genova e dall’Associazione Genova Smart City con il supporto organizzativo di Clickutility Team in programma dal 29 novembre al 4 dicembre 2021. La Smart Week di Genova, giunta alla 7^ edizione, è un punto di riferimento territoriale e nazionale per confrontarsi su politiche, tecnologie e infrastrutture per la rigenerazione e lo sviluppo della Città e il benessere dei cittadini presentando best practice di aziende e istituzioni. L’edizione 2021 è caratterizzata da un format ibrido, in presenza e in live streaming, con sessioni in diverse location cittadine, a partire da  Palazzo Tursi, sede del Comune; in occasione della Smart Week, il 1° e il 2 dicembre, si svolgerà anche la 9^ edizione di Move.App Expo, il più importante evento in Italia dedicato all’innovazione tecnologica nel trasporto pubblico su ferro e su gomma (TPL) e alle politiche per la mobilità di persone e merci.

“Questa settimana è molto importante poiché occorre ripensare la città creandola a misura di cittadini che saranno al centro in tutti i progetti trattati con diversi elementi che si incontrano”, dichiara l’assessore alle politiche culturali del comune di Genova Barbara Grosso, “e lo strumento digitale è il mezzo di sviluppo dei progetti. Vi è necessità di adeguarsi al digitale e Genova è una città intelligente, sostenibile ed efficiente; questo processo non fa fermare la cultura visto che lo scorso anno c’è stata la visita digitale dei Rolli e durante il primo lockdown i ragazzi hanno potuto fare lezione grazie alla didattica a distanza attraverso la tecnologia non facendo fermare la cultura. Questo è un importante punto di partenza per creare una città Smart con un occhio al futuro; il progetto di Genova città Smart è molto importante perché migliora la vita delle persone e la tecnologia è un mezzo per migliorare, guardare avanti ed avere una città maggiormente fruibile”.

Parole simili da parte dell’assessore alla programmazione dello sviluppo economico Stefano Garassino :”Le infrastrutture digitali rendono Genova la capitale dello smart working e per la città è fondamentale essere smart; sono tante le aziende del settore presenti nel capoluogo ligure e la partnership con le istituzioni è molto importante. Abbiamo in cantiere molti progetti coinvolgendo anche gli anziani che usano gli strumenti tecnologici e nel prossimo mandato amministrativo vogliano coinvolgere coloro che sono scettici; esiste un app che permette di prenotare i pagamenti alle poste evitando così le code alle persone anziane ma la vera svolta sarà quella di fare più informazione e incontri per spiegare a tutti i servizi esistenti e futuri. Il sindaco Bucci è molto attento su questi temi e la digitalizzazione è necessaria per migliorare l’attività delle nuove aziende; presso il Blue District abbiamo molte start-up create da giovani e meno giovani che si ampliano senza dimenticare i cavi sottomarini necessari per il trasporto di dati e che renderanno Genova una città attrattiva per le aziende”.

“La riqualificazione del sistema dei Forti è molto importante e la digitalizzazione ci ha aiutati molto”, riprende l’assessore Grosso, “ma voglio ricordare che il nostro patrimonio, di cui fanno parte più di 300.000 opere, é digitalizzato ed è a disposizione degli studiosi, di altri musei e della collettività”.

“Il sindaco Bucci sta lavorando bene per rendere la città sempre più attrattiva e competitiva”, afferma Daniela Aimeri, presidente dell’associazione Genova Smart City, “e questi importanti progetti sono sviluppati dal comune e dalle diverse realtà. La nostra associazione ha intorno tante società e insieme stiamo facendo progetti per aiutare le persone a vivere meglio; il programma è bello e inclusivo ma vi è necessità di fare una riflessione sulla sostenibilità in ogni settore. La tecnologia aiuta tutti attraverso la domotica e rende le abitazioni migliori ma può anche diventare strumento di occupazione per i giovani”.

“Questa è la settima edizione dell’evento con i convegni che saranno in presenza e da remoto senza dimenticare la visibilità nazionale della manifestazione e la sinergia con l’amministrazione comunale che è sempre più stretta; lunedì 29 a Palazzo Tursi si parlerà al mattino di Città nodo della rete globale mentre al pomeriggio l’argomento principale sarà il 5g; il giorno dopo in mattinata verrà trattato il tema del contributo al PON METRO alla trasformazione delle Smart Cities. Il 1 dicembre si discuterà del PNRR e della valorizzazione del patrimonio storico senza tralasciare la riqualificazione delle periferie ed il bonus 110%; sempre mercoledì prenderà il via l’edizione numero nove di Move.App Expo mentre il 2 dicembre si parlerà del controllo dell’ambiente urbano con una particolare attenzione all’economia circolare ed ai servizi digitali per il benessere di teleprevenzione e telefitness. Venerdì 3 e sabato 4 dicembre in Piazza Matteotti saranno presenti diversi mezzi elettrici come automobili, scooter e biciclette che potranno essere provati dalle persone; degno di nota è il contest #chooseyourzena per catturare con fotografie e video i momenti della Genova del futuro e le opere vincitrici saranno esposte dal 13 dicembre al 16 gennaio presso Palazzo Tursi. Lunedì sera ci sarà invece un importante momento culturale con lo spettacolo “I mille del Ponte”; il programma è ricco e Genova è all’avanguardia nel settore. Ringrazio tutti i soggetti coinvolti dicendo che la nostra è una città in cui i trasporti pubblici elettrici funzionano bene e nel 2030 sarà raggiunto l’obiettivo richiesto dalla famosa agenda sull’ecosostenibilità”, conclude Carlo Silva, uno degli organizzatori della manifestazione.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: